Prime operazioni “Salvamare” in Campania, raccolte 19 tonnellate di rifiuti

Il progetto ha visto la collaborazione di gran parte delle associazioni di pesca campane e di tutte le aree marine protette del territorio.

La Legge Salvamare approvata alla Camera lo scorso ottobre – prossima all’approvazione decisiva del Senato – si conferma efficace ed essenziale per la tutela dei nostri mari. Le prime applicazioni in Campania hanno visto risultati impressionanti: i pescatori hanno raccolto ben 19 tonnellate di rifiuti da 4 aree marine protette, per un totale di 52.000 ettari di mare. Tra le aree interessate soprattutto Ischia, Procida, Punta Campanella, la riserva naturale tra il Golfo di Napoli e il Golfo di Salerno, il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano.

Il progetto Remare, finanziato dalla Regione Campania grazie ai fondi europei, ha creato per la prima volta una grande sinergia tra le associazioni e cooperative di pesca e tutte le aree marine della regione, coinvolgendo 393 pescherecci e un’area marina che va da nord a sud della Campania. I risultati diffusi in questi giorni a Piano di Sorrento evidenziano tra i rifiuti rinvenuti la prevalenza di plastica (64%), poi vetro (8%), attrezzi da pesca (4%), legno (4%), oggetti metallici, tessili o di altri materiali (20%).

Le imbarcazioni coinvolte nelle operazioni, iniziate ad agosto, sono state dotate di sacche apposite per la raccolta dei rifiuti, dove i pescatori hanno accuratamente riposto i rifiuti intrappolati dalle reti. Una volta rientrate le imbarcazioni, i rifiuti sono stati consegnati ad una società di smaltimento incaricata e regolarmente iscritta al registro internazionale degli intermediari. La messa in pratica dell’iniziativa è stata inoltre preceduta da campagne di informazione e sensibilizzazione, rivolte innanzitutto ai pescatori stessi, i primi responsabili del fenomeno delle reti fantasma o “gost fishing”, che rappresenta il 10% dei rifiuti marini nel mondo.

Il successo della sperimentazione del progetto in Campania vede in una soluzione semplice ma innovativa un passo importante per liberare i mari da tonnellate di rifiuti. Se prima la legge obbligava i pescatori a ributtare in mare i rifiuti rinvenuti accidentalmente nelle reti – riportarli sulla terraferma era un’azione perseguibile per trasporto di rifiuti illecito – ora l’iniziativa conferisce loro un ruolo fondamentale di collaborazione nella pulizia del mare.

Articolo di Erika del 22 Novembre 2019 alle ore 17:48

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Giovedi 02 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Foggia 37°
Matera 35°
Siracusa 35°
Benevento 34°
Palermo 34°
Ragusa 34°
Lecce 34°
Enna 34°
Ferrara 34°
Terni 34°
Le più Fredde
Località T°C
Savona 24°
Genova 25°
Ancona 25°
Livorno 25°
Cagliari 26°
Belluno 26°
La Spezia 26°
Aosta 27°
Imperia 27°
Vibo Valentia 27°
Domani Venerdi 03 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Agrigento 38°
Foggia 36°
Matera 34°
Ragusa 34°
Frosinone 34°
Lecce 33°
Benevento 33°
Latina 33°
Enna 33°
Roma 33°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 22°
Cuneo 24°
Biella 24°
Belluno 25°
Sondrio 25°
Ancona 25°
Varese 25°
Livorno 26°
Bolzano 26°
Messina 26°