Inquietante neve nera ricopre la Siberia, ecco perché

Gli abitanti della regione di Kemerovo stanno vivendo un “incubo industriale”. Le città sono ricoperte da fitta neve nera altamente tossica.

 

Neve nera in SiberiaNeve nera ricopre la Siberia

 

 

Quando si pensa ad un paesaggio innevato tutto ci si aspetta fuorché ciò che sta accadendo nel sudovest della Siberia. Lo scenario è spettrale nella regione mineraria del carbone di Kemerovo, dove le città di Prokopyevsk, Kiselyovsk e Leninsk-Kuznetsky sono ricoperte da una fitta neve nera. Le immagini del paesaggio oscuro hanno fatto il giro dei social network e sono state descritte dai media russi come post-apocalittiche. “C’è sempre molta polvere di carbone nell’aria”, ha detto a The Guardian Vladimir Slivyak, co-presidente del gruppo di difesa ambientale ecologico Ecodefense. “Quando la neve cade diventa visibile. Non puoi vederla per il resto dell’anno, ma c’è sempre.”

Gli abitanti delle città che si trovano nel bacino di Kuznetsk, che si estende per circa 70.000 chilometri quadrati, pagano a caro prezzo la vita in questa zona, costantemente esposti alle polveri delle miniere a cielo aperto, degli impianti di preparazione e delle scorte di carbone. Kuznetsk è una delle più grandi aree di estrazione di carbone al mondo, dove avviene il 60% della produzione totale di carbone della Russia. La neve che la sta ricoprendo è fortemente inquinata dalle polveri di carbone che normalmente pervadono l’atmosfera ed è quindi altamente tossica e dannosa per la popolazione locale.

L’aspettativa di vita media nella regione di Kuzbass è di 4 anni inferiore alla media nazionale della Russia, accompagnata da un alto tasso di malattie respiratorie e neurologiche anche nei giovani, ma l’industria carboniera russa non sembra voler far fronte alla situazione di grave inquinamento che comporta enormi rischi per la salute e che attualmente è al centro di forte dibattito. Critici e oppositori politici sottolineano l’urgenza di provvedimenti sulla situazione ambientale in Siberia, sostenendo che si tratta di un problema sistemico di vecchia data e non legato a possibili fenomeni isolati. E mentre i residenti cercano di farsi sentire lamentando la presenza di rifiuti e polvere persistente nell’aria, la neve nera continua a cadere. “I nostri bambini e noi lo respiriamo, è solo un incubo.”

Articolo di Erika del 20 Febbraio 2019 alle ore 13:00

Altri articoli di approfondimento

Fine settimana dal doppio volto: prima soleggiato poi peggiora e rinfresca!

Sotto la lente: 25 Aprile bagnato? Ecco dove!

Assaggio estivo al centro-sud tra mercoledì e venerdì: temperature massime oltre i +25°C!

Greenpeace: ecco dove finiscono i rifiuti di plastica italiani

Italia divisa tra maltempo e assaggio estivo: altra settimana pimpante di Aprile!

Il 22 aprile torna la Giornata Mondiale della Terra

Orso polare denutrito arriva in un villaggio lontano chilometri dal suo habitat

Attenzione venti di scirocco forti in arrivo a Pasquetta accompagnati da sabbia del deserto!

Lungo weekend pasquale inizia bene con sole e caldo, ma resisterà fino a Pasquetta?

Analisi meteo medio termine: weekend di Pasqua molto mite e soleggiato, peggiora a Pasquetta?

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Venerdi 26 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Foggia 28°
Bari 27°
Cosenza 26°
Lecce 26°
Ragusa 25°
Benevento 25°
Chieti 24°
Agrigento 24°
Ascoli Piceno 24°
Caserta 24°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 12°
Sondrio 14°
Savona 16°
Genova 16°
Varese 16°
Belluno 16°
Biella 16°
Lecco 17°
Livorno 17°
Como 17°
Domani Sabato 27 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Agrigento 23°
Ragusa 22°
Foggia 21°
Alessandria 21°
Lecce 21°
Firenze 21°
Catanzaro 21°
Vercelli 21°
Grosseto 21°
Catania 21°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 11°
Ancona 15°
L'aquila 15°
Potenza 15°
Enna 16°
Sondrio 16°
Vibo Valentia 16°
Sassari 16°
Campobasso 16°
Livorno 17°