Forti tempeste possono causare onde sismiche, gli “stormquake”

Secondo la scoperta alcuni terremoti hanno origine da violente tempeste marine che si sviluppano in particolari aree oceaniche.

Il mistero di alcuni segnali sismici finora risultati inspiegabili è stato svelato: gli “stormquake” (neologismo formato da “tempesta” e “sisma”, come “earthquake” sta per terremoto) sono un fenomeno sismico che soltanto di recente gli esperti sono riusciti a decifrare. Se ne parla nella ricerca pubblicata su Geophysical Research Letters, risultato dell’analisi di dati sismici da 10 anni fa ad oggi, che evidenzia le origini del fenomeno che si sviluppa al largo dalle coste, in alto mare. I ricercatori sono riusciti per la prima volta ad isolare dal rumore costante degli oceani la serie di movimenti ondulatori che da origine al cosiddetto stormquake, che consiste in battiti di onde sismiche generate da tempeste particolarmente violente.

Che gli oceani producessero segnali sismici era già noto ai ricercatori, ma alcuni di questi segnali, che si verificavano con una frequenza compresa tra 0,02 e 0,05 Hertz, non sembravano riconducibili ad alcun fenomeno. A fornire un importante indizio è stato lo schema con il quale si verificavano, che sembrava avere una periodicità. “I segnali erano stagionali”, spiega il ricercatore Wenyuan Fan. “I terremoti non hanno stagionalità, ma il tempo si”.

Ma la furia di una tempesta da sola non è sufficiente per provocare un terremoto. È necessario che l’area dove si sviluppa abbia la giusta conformazione geologica, che in questo caso, spiega Fan, consiste probabilmente in una piattaforma continentale ampia ad una profondità relativamente scarsa. Ciò sembrerebbe favorire lo sviluppo di onde più ampie e a frequenze inferiori rispetto a quelle generate dalle onde dell’oceano.

Se finora molte informazioni relative a questi eventi venivano scartate perché considerate “rumori” irrilevanti, oggi sono rivalutate dalla ricerca, perché in grado di fornire dati utili sui meccanismi terrestri. Comprendere le dinamiche degli oceani e la struttura del nostro pianeta è alla base di tali studi e può rappresentare un valido strumento per prevedere e monitorare i fenomeni più pericolosi.

Articolo di Erika del 20 Ottobre 2019 alle ore 17:02

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Venerdi 22 Novembre
Le più Calde
Località T°C
Trento 10°
Bergamo 10°
Lecco 10°
Como 10°
Asti 10°
Vercelli
Novara
Sondrio
Belluno
Torino
Le più Fredde
Località T°C
Alessandria 10°
Milano 11°
Brescia 11°
Pavia 11°
L'aquila 11°
Lodi 12°
Potenza 12°
Verona 12°
Vicenza 12°
Piacenza 12°
Domani Sabato 23 Novembre
Le più Calde
Località T°C
Belluno 10°
Aosta 10°
Biella
Cuneo
Foggia 21°
Palermo 21°
Bari 20°
Pescara 20°
Trapani 19°
Rimini 19°
Le più Fredde
Località T°C
Sondrio 10°
Bolzano 10°
Varese 12°
Torino 12°
Trento 13°
Como 13°
L'aquila 13°
Lecco 13°
Novara 13°
Bergamo 13°