Forte espansione dell’alta pressione sull’Italia : zero termico “alle stelle” su Alpi e Appennini!

L’affermazione di un forte campo di alta pressione, causerà un netto aumento delle temperature sulla nostra Penisola, segnatamente in quota e nelle ore centrali diurne. Zero termico oltre i 2800 mt sulle Alpi nella giornata di domenica! Il freddo si farà sentire solo nelle ore notturne e mattutine sulle aree pianeggianti e vallive soggette ad inversione termica, accompagnato dal ritorno di locali banchi di nebbia, soprattutto al centro-nord!

Nella giornata di ieri sulle nostre regioni centro-meridionali, soprattutto del versante adriatico, si è registrato un temporaneo peggioramento delle condizioni meteorologiche a causa di una moderata retrogressione di aria fredda, che sta finendo di colpire in queste ore soprattutto l’Europa sud-orientale. Una piccola parte di quest’aria fredda ha interessato parzialmente anche le nostre regioni centro-meridionali apportando, per l’appunto, qualche pioggia e rovescio sparso, nevoso oltre i 700-900 mt, oltre che un temporaneo calo termico e rinforzo della ventilazione nord-orientale. Nessuna conseguenza si è registrata, invece, al centro-nord con temperature oltre la norma di diversi gradi e cielo sereno o poco nuvoloso.

GFS_GEOP

Configurazione barica prevista per le ore serali di Sabato 16 Febbraio. GFS – Meteociel –

L’alta pressione delle Azzorre preme da ovest e, in queste ore, risulta in forte espansione su tutta la nostra Penisola, anche sulle regioni meridionali adriatiche, ove si registra già una ripresa termica e un netto miglioramento delle condizioni meteorologiche. Sarà una domenica anticiclonica, con temperature oltre la media del periodo e quindi una domenica dal sapore primaverile, soprattutto sulle regioni centro-settentrionali e soprattutto in quota. Il freddo si farà sentire, però, nelle ore notturne e mattutine sulle aree pianeggianti e vallive sottoposte ad inversione termica e potrà essere accompagnato dal ritorno di locali banchi nebbia. Nelle ore centrali diurne e, soprattutto in collina e montagna, si farà sentire il respiro molto mite per la stagione che apporterà il campo anticiclonico, con temperature oltre la norma anche di +6/+7°C al nord e con zero termico davvero “alle stelle”, specie sulle Alpi. Ecco delle cartine a tal proposito :

TEMP_850hpa

Distribuzione termica a 850hpa (1450 mt) prevista per le ore centrali di Domenica 17 Febbraio. GFS – Meteociel

ZERO_TERMICO_GFS

Distribuzione dello zero termico sull’Italia per le ore centrali di domenica 17 Febbraio. GFS – Meteociel –

Notiamo che, nella giornata di domenica, avremo uno zero termico collocato tra i 2800 e i 3000 mt sulle Alpi, come in tarda primavera; aumenterà di conseguenza il rischio valanghe. Al centro lo zero termico oscillerà  tra i 2600 e i 2700 mt, mentre al sud tra i 2400 mt e i 1800 mt della Sicilia meridionale, che risentirà degli ultimissimi effetti legati all’aria più fredda affluita al sud nella giornata di ieri.

Facile prevedere valori massimi, nelle ore centrali diurne, diffusamente sui +15/+16°C, sulle aree pianeggianti e basso collinari a patto che non si registrino persistenze locali di nebbie, con qualche picco massimo attorno ai +18°C non escluso :

TEMP_2MT

Distribuzione termica a 2 mt, prevista per le ore centrali di domenica 17 Febbraio. GFS – Meteociel –

Anche per l’inizio della prossima settimana la scena meteorologica non muterà sulla nostra Penisola, grazie al dominio del forte campo anticiclonico : ancora sole e temperature di diversi gradi oltre la norma, ad eccezione delle ore notturne e mattutine, dove nelle aree soggette ad inversione termica si farà sentire il freddo, accompagnato da formazione di locali nebbie.

 

Articolo di Alberto Fucci del 16 Febbraio 2019 alle ore 13:53

Altri articoli di approfondimento

Rimonta l’anticiclone nord-africano nel weekend: più sole, temperature su, ma anche temporali!

Inizio settimana con vortice maltempo e più fresco: a quando il ritorno di caldo e bel tempo?

Distrutta la colonia di leoni marini Steller dopo l’eruzione del vulcano Raikoke

5 modi per salvare la natura con l’editing genetico

Clima: come saranno le temperature delle città nel 2050?

Passaggio del vortice di maltempo porta anche calo termico: dove e quanto?

Scoperto il gene che permette alle piante di assorbire più CO2

Vortice depressionario lunedì e martedì sull’Italia: piogge e rovesci diffusi con netto calo termico!

Nel 2100 potrebbero non nascere più maschi di tartarughe marine

Nepal, 43 vittime a causa delle forti inondazioni

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Venerdi 19 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Foggia 32°
Benevento 32°
Grosseto 31°
Terni 31°
Bologna 31°
Mantova 31°
Modena 31°
Viterbo 31°
Perugia 31°
Ferrara 31°
Le più Fredde
Località T°C
Vibo Valentia 23°
Messina 25°
Genova 25°
Belluno 25°
Biella 25°
Savona 25°
Crotone 25°
Ancona 25°
L'aquila 25°
Cagliari 25°
Domani Sabato 20 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Ferrara 33°
Foggia 33°
Bologna 33°
Mantova 33°
Benevento 33°
Modena 32°
Terni 32°
Parma 32°
Matera 32°
Rovigo 32°
Le più Fredde
Località T°C
Savona 24°
Genova 25°
Vibo Valentia 25°
Cagliari 25°
Messina 25°
Livorno 25°
Belluno 25°
Ancona 26°
Biella 26°
Catania 26°