Sempre meno neve sulle Alpi, 80% dei comprensori a rischio nei prossimi 50 anni

La catena alpina è forse una delle regioni in Europa dove gli effetti del riscaldamento globale si avvertono maggiormente. Tralasciando la situazione ormai critica dei ghiacciai, in calo da decenni sia in estensione che spessore, la copertura nevosa invernale, pur variando di anno in anno, mostra anch’essa una inesorabile diminuzione. A farne le spese sono in primis le riserve idriche di molte regioni, non solo nell’area alpina, ma anche i comprensori sciistici che ogni anno sono costretti ad utilizzare neve artificiale per mantenere l’affluenza. 

Un nuovo studio pubblicato nella rivista “The Cryosphere” nel mese di febbraio ha cercato di quantificare proprio il rischio per quanto riguarda l’innevamento alpino utilizzando alcune proiezioni climatiche fino al 2085. Tali scenari sono calcolati utilizzando dei modelli di previsione simili a quelli sfruttati per produrre previsioni “meteorologiche” ma ottimizzate per fornire risultati su scale temporali più estese seppur con un minor dettaglio spaziale. Purtroppo i risultati non sono molto incoraggianti.

Se si considerano diverse quote comprese tra i 1000 ed i 3000 metri è possibile quantificare la durata annuale del manto nevoso, ovvero il numero di giorni con neve al suolo. Mentre a quote molto alte la riduzione è di circa 50 giorni, a quote inferiori ai 1000 metri la durata dell’innevamento cala dai circa 100 giorni attuali (sostanzialmente la stagione invernale) a valori prossimi allo 0.

Durata della stagione nevosa

Durata della stagione nevosa

Questo significa che in poco meno di 100 anni (gli scenari si riferiscono al 2085) località poste sotto i 1000 metri di altezza potrebbero non vedere più un cm di neve nemmeno durante l’inverno!  

L’altezza media del manto nevoso ricalca il comportamento già osservato per la durata. Nella figura sottostante la linea nera rappresenta l’andamento attuale (con i suoi massimi e minimi, linee tratteggiate) mentre quella blu l’andamento previsto nel 2085. Come è facile osservare non è solo la durata ad essere modificata: mentre a 500 metri la neve sparisce definitivamente, a 3000 metri l’altezza media viene oltremodo dimezzata.

Altezza manto nevoso a 3 diverse altitudini a confronto tra oggi ed il 2100

Altezza manto nevoso a 3 diverse altitudini a confronto tra oggi ed il 2100

Come già accennato si tratta di un grosso problema sia per le risorse idriche sia per il turismo invernale. Volendo considerare la mappa dei comprensori sull’arco alpino, ottenuta dal portale Bergfex, si possono considerare tutti quelli che risiedono rispettivamente ad altitudini inferiori (cerchi rossi), prossime (cerchi gialli) e superiori (cerchi rossi) ai 1200 metri. Quasi 200 degli oltre 900 comprensori rischiano quindi di non vedere più neve naturale nei prossimi 50 anni, mentre “solo” 389 avranno un minor rischio.

Mappa dei comprensori a rischio

Mappa dei comprensori a rischio

Bibliografia

Marty, C., Schlögl, S., Bavay, M., and Lehning, M.: How much can we save? Impact of different emission scenarios on future snow cover in the Alps, The Cryosphere, 11, 517-529, doi:10.5194/tc-11-517-2017, 2017.

Articolo di Guido Cioni del 14 Marzo 2017 alle ore 12:24

Altri articoli di approfondimento

Alta pressione di nuovo in agguato, temperature in risalita verso fine settimana

Cambio e scambio tra Perturbazioni e Anticiclone: il Valzer Autunnale riparte!

Lo smog al nord Italia fotografato dallo spazio: no, non è “solo vapore acqueo”

Quando le previsioni “toppano” per colpa…del fumo!

Ophelia arriva in Irlanda, raffiche fino a 200 km/h registrate in mattinata

L’Anticiclone domina l’Autunno: il maltempo è pronto a tornare, ma non per molto!

Dominio Anticiclonico e poi? Cosa ci riserva l’Autunno?

Coriacea alta pressione sull’Europa, assaggio estivo nel weekend ed in settimana

Ophelia, l’uragano che si dirige verso l’Europa

Temporali e grandinate in America Latina, distrutte auto in Argentina

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Martedi 24 Ottobre
Le più Calde
Località T°C
Potenza
Vercelli 23°
Asti 23°
Oristano 23°
Novara 22°
Pavia 22°
Alessandria 22°
Torino 22°
Lodi 22°
Milano 22°
Le più Fredde
Località T°C
L'aquila 11°
Campobasso 11°
Cosenza 12°
Enna 13°
Isernia 13°
Vibo Valentia 14°
Avellino 14°
Matera 14°
Chieti 15°
Teramo 15°
Domani Mercoledi 25 Ottobre
Le più Calde
Località T°C
Oristano 24°
Latina 24°
Aosta 24°
Roma 23°
Alessandria 23°
Grosseto 23°
Asti 23°
Cagliari 23°
Sondrio 22°
Pavia 22°
Le più Fredde
Località T°C
Enna 14°
L'aquila 14°
Campobasso 14°
Potenza 15°
Belluno 16°
Fermo 16°
Isernia 16°
Chieti 17°
Macerata 17°
Teramo 17°