Nuova irruzione artica, nuove nevicate fino a bassa quota nei prossimi giorni. Ecco dove!

Nuova imminente irruzione artica sulla nostra Penisola con ritorno del maltempo, dalla giornata di mercoledì 9 Gennaio al centro e al sud e in parte anche per giovedì 10 e venerdì 11. Nevicate in nuovo calo, fin verso le quote basso collinari.

Non c’è tregua per la nostra Penisola, segnatamente per le nostre regioni centro-meridionali del versante adriatico. Nelle prossime ore la costante presenza dell’Alta pressione delle Azzorre sull’Europa occidentale, fino alle latitudini più settentrionali delle Isole Britanniche ed Islanda e in parziale piegamento verso nord-est in direzione della Penisola Scandinava, veicolerà una nuova massa d’aria fredda di origine artica sulla nostra Penisola, proveniente dall’Europa orientale. Irromperanno temperature molto basse a 500 hpa (5500 mt) fino ad una -35°C, associate a geopotenziali anche inferiori ai 530hpa. A 850hpa (1450 mt) avremo isoterme fino a -4/-5°C, tendenti ulteriormente a scendere, fino ad una -6/-7°C per la giornata di venerdì, segnatamente sulle regioni centro-meridionali del versante adriatico. L’arrivo di tale massa d’aria instabile e molto fredda in quota andrà a generare anche un minimo di bassa pressione tra Calabria e Puglia, nella giornata di domani 9 Gennaio. Ecco qualche cartina modellistica al riguardo :

GFS_GEOP.

Configurazione barica prevista per le primissime ore del 10 Gennaio. GFS – Meteociel -

GFS_850HPA

Distribuzione termica a 850hpa (1450 mt) prevista per le prime ore di giovedì 10 Gennaio. GFS – Meteociel -

GFS_850HPA

Distribuzione termica a 850hpa (1450 mt) prevista per le ore pomeridiane di venerdì 11 Gennaio. GFS – Meteociel -

Tutto ciò andrà a provocare condizioni di instabilità, localizzate ancora una volta sulle regioni centrali e meridionali, segnatamente sui versanti adriatici, con nuove nevicate, fino a quote collinari e localmente a sfiorare le pianure, mentre condizioni di tempo stabile con cielo sereno o poco nuvoloso saranno presenti sulle regioni settentrionali.

-        Nello specifico, per la giornata di domani mercoledì 9 Gennaio, avremo piogge e rovesci su Marche, Umbria, Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. Limite delle nevicate inizialmente oltre i 700-800 mt su Marche, Umbria e Abruzzo, oltre i 1000 mt su Molise, Campania, nord Puglia, oltre i 1400 mt più a sud. Nel corso del pomeriggio e più nettamente in serata e nottata su giovedì 10 gennaio, il limite delle nevicate sarà in calo fin verso i 200-300 mt sulle zone interne di Marche, Abruzzo, Molise, oltre i 400-500 mt su Campania interna, Basilicata, Puglia settentrionale, oltre gli 800-1000 mt su Calabria settentrionale, Puglia meridionale.

GFS_PRECIPITAZIONI

Distribuzione delle precipitazioni per le ore mattutine del 9 Gennaio 2018. GFS- Meteociel -

GFS_PRECIPITAZIONI

Distribuzione delle precipitazioni per le ore pomeridiane del 9 Gennaio 2018. GFS- Meteociel -

GFS_PRECIPITAZIONI

Distribuzione delle precipitazioni per le ore notturne sul 10 Gennaio 2018. GFS- Meteociel -

-        Le giornate del 10 e 11 Gennaio saranno contraddistinte, invece, da un ulteriore calo termico, con valori fino a -6/-7 a 850hpa (1450 mt) nella giornata di venerdì 11 Gennaio. L’allontanamento del minimo di bassa pressione sull’Europa orientale attiverà correnti nord-orientali che a tratti provocheranno  precipitazioni nevose da stau fin verso le quote basso collinari (300-400 mt) e localmente anche fino a sfiorare le pianure (100-200 mt) nei rovesci più forti su Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, qualcosa anche su Campania interna, Basilicata. La giornata più fredda, di tale irruzione, risulterà essere quella di venerdì 11 Gennaio.

GFS_PRECIPITAZIONI

Distribuzione delle precipitazioni per le ore pomeridiane di giovedì 10 Gennaio 2018. GFS- Meteociel -

GFS_PRECIPITAZIONI

Distribuzione delle precipitazioni per le ore pomeridiane del 11 Gennaio 2018. GFS – Meteociel -

Articolo di Alberto Fucci del 08 Gennaio 2019 alle ore 20:54

Altri articoli di approfondimento

Non è il pianeta che bisogna salvare, ma gli uomini

Perturbazioni con piogge e nubi fino a metà settimana, poi più caldo e sole!

Mangiare meno carne aiuta il pianeta e la salute. Ecco perché

Perché le aree desertiche del pianeta si trovano a determinate latitudini?

Clima: 10 cose che puoi fare ogni giorno per salvare l’ambiente

Cronaca meteo: abbondanti nevicate sulle Alpi settentrionali di confine

Nave italiana affonda al largo della Francia, allerta marea nera

Scoperte 7.000 specie microbiche marine, nuove risorse per cure antitumorali

Concentrazione di anidride carbonica in atmosfera: quanto è elevata rispetto al passato?

Sciopero per il clima, 1.659 iniziative in tutto il mondo

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Martedi 19 Marzo
Le più Calde
Località T°C
Ascoli Piceno 10°
Cuneo 10°
Teramo 10°
L'aquila
Arezzo
Sondrio
Perugia
Fermo
Macerata
Aosta
Le più Fredde
Località T°C
Rimini 10°
Belluno 10°
Biella 10°
Siena 11°
Chieti 11°
Ravenna 11°
Campobasso 11°
Prato 11°
Nuoro 11°
Ancona 11°
Domani Mercoledi 20 Marzo
Le più Calde
Località T°C
Cuneo 10°
L'aquila
Aosta
Cosenza 20°
Latina 19°
Napoli 19°
Lecce 19°
Caserta 19°
Catanzaro 19°
Salerno 19°
Le più Fredde
Località T°C
Campobasso 10°
Sondrio 11°
Biella 11°
Teramo 11°
Belluno 12°
Macerata 12°
Fermo 12°
Chieti 12°
Nuoro 12°
Varese 12°