Quando si forma un Ciclone Tropicale?

Scopri di più sulla loro genesi e sugli scenari futuri!

images tropical hats cyclone hagupitholdLa formazione di cicloni tropicali necessita che coesistono una serie di condizioni tali che tale processo possa essere innescato. Fondamentale è sicuramente la presenza di un grande bacino di energia affinché possa generarsi, ma non basta affinché il ciclone possa formarsi! E’ necessario anche che lo shear verticale del vento non sia elevato a tal punto da destabilizzare la risalita di aria calda e dunque i moti convettivi ad essa associati.

Ma perché chiamiamo questi fenomeni meteorologici Cicloni Tropicali?

Ciò è strettamente connesso alla regione geografica in cui possono formarsi (vai all’articolo di approfondimento). Quando pensiamo ad un Uragano ad esempio immaginiamo subito un’enorme struttura nuvolosa rotante con una velocità superiore ai 100 km/h che lambisce le coste dell’America Orientale alle medie latitudini.

Ma cos’è che fa ruotare le masse d’aria intorno al centro di bassa pressione?

eye view comments north wide

Se le correnti convettive persistono per un tempo tale che la Forza deviante di Coriolis diventa importante e del tutto non trascurabile, il bilancio tra Forza di Gradiente di Pressione e Forza Centrifuga sommata alla Forza di Coriolis fa sì che le masse d’aria inizino a ruotare intorno al centro di bassa pressione con un verso strettamente dipendente dall’emisfero in cui ci troviamo a causa della rotazione terrestre, per cui nell’Emisfero Boreale il verso è antiorario, mentre in quello Australe è orario. All’equatore però la Forza di Coriolis è nulla, per cui la rotazione è inibita nonostante il grande serbatoio di energia fornito dall’oceano equatoriale, mentre ai poli la Forza di Coriolis è massima ma l’Oceano non ha a disposizione una quantità di energia tale da favorire forti scambi di calore latente con l’atmosfera tali da alimentare il fenomeno; ai tropici invece sono altamente favoriti, tant’è che generalmente si formano a latitudini comprese tra i 10 ed i 40 gradi.  

Per osservarne la formazione usufruiamo principalmente dei satelliti dai quali qualora venga ad emergere un intenso nucleo di aria calda in quota, al top della troposfera, il quale persiste nel tempo, questo potrebbe significare la genesi di un Ciclone. In contrasto, nell’Oceano a causa de i feedback con l’Atmosfera, si genera un nucleo freddo, provocato dai forti upwelling (risalita di acqua da più elevate profondità), innescato dalla divergenza delle masse d’acqua all’interfaccia aria-mare. 

Risultati immagini per riscaldamento globaleRiuscire a riconoscere la formazione di un Ciclone è fondamentale principalmente in termini di sicurezza. Ad oggi, per valutare come cambierà la vulnerabilità di un territorio nel tempo, considerando il Riscaldamento Globale (Global Warming), è necessario valutare la sensitività dei Cicloni al variare della temperatura media globale (strettamente dipendente dal quantitativo di gas serra emessi). Gli scienziati dopo molte simulazioni si sono espressi affermando che il surriscaldamento dell’atmosfera crea una colonna d’aria più stabile e dunque meno predisposta a forti moti convettivi, per cui si ridurranno in frequenza i Cicloni, tuttavia quelli che saranno in grado di generarsi saranno molto più intensi poiché hanno a disposizione un serbatoio di energia molto maggiore e anche le precipitazioni associate saranno molto più intense poiché l’aria più calda è in grado di contenere molto più vapore acqueo. In sintesi secondo gli scenari climatici futuri, i Cicloni Tropicali diminuiranno ma saranno più intensi!   

Articolo di Giusy Fedele del 10 Gennaio 2017 alle ore 14:29

Altri articoli di approfondimento

Dopo il 25 tornano le piogge e nevicate abbondanti sulle Alpi: accumuli localmente oltre 1 metro

Gelate mattutine danneggiano le colture ed i vigneti, agricoltori cercano di salvare il possibile [IMMAGINI]

Festa del 25 aprile verso il “caldo”, temperature ritornano verso la media

L’inverno piomba in Europa, stati orientali sotto quasi mezzo metro di neve [FOTO]

Primavera in pausa sul centro Europa, torna la neve anche a quote pianeggianti [IMMAGINI]

Temporali attraversano tutte le regioni adriatiche, trombe d’aria in Veneto [IMMAGINI]

Scenari freddi dopo il weekend di Pasqua? Ancora troppo presto per dirlo…

Maltempo in agguato: Weekend Pasquale a rischio!

Marzo molto caldo in Italia ed in Europa, poche piogge solo in Italia

Pomeriggio temporalesco sul crinale appenninico: oltre 10000 scariche registrate

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Martedi 25 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Bari 23°
Foggia 23°
Oristano 23°
Ferrara 23°
Modena 23°
Bologna 22°
Piacenza 22°
Nuoro 22°
Mantova 22°
Ravenna 22°
Le più Fredde
Località T°C
Belluno 15°
Sondrio 15°
Ancona 15°
Aosta 15°
Savona 15°
Crotone 16°
Cagliari 16°
Genova 16°
Catanzaro 16°
Enna 16°
Domani Mercoledi 26 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Palermo 27°
Foggia 25°
Bari 24°
Ascoli Piceno 24°
Chieti 23°
Agrigento 23°
Cosenza 23°
Vibo Valentia 23°
Caserta 23°
Macerata 23°
Le più Fredde
Località T°C
Sondrio 12°
Aosta 13°
Belluno 14°
Udine 16°
Biella 16°
Genova 16°
Savona 16°
Gorizia 16°
Pordenone 16°
Bolzano 16°