Ottobre al debutto con marcato maltempo : forti rovesci, grandinate, trombe d’aria e neve sulle Alpi!

Il mese di Ottobre è cominciato con il maltempo, assoluto protagonista sull’Italia da nord a sud : nel primo giorno del mese si sono registrate violente grandinate, nubifragi e trombe d’aria! Nevicate sulle Alpi oltre i 1800 mt.

Nel primo giorno del mese di Ottobre, l’autunno ha ingranato la quinta sull’Italia! Come già previsto nei nostri articoli di analisi meteo, una forte perturbazione nord-atlantica accompagnata da aria fredda di estrazione polare-marittima, dalla giornata di ieri, 1 Ottobre, ha fatto ingresso sulla nostra Penisola andando a generare anche un minimo depressionario tra Mar Ligure e Corsica, in movimento, poi, verso latitudini più meridionali, ovvero verso la Sardegna. Questo sta provocando, per la giornata odierna, martedì 2 Ottobre, un miglioramento delle condizioni meteorologiche al nord, mentre sulla Sardegna e sul centro-sud si registra ancora maltempo con estensione dello stesso anche ai versanti adriatici dell’Italia centro-meridionale, a differenza di ieri.

Ma facciamo un piccolo passo indietro alla giornata di ieri, lunedì 1 Ottobre. Come era prevedibile l’ingresso della perturbazione nord-atlantica da nord-ovest, con genesi di un minimo depressionario tra mar Ligure e Corsica, ha esposto a forte maltempo le regioni settentrionali e quelle del versante tirrenico centrale fino alla Campania. L’entrata di aria decisamente più fredda e molto instabile in quota ha fatto da contrasto con temperature della superficie marina ancora elevate e con aria più calda preesistente negli strati atmosferici più bassi e più prossimi al suolo, causando la genesi di fenomeni localmente anche estremi. E’ il caso del Savonese con il comune di Alassio protagonista di un impressionante grandinata abbattutasi nel primo pomeriggio di ieri 1 ottobre, con chicchi di notevoli dimensioni ed uno spessore al suolo che in molti punti ha superato i 10-15 cm! Notevoli disagi e danni alle auto e alla circolazione, è stato indispensabile l’uso delle ruspe per ripulire le strade. Ecco qualche eloquente foto al riguardo :

grandinata_Alassio

L’impressionante accumulo al suolo della violentissima grandinata di lunedì 1 Ottobre ad Alassio (SV). Fonte : Facebook

grandinata_Alassio

L’impressionante accumulo al suolo della violentissima grandinata di lunedì 1 Ottobre ad Alassio (SV). Fonte : Facebook

grandinata_Alassio

L’impressionante accumulo al suolo della violentissima grandinata di lunedì 1 Ottobre ad Alassio (SV). Fonte : Facebook

Oltre alle grandinate l’irruzione di aria più fredda in quota ha creato, sempre sul versante tirrenico, la formazione di qualche tromba marina. Qui siamo in Toscana sul litorale livornese tra Vada e Marina di Cecina. Tromba marina che non ha apportato danni. Spettacolare ed eloquente foto al riguardo :

Tromba_marina_livornese

Tromba marina a largo del litorale livornese tra Vada e Marina di Cecina. Fonte : Facebook

Scendendo più a sud abbiamo la Campania che è stata protagonista più che altro di violenti nubifragi, segnatamente nella parte occidentale della regione, ovvero sul Napoletano, dove ieri mattina poco prima delle ore 8.00 un’intenso fronte temporalesco ha scaricato al suolo anche più di 60 mm in 1 ora circa , provocando notevoli danni, disagi ed allagamenti di vastissima proporzione ed intensità, con il livello dell’acqua piovana che in alcuni comuni come Marano (NA) e Giugliano (NA) ha superato, in alcuni punti, l’altezza delle auto in strada. Notevoli sono le foto al riguardo :

Nubifragio_Giugliano

Le conseguenze del violento nubifragio abbattutosi su Giugliano (NA) la mattina di lunedì 1 ottobre. Fonte : Facebook

Nubifragio_Giugliano

Le conseguenze del violento nubifragio abbattutosi su Giugliano (NA) la mattina di lunedì 1 ottobre. Fonte : Facebook

stazione_meteo_calvizzano

Grafico relativo alla stazione meteorologica di Calvizzano (NA). Si nota il violento nubifragio della mattina con oltre 50 mm caduti in circa 1 ora. Fonte : Campanialive.it

Sull’intero arco alpino al di sopra dei 1800 mt, invece, il fenomeno atmosferico che ha contraddistinto il primo giorno del mese di ottobre, è stata la neve a causa della forte instabilità e dell’ingresso dell’aria fredda in quota :

neve_alpi

Neve su Tarvisio – Monte Lussari (UD) la mattina di lunedì 1 ottobre 2018. Fonte : Promo Turismo FRV

Articolo di Alberto Fucci del 02 Ottobre 2018 alle ore 18:32

Altri articoli di approfondimento

Ultima settimana di giugno tra sole, picchi di 40° e qualche temporale pomeridiano!

Ondata di caldo in Europa: quali temperature si raggiungeranno?

Onu: il nostro pianeta rischia un “apartheid climatico”

Maggio 2019 è il quarto più caldo di sempre su scala globale!

Trovata su Marte una grande quantità di metano, ma chi lo produce?

Cronaca meteo: devastanti grandinate in Emilia, feriti ed ingenti danni!

Marine litter: dagli Usa l’imballaggio commestibile per i pesci

Russia: orche e beluga saranno liberati dal “carcere dei cetacei”

“Sepolte” nel permafrost, le antiche malattie potrebbero tornare alla luce

Sotto la lente: sabato in parte instabile con piogge e rovesci sparsi, ecco dove!

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Giovedi 27 Giugno
Le più Calde
Località T°C
Asti 39°
Alessandria 39°
Vercelli 38°
Torino 38°
Pavia 38°
Mantova 37°
Novara 37°
Ferrara 37°
Milano 37°
Lodi 37°
Le più Fredde
Località T°C
Cagliari 25°
Trapani 26°
Messina 26°
Vibo Valentia 27°
Pescara 27°
Brindisi 27°
Ancona 27°
Crotone 28°
Livorno 28°
Genova 28°
Domani Venerdi 28 Giugno
Le più Calde
Località T°C
Grosseto 38°
Imperia 37°
Caserta 36°
Viterbo 36°
Benevento 36°
Terni 35°
Foggia 35°
Nuoro 35°
Pisa 35°
Frosinone 35°
Le più Fredde
Località T°C
Trapani 25°
Ancona 25°
Belluno 26°
Fermo 26°
Messina 27°
Pescara 27°
Vibo Valentia 27°
Rimini 27°
Ravenna 28°
Macerata 28°