Temporali e grandinate in America Latina, distrutte auto in Argentina

Nella giornata di lunedì alcune zone dell’America Latina, al confine tra Argentina e Paraguay, sono state interessate dallo sviluppo di intensi temporali. L’immagine satellitare acquisita nel tardo pomeriggio dello scorso 8 ottobre (ora locale) mostra in modo evidente la presenza di nubi temporalesche con temperature alla sommità prossime ai -90°C. Si tratta di un valore decisamente basso sintomo di correnti ascensionali molto forti.

Immagine satellitare nel campo dell'infrarosso che mostra i temporali tra Paraguay ed Argentina

Immagine satellitare nel campo dell’infrarosso che mostra i temporali tra Paraguay ed Argentina

Al suolo la potenza dei temporali si è manifestata con intense grandinate all’interno delle quali sono stati rinvenuti chicchi di diametro fino a 10 cm. Le testimonianze fotografiche che vi proponiamo di seguito parlano da sole.

Danni alle auto in Argentina

Danni alle auto in Argentina

La dimensione  dei chicchi di grandine a Corrientes, Argentina

La dimensione dei chicchi di grandine a Corrientes, Argentina

Ma cosa ha favorito la formazione di fenomeni temporaleschi così intensi? 

Nonostante manchino dati misurati localmente le elaborazioni dei modelli di previsione globali possono fornirci qualche indizio. La mappa della temperatura potenziale equivalente mostrata di seguito permette infatti di riconoscere una risalita di aria fredda presente sulla parte meridionale dell’Argentina, dovuta al passaggio di una bassa pressione in quota, che va a scontrarsi con l’aria calda ed umida spinta verso sud dalle zone tropicali.  

Temperatura potenziale equivalente e geopotenziali a 850 hPa

Temperatura potenziale equivalente e geopotenziali a 850 hPa

La mappa di umidità relativa e dei venti evidenzia il risultato di questo contrasto: una zona caratterizzata da aria molto umida e da una convergenza dei venti proprio a ridosso del confine tra Argentina e Paraguay. Sono probabilmente queste le condizioni che hanno favorito la formazione dei temporali che in queste aree necessitano di una semplice “scintilla” per usare il carburante fornito da aria molto calda ed umida vicino alla superficie.

Geopotenziali a 850 hPa e umidità relativa a 700 hPa

Geopotenziali a 850 hPa e umidità relativa a 700 hPa

 

Articolo di Guido Cioni del 11 Ottobre 2017 alle ore 10:40

Altri articoli di approfondimento

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Domenica 22 Ottobre
Le più Calde
Località T°C
Aosta
Foggia 26°
Palermo 25°
Matera 25°
Agrigento 25°
Siracusa 24°
Lecce 24°
Bari 24°
Pescara 24°
Ragusa 23°
Le più Fredde
Località T°C
Gorizia 15°
Belluno 15°
Sondrio 15°
Trieste 16°
Bolzano 16°
Biella 16°
Udine 16°
Varese 16°
L'aquila 16°
Pordenone 16°
Domani Lunedi 23 Ottobre
Le più Calde
Località T°C
Siracusa 24°
Catania 23°
Crotone 22°
Agrigento 22°
Cagliari 21°
Cremona 20°
Alessandria 20°
Palermo 20°
Piacenza 20°
Pavia 20°
Le più Fredde
Località T°C
Campobasso 10°
Aosta 11°
Potenza 11°
L'aquila 11°
Isernia 13°
Sondrio 14°
Chieti 14°
Belluno 14°
Avellino 14°
Teramo 15°