Cosa ha causato le nevicate in pianura sull’Emilia-Romagna lunedì?

Nella giornata di lunedì le intense nevicate previste sull’Appennino tosco-emiliano si sono inaspettatamente spostate verso la pianura, andando ad imbiancare città come Bologna e Modena dove la neve non era prevista. Cosa ha causato questo improvviso cambiamento delle condizioni?

Osservando l’immagine scattata dalla webcam di Bologna intorno alle 11 di mattina nella giornata di lunedì si rimane impressionati dall’intensità della nevicata in atto. Le dimensioni dei fiocchi di neve sono tali da essere ben visibili anche con la bassa risoluzione dell’apparecchio fotografico utilizzato per ricavare il fermo immagine.

Webcam di Bologna in uno dei momenti di maggiore intensità della nevicata

Webcam di Bologna in uno dei momenti di maggiore intensità della nevicata

Come si è arrivati a questa situazione? Le previsioni per la mattinata di lunedì intravedevano la possibilità di nevicate persistenti sull’Appennino grazie alla presenza dei venti di Bora che sono ben visibili nel pannello superiore dell’immagine sottostante.

Previsione dei venti a 10 metri di quota (pannello superiore) e altezza di geopotenziale/temperatura a 850 hPa di quota

Previsione dei venti a 10 metri di quota (pannello superiore) e altezza di geopotenziale/temperatura a 850 hPa di quota

Tuttavia le temperature previste a circa 1500 metri di quota oscillavano intorno ai -2/-3°C, valori che solitamente non permettono ai fiocchi di neve di raggiungere intatti il suolo senza fondersi. 

Analizzando le condizioni osservate intorno alla stessa ora lunedì si nota come la situazione ricalchi a grande linee quella prevista. I venti di Bora trasportano velocemente l’aria fredda, umidificatasi grazie alla presenza dell’Adriatico, verso l’Appennino. Qui l’aria fredda, essendo pesante e muovendosi vicino al suolo, è costretta ad “ammassarsi” proprio alle pendici della catena montuosa andando a formare nuvole e in ultimo precipitazioni di carattere nevoso. 

Immagine satellitare, temperature osservate  e venti previsti vicino al suolo

Immagine satellitare, temperature osservate e venti previsti vicino al suolo

Questo è uno dei due principali fattori che ha sicuramente aiutato lo sviluppo di nevicate sull’Emilia-Romagna. Ma cosa ha portato la neve così in basso? Osservando infatti l’immagine precedente si nota come la temperatura misurata a Bologna raggiungesse gli 0°C, a fronte dei -7°C osservati a circa 2000 metri di quota sul Monte Cimone.

In questo frangente ha giocato un ruolo importantissimo l’intensità delle precipitazioni che ha toccato valori decisamente alti in mattinata. Precipitazioni così intense riescono a “rovesciare” letteralmente l’aria fredda presente negli alti strati verso il basso. Il profilo di temperatura osservato a Padova, seppur misurato lontano da Bologna, mostra bene il rovesciamento dell’aria fredda verso il basso ad opera delle intense precipitazioni.

Profilo verticale della temperatura ottenuto tramite microonde

Profilo verticale della temperatura ottenuto tramite microonde

C’è da dire, poi, che in un primo momento ha aiutato anche il fatto che i fiocchi di neve, andando ad attraversare strati di atmosfera via via più caldi cadendo verso il basso, abbiano sottratto calore all’aria per via della fusione in atto. Questi fattori, uniti ai venti di Bora, hanno favorito un costante calo delle temperature osservato in numerose province dell’Emilia-Romagna.

È impressionante osservare come in alcune località del bolognese si sia passati da una massima diurna di oltre 10°C a 0°C nel giro di poche ore. I dati mostrati di seguito vengono dalla stazione meteo di Valsamoggia, a pochi chilometri da Bologna. Notate come i primi fenomeni precipitativi, portati dal calo di pressione pressoché costante, corrispondano proprio con un continuo calo della temperatura da 8 fino a 0°C raggiunti dopo le 9 di mattina.

Dati di temperatura, pressione, precipitazioni e raffiche di vento misurate alla stazione di Valsamoggia (BO)

Dati di temperatura, pressione, precipitazioni e raffiche di vento misurate alla stazione di Valsamoggia (BO)

Articolo di Guido Cioni del 14 Novembre 2017 alle ore 18:37

Altri articoli di approfondimento

Weekend con ultimi residui del maltempo: poi ritornano sole e picchi termici di 30°!

Quando gli uragani raffreddano gli oceani: l’esempio di Florence ed Helene

Profondo vortice ciclonico in azione : maltempo al centro-sud, Sardegna a rischio di forti nubifragi!

Analisi meteo medio-lungo termine : crollo termico in vista?

Settimana italiana tra anticiclone e improvvisi temporali: il caldo è fuori periodo, e nel weekend?

Devastante Tifone “Mangkhut” ormai su Hong-Kong! 64 vittime nelle Filippine!

Florence arriva sulla east coast, centinaia di dispersi e migliaia di abitazioni senza corrente

Clima, Estate 2018 : bilanci termici e pluviometrici dell’Italia

Meteo weekend più convincente: sole e caldo torneranno protagonisti fino a quando?

Lieve cedimento anticiclonico sull’Italia : Giovedì e Venerdì con qualche pioggia e rovescio!

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Giovedi 20 Settembre
Le più Calde
Località T°C
Grosseto 30°
Pisa 30°
Lucca 30°
Treviso 30°
Bologna 30°
Padova 30°
Alessandria 30°
Ferrara 30°
Pordenone 29°
Firenze 29°
Le più Fredde
Località T°C
L'aquila 22°
Nuoro 22°
Campobasso 23°
Enna 23°
Potenza 23°
Chieti 23°
Isernia 24°
Teramo 24°
Ancona 24°
Messina 25°
Domani Venerdi 21 Settembre
Le più Calde
Località T°C
Alessandria 30°
Bologna 30°
Firenze 30°
Treviso 30°
Padova 30°
Rovigo 30°
Prato 30°
Ferrara 30°
Grosseto 30°
Modena 30°
Le più Fredde
Località T°C
Enna 22°
L'aquila 22°
Nuoro 23°
Potenza 24°
Campobasso 24°
Vibo Valentia 24°
Ragusa 24°
Ancona 24°
Messina 25°
Belluno 25°