“Sepolte” nel permafrost, le antiche malattie potrebbero tornare alla luce

Insieme ai fossili del Pleistocene, l’aumento delle temperature libererà dal ghiaccio anche scorie nucleari, malattie e una quantità enorme di carbonio.

Con le temperature che continuano ad aumentare e il conseguente scioglimento dei ghiacciai molte cose intrappolate per milioni di anni rischiano di venire alla luce. Secondo quanto affermato da BBC News, accanto ai fossili del Pleistocene che stanno spuntando dal permafrost giacciono tossine congelate, scorie nucleari e una quantità di carbonio sufficiente a raddoppiare le emissioni attuali di gas serra nell’atmosfera.

Il permafrost è ricco di sostanze organiche e contiene circa 1.500 miliardi di tonnellate di carbonio, ovvero il doppio di quello attualmente presente in atmosfera. Lo scioglimento previsto entro il 2100 dipende effettivamente dal modo in cui rispondiamo ai cambiamenti climatici: potrebbe oscillare trail 70% se continuiamo a bruciare combustibili fossili sul trend attuale e il 30% se riduciamo al massimo le emissioni globali. In tutti i casi si prevede un rilascio maggiore o minore di carbonio, metano e scorie tossiche, nonché la probabilità che malattie pericolose finora “congelate” come l’influenza spagnola, il vaiolo e persino la peste bubbonica possano tornare a infestare le popolazioni.

Molte cose dipendono dal permafrost, come il Doomsday Vault, un enorme deposito di semi di piante che fa affidamento sull’Artico ghiacciato, o la messa in sicurezza dei rifiuti nucleari di nazioni quali Svezia, Finlandia e Canada. Si tratta di una vera bomba ad orologeria, che secondo i ricercatori potrebbe non “esplodere” così lentamente, anzi il rilascio di sostanze dannose potrebbe rivelarsi rapido e fuori controllo.

Tutto dipende dalle azioni intraprese dalla comunità internazionale, afferma la scienziata Sue Natali, del Woods Hole Research Center. “Il destino dell’Artico non è scontato”, dichiara. “Dobbiamo preservare il più possibile il permafrost. E noi abbiamo un controllo su questo. Le nostre emissioni non possono restare ‘business as usual’. L’Artico dipende da questo e noi dipendiamo dall’Artico”.

Articolo di Erika del 21 Giugno 2019 alle ore 17:41

Altri articoli di approfondimento

Inizio settimana con vortice maltempo e più fresco: a quando il ritorno di caldo e bel tempo?

Passaggio del vortice di maltempo porta anche calo termico: dove e quanto?

Scoperto il gene che permette alle piante di assorbire più CO2

Vortice depressionario lunedì e martedì sull’Italia: piogge e rovesci diffusi con netto calo termico!

Nel 2100 potrebbero non nascere più maschi di tartarughe marine

Nepal, 43 vittime a causa delle forti inondazioni

Tromba d’aria sul litorale casertano, in Campania: si segnalano feriti e danni!

Plastica in mare, dalla Campania arriva “Litter Hunter”

La spesa degli occidentali sta minacciando la sicurezza alimentare globale

Weekend ancora movimentato in arrivo: temporali e acquazzoni tornano protagonisti!

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Lunedi 15 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Palermo 31°
Caserta 30°
Latina 30°
Benevento 29°
Foggia 29°
Nuoro 29°
Roma 28°
Agrigento 28°
Frosinone 28°
Cagliari 28°
Le più Fredde
Località T°C
Cuneo 15°
Aosta 19°
L'aquila 20°
Biella 21°
Torino 21°
Belluno 21°
Asti 22°
Varese 22°
Perugia 22°
Novara 22°
Domani Martedi 16 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Grosseto 31°
Oristano 31°
Roma 31°
Latina 30°
Siracusa 29°
Mantova 29°
Lucca 29°
Agrigento 28°
Ferrara 28°
Modena 28°
Le più Fredde
Località T°C
Potenza 19°
Campobasso 20°
L'aquila 21°
Enna 22°
Vibo Valentia 22°
Isernia 22°
Matera 22°
Catanzaro 23°
Cosenza 23°
Brindisi 23°