In Antartide i ghiacci marini aumentano e in Artide diminuiscono..

Una recente ricerca spiega le cause di questo paradosso!

 

artide-antartideGli scettici, osservando l’aumento dei ghiacci marini antartici, in controtendenza con i ghiacci marini artici affermano che è il Global Warming è una bufala, eppure il riscaldamento globale è un’evidenza scientifica e in parte giustifica anche l’aumento dei ghiacci marini nell’Emisfero Australe (vai all’articolo di approfondimento). Ma in realtà un recente studio pubblicato su Nature mette da parte l’attività antropica e spiega come l’espansione della calotta antartica possa essere spiegata da una variabilità naturale. 


arc_antarc_1979_2012I meccanismi che spiegano questo fenomeno sono stati individuati e rivelati da un gruppo di ricercatori della Oregon State University e del centro di studi marini dell’Università di Brema, in Germania. A partire da un’accurata analisi dei sedimenti marini circostanti l’Antartide relativi agli ultimi 8000 anni, di questi sono stati individuati ed analizzati  i grani di sabbia depositati dallo scioglimento degli iceberg, ed è stata scoperta una variabilità naturale di scala secolare delle temperature relative allo strato profondo oceanico che circonda la calotta. 

Icebergs in Disko BayQuest’oscillazione naturale delle temperature delle masse d’acqua profonde, spiegherebbe come un loro aumento provochi un’aumento della formazione di ghiaccio marino. Vediamo cosa accade.

Aumentando la temperatura dell’acqua, il ghiaccio di calotta tende a sciogliersi più velocemente, provocando il distacco di molti iceberg e dunque l’immissione di acqua dolce e fredda nell’Oceano Meridionale. Ciò provoca una riduzione della salinità e delle temperature superficiali e una riduzione del punto di congelamento delle acque. L’acqua superficiale più dolce e fredda gela più facilmente, creando ghiaccio marino.

artide_antartideMa perché ciò accade nell’Emisfero Australe e non in quello Boreale?

La risposta viene data dal regime di correnti, totalmente differente ai due poli a causa della diversa distribuzione delle terre emerse e del calore. Basta pensare a che l’Oceano Artico è un bacino semichiuso, mentre l’Oceano Meridionale è privo di boundary laterali.

Le simulazioni ottenute dai modelli giustificano e accertano questa teoria e aprono la strada a nuovi studi che ci auguriamo migliorino l’accuratezza delle previsioni climatiche future.

(Vai all’articolo pubblicato su Nature)

(–> Video: Crescita estensione ghiacci in Antartide)

 

Articolo di Giusy Fedele del 06 Gennaio 2017 alle ore 18:55

Altri articoli di approfondimento

Bora insiste al nord-est e sul Tirreno, raffiche fino a 200 km/h

Ancora Nevicate in Appennino: nuovo peggioramento nel Weekend!

Provincia di Chieti ormai verso il metro di accumulo nevoso [IMMAGINI]

Vortice si focalizza sull’Italia: Freddo, Pioggia e Neve protagonisti!

I mari continuano a riscaldarsi: nessun segno di rallentamento!

Milano si sveglia sotto uno spesso strato di ghiaccio: cosa è successo e perché?

Finalmente in arrivo un po’ di neve sulle Alpi anche se la situazione rimane critica…

Meteo in Stand-by: ma da domani maltempo, freddo e neve!

Copertura nevosa in aumento sul continente europeo, quali le conseguenze?

Grecia sommersa dalla neve, diverse località del Peloponneso isolate [IMMAGINI]

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Mercoledi 18 Gennaio
Le più Calde
Località T°C
Catanzaro
Benevento
Terni
Matera
Avellino
Vibo Valentia
Cosenza
Grosseto
Ragusa
Frosinone
Le più Fredde
Località T°C
Aosta
Trieste
Gorizia
Cuneo
Agrigento 10°
Pescara 10°
Caserta 10°
Siracusa 10°
Foggia 11°
Latina 11°
Domani Giovedi 19 Gennaio
Le più Calde
Località T°C
Matera 10°
Cosenza 10°
Ragusa
Grosseto
Viterbo
Avellino
Rieti
Sassari
Genova
Chieti
Le più Fredde
Località T°C
Aosta
Gorizia
Cuneo
Trieste
Benevento 10°
Frosinone 10°
Terni 10°
Catanzaro 11°
Pescara 11°
Vibo Valentia 11°