Scoperto il primo pianeta al di fuori della Via Lattea

Tempo di lettura: 1 minuto.

È grande quanto Saturno e si trova a 28 milioni di anni luce da noi.

Negli ultimi anni gli astronomi sono riusciti ad individuare migliaia di esopianeti in diversi sistemi solari, ma non hanno ancora prove di pianeti in altre galassie oltre la nostra. Ora, attraverso i dati del telescopio Chandra della NASA, un team internazionale di scienziati potrebbe aver trovato per la prima volta le tracce di un esopianeta al di fuori della Via Lattea.

I ricercatori hanno rilevato il pianeta nella galassia Messier 51, a ben 28 milioni di anni luce di distanza dalla Terra. Stando alle osservazioni, avrebbe le dimensioni di Saturno e si troverebbe in un sistema stellare binario chiamato M51_ULS-1.

La scoperta è avvenuta dopo che il team ha notato variazioni nella luminosità emanata da una stella, un fenomeno che solitamente è causato dal transito di un pianeta tra la stella e il nostro punto di osservazione. Grazie al rilevamento a raggi X, i ricercatori hanno registrato dei cali nella luce proveniente dal sistema stellare, situato in una regione promettente per l’osservazione.

“Il metodo che abbiamo sviluppato e impiegato è l’unico metodo attualmente implementabile per scoprire sistemi planetari in altre galassie”, ha spiegato Rosanne Di Stefano, astronoma presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics e autrice principale dello studio pubblicato su Nature Astronomy. “È un metodo unico, particolarmente adatto per trovare pianeti attorno a binari a raggi X a qualsiasi distanza da cui possiamo misurare una curva di luce”, ha aggiunto.

Ma gli esperti puntualizzano: è ancora troppo presto per determinare l’esistenza di questo pianeta extragalattico. Inoltre, il pianeta in questione ha un’orbita così grande che per completarla impiega circa 70 anni, il che significa che soltanto allora potremo rilevare un altro calo di raggi X. Verificare la scoperta dell’esopianeta è quindi molto complesso, se non impossibile.

“Sappiamo che stiamo facendo un’affermazione entusiasmante e audace, quindi ci aspettiamo che altri astronomi la esaminino con molta attenzione”, ha dichiarato la co-autrice e ricercatrice di Princeton Julia Berndtsson in una dichiarazione della NASA. Ma il team ritiene di avere “un argomento forte”, ha aggiunto, “ed è in questo modo che funziona la scienza”.

Articolo di Erika del 27 Ottobre 2021 alle ore 17:07

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Lunedi 29 Novembre
Le più Calde
Località T°C
Vibo Valentia 10°
Imperia 10°
Foggia 10°
Ancona 10°
Matera 10°
Ragusa
Benevento
Livorno
Savona
Sassari
Le più Fredde
Località T°C
Aosta -0°
Caserta 10°
Catanzaro 10°
Roma 10°
Latina 11°
Agrigento 11°
Oristano 11°
Napoli 11°
Cagliari 11°
Bari 11°
Domani Martedi 30 Novembre
Le più Calde
Località T°C
Rimini 10°
Pisa 10°
Caserta 10°
Catanzaro 10°
Ragusa 10°
Ferrara
Vicenza
Benevento
Trieste
Ascoli Piceno
Le più Fredde
Località T°C
Bologna 10°
Foggia 10°
Alessandria 10°
Modena 10°
Ancona 10°
Roma 10°
Ravenna 10°
Latina 10°
Bari 11°
Grosseto 11°