Antartide, il ghiacciaio Thwaites ha i giorni contati

Secondo gli scienziati il declino è irreversibile, presto il ghiacciaio potrebbe andare in pezzi.

Una nuova dichiarazione del ricercatore David Holland, scienziato atmosferico della New York University, rivela quanto velocemente si sta sciogliendo il ghiacciaio Thwaites, soprannominato “il ghiacciaio del giorno del giudizio”. L’enorme piattaforma di ghiaccio in Antartide occidentale potrebbe scomparire entro pochi decenni, liberando una quantità di acqua che aumenterebbe di diversi metri il livello del mare.

“Potrebbe crollare rapidamente, nel giro di decenni, o potrebbero passare secoli”, afferma Holland, che attualmente è impegnato in una ricerca nel sito del ghiacciaio, con l’obiettivo di studiare la linea di messa a terra della piattaforma, dove il ghiaccio incontra il fondale marino. Saranno le temperature e i livelli di salinità a suggerire il tasso di velocità di scioglimento del ghiacciaio e a rivelare la gravità della perdita di ghiaccio nel punto di ancoraggio.

Il declino inevitabile dei ghiacci nell’Antartide occidentale era stato annunciato dalla NASA nel 2014. Questa regione registra infatti una drastica perdita di massa ghiacciata rispetto al resto del continente. Nel 2021 i ricercatori hanno appurato che il ghiacciaio Thwaites è più instabile di quanto si pensasse, accorciando di diversi decenni la prospettiva di vita dello stesso. Ora il team di ricercatori sta cercando di capire quanto tempo rimane.

Dal momento del distacco nel 2017, l’iceberg A-68a ha rilasciato circa 152 miliardi di tonnellate di acqua dolce nell’oceano.

Come il ghiacciaio Thwaites, altre piattaforme stanno rilasciando grandi quantità di acqua dolce nell’oceano, con il rischio di interferire con gli ecosistemi marini. Secondo un recente studio di un gruppo di ricercatori di Cambridge e dell’Università di Leeds, l’iceberg A-68a, che si distaccò dalla piattaforma Larson C nel 2017, era il più grande al mondo prima di frantumarsi in una dozzina di frammenti.

Secondo lo studio, l’A-68a ha scaricato circa 152 miliardi di tonnellate di acqua dolce nella stessa area dove vivono le colonie di pinguini. Ciò potrebbe influenzare la temperatura, l’ambiente e la vita marina in modi inaspettati e potenzialmente letali per le specie. “Gli iceberg hanno un impatto sulle proprietà fisiche e biologiche dell’oceano dove vanno alla deriva, a seconda del grado di scioglimento”, scrivono gli autori dello studio.

Le due analisi mostrano quanto sia urgente intervenire a livello globale per mitigare il cambiamento climatico. Gli effetti di questo declino non si limitano infatti alla vita marina del luogo, come ben sappiamo, ma innescano una serie di processi che interferiscono a livello planetario, a partire dall’innalzamento del livello del mare.

Articolo di Erika del 22 Gennaio 2022 alle ore 10:50

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Venerdi 20 Maggio
Le più Calde
Località T°C
Ferrara 30°
Mantova 30°
Modena 30°
Rovigo 30°
Piacenza 30°
Foggia 30°
Cremona 29°
Lodi 29°
Parma 29°
Bologna 29°
Le più Fredde
Località T°C
Vibo Valentia 20°
Savona 20°
Ancona 20°
Messina 21°
Cagliari 21°
Trapani 21°
Genova 21°
Livorno 21°
Catania 21°
Brindisi 22°
Domani Sabato 21 Maggio
Le più Calde
Località T°C
Mantova 32°
Rovigo 32°
Cremona 32°
Ferrara 32°
Piacenza 32°
Lodi 32°
Padova 32°
Vicenza 32°
Parma 31°
Modena 31°
Le più Fredde
Località T°C
Vibo Valentia 19°
Savona 20°
Messina 20°
Genova 21°
Cagliari 21°
Livorno 21°
Trapani 21°
Ancona 22°
La Spezia 22°
Cosenza 23°