Le maestose valli di Marte potrebbero non essere state create da fiumi

Tempo di lettura: 2 minuti.

Alcune formazioni mostrano una forte somiglianza con i canali subglaciali sulla Terra, come quelli di Devon Island, nell’Artico.

Il paesaggio del Pianeta Rosso potrebbe non essere stato scolpito da corsi d’acqua, secondo un nuovo studio. La ricerca, pubblicata su Nature Geoscience, arriva proprio nel contesto di numerose nuove missioni su Marte alla ricerca di antiche forme di vita e mette in dubbio una teoria dominante, secondo la quale il pianeta un tempo avesse un clima caldo e umido con abbondante acqua allo stato liquido.

Secondo il team di ricercatori canadesi e statunitensi, che hanno analizzato oltre 10.000 vallate del pianeta, il paesaggio marziano potrebbe essere stato modellato da ghiacciai e non da fiumi. L’ipotesi nasce dal confronto con i canali creati dai ghiacciai sulla Terra, che ha rivelato diverse somiglianze, come con i canali subglaciali di Devon Island, nell’Artico canadese.

“Negli ultimi 40 anni, da quando sono state scoperte le valli di Marte, si supponeva che i fiumi un tempo scorressero sul pianeta, erodendo e dando origine a tutte queste valli”, ha dichiarato l’autore principale Anna Grau Galofre. Ma la grande varietà delle formazioni esistenti suggerisce che “erano in gioco molti processi per scolpirle”.

Gli autori dello studio ritengono che alcune valli marziane potrebbero essersi formate circa 3,8 miliardi di anni fa a causa dell’acqua di fusione sotto le calotte glaciali, allineandosi potenzialmente con i modelli climatici nell’ottica di un pianeta molto più freddo in passato. “I risultati mostrano che solo una frazione delle reti a valle corrisponde agli schemi tipici dell’erosione delle acque superficiali, che è in netto contrasto con la visione convenzionale”, sottolinea il coautore Mark Jellinek.

Nella ricerca gli autori affermano poi che le temperature ghiacciate avrebbero sostenuto meglio la vita antica su Marte. “Una lastra di ghiaccio darebbe maggiore protezione e stabilità alle acque sottostanti, oltre a fornire riparo dalle radiazioni solari in assenza di un campo magnetico – qualcosa che Marte aveva una volta, ma che è scomparso miliardi di anni fa”, si legge nella dichiarazione dall’Università della Columbia Britannica.

La scoperta arriva appena dopo il lancio del rover Perseverance su Marte da parte della NASA, alla ricerca di tracce dell’antica vita microbica marziana. Il rover dovrebbe raggiungere Marte il 18 febbraio 2021, secondo i piani, dove potrà raccogliere campioni di roccia che potrebbero fornire informazioni su una possibile vita passata sul Pianeta Rosso.

Articolo di Erika del 05 Agosto 2020 alle ore 11:57

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Sabato 16 Gennaio
Le più Calde
Località T°C
Sassari
Latina
Ragusa
Crotone
Roma
Salerno
Imperia
Napoli
Grosseto
Vibo Valentia
Le più Fredde
Località T°C
Potenza -1°
L'aquila -1°
Belluno
Campobasso
Bolzano
Messina 10°
Palermo 10°
Agrigento 11°
Trapani 11°
Siracusa 12°
Domani Domenica 17 Gennaio
Le più Calde
Località T°C
Genova 10°
Pisa
Savona
Napoli
Lucca
Salerno
Pescara
Alessandria
Rimini
Firenze
Le più Fredde
Località T°C
Potenza
Belluno
L'aquila
Messina 10°
La Spezia 10°
Agrigento 10°
Imperia 10°
Grosseto 10°
Livorno 11°
Sassari 11°