Il leone non è più forte come una volta. E la colpa è dell’uomo.

La caccia secolare ha reso il grande felino geneticamente più debole e vulnerabile.

Il re della savana potrebbe non essere più degno di questo nome. La sopravvivenza del grande felino celebre per la sua forza è sempre più a rischio, poiché le difese del suo DNA si stanno abbassando. La caccia ai leoni, come ad altri animali selvatici africani, ha radici secolari e il suo impatto ha delle conseguenze drammatiche sulla specie. Lo dimostra uno studio guidato da Simon Dures della Zoological Society di Londra, il quale afferma che i leoni che 100 anni fa venivano uccisi dai cacciatori coloniali erano geneticamente diversi da quelli che attualmente popolano l’Africa.

Oltre al numero degli esemplari, anche la loro idoneità genetica sembra precipitata. “La perdita della diversità genetica significa che i leoni ora sono meno in grado di resistere a nuove malattie o problemi ambientali, come ondate di calore o siccità”, afferma Dures. Ciò vuol dire che la lotta per la sopravvivenza della specie potrebbe essere più difficile di quanto si pensasse in precedenza, poiché il calo della resistenza di questi maestosi predatori ha determinato la loro classificazione come specie “vulnerabile”.

Alla fine del XIX secolo si contavano circa 200.000 Panthera leo tra le savane dell’Africa. Dopo l’arrivo dei colonialisti europei, che iniziarono a cacciare i leoni per hobby o per proteggere il bestiame, il numero è calato a meno di 20.000. Secondo i dati rilevati dal DNA ricavato dal team di ricercatori da diversi campioni, la diversità genetica della popolazione di leoni è stata ridotta del 15%.

Si tratta di un’allarmante scoperta, poiché una scarsa selezione di geni potrebbe non consentire a questi animali di affrontare i cambiamenti ambientali e climatici, la diffusione di nuove malattie, la pressione dell’habitat ed altre minacce. “È un problema moderno, ma i segnali di pericolo sono in circolazione da molto tempo”, afferma Dures.

Articolo di Erika del 08 Agosto 2019 alle ore 17:15

Altri articoli di approfondimento

Parte l’autunno tra impulsi instabili e bel tempo: dove e quando pioverà in settimana?

Un lunedì con piogge e rovesci temporaleschi? Ecco dove!

In Australia l’acqua sta finendo, si avvicina il “Day Zero”

I migranti nel mondo sono 272 milioni e crescono più della popolazione globale

Tempesta tropicale Imelda: piogge eccezionali sul Texas

Una gigantesca nuvola di polvere ha causato un “boom” della vita sulla Terra

Fine settimana tra fine delle piogge, ritorno del sole e arrivo del maltempo!

Decreto Clima: dal 2020 incentivi per l’eco-sostenibile

Fronte freddo sull’Italia fino a venerdì: rovesci sparsi da nord a sud e calo termico!

Estate 2019, la più calda mai registrata per il 90% della popolazione mondiale

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Lunedi 23 Settembre
Le più Calde
Località T°C
Siracusa 34°
Palermo 32°
Catania 31°
Foggia 31°
Lecce 30°
Matera 29°
Bari 28°
Brindisi 28°
Crotone 28°
Benevento 28°
Le più Fredde
Località T°C
Bolzano 18°
Aosta 18°
Trento 19°
Belluno 19°
Sondrio 19°
Gorizia 20°
Ancona 20°
Venezia 20°
Fermo 20°
Rimini 20°
Domani Martedi 24 Settembre
Le più Calde
Località T°C
Siracusa 30°
Catania 28°
Agrigento 28°
Ragusa 27°
Roma 26°
Taranto 26°
Latina 26°
Cagliari 26°
Palermo 26°
Caserta 26°
Le più Fredde
Località T°C
Fermo 20°
Belluno 20°
L'aquila 20°
Campobasso 20°
Sondrio 20°
Ancona 20°
Biella 20°
Macerata 20°
Savona 20°
Chieti 21°