Inquietante neve nera ricopre la Siberia, ecco perché

Gli abitanti della regione di Kemerovo stanno vivendo un “incubo industriale”. Le città sono ricoperte da fitta neve nera altamente tossica.

 

Neve nera in SiberiaNeve nera ricopre la Siberia

 

 

Quando si pensa ad un paesaggio innevato tutto ci si aspetta fuorché ciò che sta accadendo nel sudovest della Siberia. Lo scenario è spettrale nella regione mineraria del carbone di Kemerovo, dove le città di Prokopyevsk, Kiselyovsk e Leninsk-Kuznetsky sono ricoperte da una fitta neve nera. Le immagini del paesaggio oscuro hanno fatto il giro dei social network e sono state descritte dai media russi come post-apocalittiche. “C’è sempre molta polvere di carbone nell’aria”, ha detto a The Guardian Vladimir Slivyak, co-presidente del gruppo di difesa ambientale ecologico Ecodefense. “Quando la neve cade diventa visibile. Non puoi vederla per il resto dell’anno, ma c’è sempre.”

Gli abitanti delle città che si trovano nel bacino di Kuznetsk, che si estende per circa 70.000 chilometri quadrati, pagano a caro prezzo la vita in questa zona, costantemente esposti alle polveri delle miniere a cielo aperto, degli impianti di preparazione e delle scorte di carbone. Kuznetsk è una delle più grandi aree di estrazione di carbone al mondo, dove avviene il 60% della produzione totale di carbone della Russia. La neve che la sta ricoprendo è fortemente inquinata dalle polveri di carbone che normalmente pervadono l’atmosfera ed è quindi altamente tossica e dannosa per la popolazione locale.

L’aspettativa di vita media nella regione di Kuzbass è di 4 anni inferiore alla media nazionale della Russia, accompagnata da un alto tasso di malattie respiratorie e neurologiche anche nei giovani, ma l’industria carboniera russa non sembra voler far fronte alla situazione di grave inquinamento che comporta enormi rischi per la salute e che attualmente è al centro di forte dibattito. Critici e oppositori politici sottolineano l’urgenza di provvedimenti sulla situazione ambientale in Siberia, sostenendo che si tratta di un problema sistemico di vecchia data e non legato a possibili fenomeni isolati. E mentre i residenti cercano di farsi sentire lamentando la presenza di rifiuti e polvere persistente nell’aria, la neve nera continua a cadere. “I nostri bambini e noi lo respiriamo, è solo un incubo.”

Articolo di Erika del 20 Febbraio 2019 alle ore 13:00

Altri articoli di approfondimento

Parte l’autunno tra impulsi instabili e bel tempo: dove e quando pioverà in settimana?

Un lunedì con piogge e rovesci temporaleschi? Ecco dove!

In Australia l’acqua sta finendo, si avvicina il “Day Zero”

I migranti nel mondo sono 272 milioni e crescono più della popolazione globale

Tempesta tropicale Imelda: piogge eccezionali sul Texas

Una gigantesca nuvola di polvere ha causato un “boom” della vita sulla Terra

Fine settimana tra fine delle piogge, ritorno del sole e arrivo del maltempo!

Decreto Clima: dal 2020 incentivi per l’eco-sostenibile

Fronte freddo sull’Italia fino a venerdì: rovesci sparsi da nord a sud e calo termico!

Estate 2019, la più calda mai registrata per il 90% della popolazione mondiale

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Lunedi 23 Settembre
Le più Calde
Località T°C
Siracusa 34°
Palermo 32°
Catania 31°
Foggia 31°
Lecce 30°
Matera 29°
Bari 28°
Brindisi 28°
Crotone 28°
Benevento 28°
Le più Fredde
Località T°C
Bolzano 18°
Aosta 18°
Trento 19°
Belluno 19°
Sondrio 19°
Gorizia 20°
Ancona 20°
Venezia 20°
Fermo 20°
Rimini 20°
Domani Martedi 24 Settembre
Le più Calde
Località T°C
Siracusa 30°
Catania 28°
Agrigento 28°
Ragusa 27°
Roma 26°
Taranto 26°
Latina 26°
Cagliari 26°
Palermo 26°
Caserta 26°
Le più Fredde
Località T°C
Fermo 20°
Belluno 20°
L'aquila 20°
Campobasso 20°
Sondrio 20°
Ancona 20°
Biella 20°
Macerata 20°
Savona 20°
Chieti 21°