“Uragani” nel Mediterraneo? I Medicanes.

I temporali di ieri al Sud hanno messo in evidenza il carattere temporalesco di questo Gennaio, un mese che era già iniziato con forti anomalie. Nell’articolo di ieri abbiamo spiegato perché i temporali siano caratteristici di stagioni più calde, e abbiamo cercato di giustificare la formazione osservata negli ultimi giorni. Spesso, questi temporali sono associati a fenomeni a larga scala, come cicloni depressionari dovuti alla discesa di aria dall’Atlantico e dalla successiva ciclogenesi nel golfo Ligure.

Negli ultimi anni abbiamo assistito sempre più alla formazione di cicloni che presentano una struttura ben definita, molto simile a quella dei cicloni extratropicali veri e propri che si formano in Atlantico. Questi sistemi sono stati battezzati dagli esperti “Medicane”, ovvero Cicloni Tropicali Mediterranei (Mediterranean Hurricane  = Medicane). Tuttavia, gli Uragani, o i semplici Cicloni Atlantici, hanno scale di grandezza molto diverse che possono raggiungere anche gli 800 km, mentre i cicloni tipici del Mediterraneo sono limitati dalla ristretta grandezza del bacino su cui si formano. Infatti, l’acqua calda dei mari rappresenta il serbatoio di energia principale per un ciclone di questo tipo, che può continuare a svilupparsi solo se l’apporto di vapore acqueo dal mare non si interrompe. Per questo lo sviluppo di questi sistemi è sempre stato raro sui nostri Mari: il limitato apporto di vapore acqueo non ha mai permesso lo sviluppo di una struttura estesa. D’altra parte l’Atlantico, con la sua elevata larghezza e volume di acqua, fornisce un serbatoio di energia pressoché illimitato. Eppure da anni l’incidenza di questi fenomeni sta aumentando, a causa del riscaldamento delle acque Mediterranee.

Mediterranean_Hurricane_TLC_dic_2005

Medicane del Dicembre 2005.

Nelle immagini seguenti sono rappresentati due Medicane, osservati dal satellite rispettivamente nel Dicembre del 2005 e nel Gennaio 2005. La forma delineata e l’occhio centrale ben visibile suggeriscono perché questi sistemi abbiano ereditato il nomignolo di “Uragani Mediterranei”.

Mediterranean_hurricane_Medicanes_tropical_cyclone_2

Medicane Gennaio 1995.

 Proprio ieri si sono formate alcune condizioni peculiari che hanno permesso lo sviluppo di un sistema che sarebbe potuto evolvere in un Medicane, anche se è rimasto limitato a dimensioni ridotte. Le immagini seguenti mostrano l’immagine satellitare per la giornata del 20 gennaio.

Ciclogenesi al largo della Sicilia, possibile inizio di un "medicane"

Ciclogenesi al largo della Sicilia, possibile inizio di un “medicane”. 20 gennaio 2014

Sebbene la forma non sia delineata, e l’occhio non sia ben visibile, il sistema temporalesco ha portato piogge intense su tutto il Sud Italia. L’intensità del ciclone è ben visibile anche utilizzando l’immagine in falsi colori, nella quale le nuvole più alte, e quindi più estese e foriere di temporali, vengono rappresentate dai colori arancione e rosso chiaro.

medicane_3

Ciclogenesi al largo della Sicilia, possibile inizio di un “medicane”. 20 gennaio 2014. Immagine in falsi colori. Il verde rappresenta l’erba, mentre i colori che vanno dal bianco all’arancione ed il rosso rappresentano le nuvole.

 

 

Articolo di Guido Cioni del 21 Gennaio 2014 alle ore 15:07

Altri articoli di approfondimento

Gas serra: latte vaccino 3 volte più inquinante di quello vegetale

Vortice perturbato con impulso Polare in settimana: tanta pioggia e neve fino in pianura!

La notte più calda in Australia

Trovati resti animali in Antartide, potrebbero risalire a migliaia di anni fa

Strano disco di ghiaccio appare in un fiume nel Maine

L’isola “abitata” dalla plastica

Tempeste di pioggia e neve in California: 6 vittime

2018 l’anno peggiore di sempre nel centro-nord Europa, ecco i dati ufficiali

Aggiornamento neve e freddo: ecco dove e quando ritorneranno in Italia!

Instabilità e freddo invernale nel Weekend: neve e nuovo gelo in arrivo?

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Martedi 22 Gennaio
Le più Calde
Località T°C
Avellino 10°
Foggia 10°
Caserta
La Spezia
Grosseto
Imperia
Roma
Sassari
Pistoia
Enna
Le più Fredde
Località T°C
Ragusa 10°
Latina 10°
Oristano 11°
Benevento 11°
Cagliari 11°
Messina 11°
Napoli 12°
Cosenza 12°
Palermo 12°
Agrigento 12°
Domani Mercoledi 23 Gennaio
Le più Calde
Località T°C
Caserta 10°
Ragusa 10°
Cosenza 10°
Livorno 10°
Matera 10°
Benevento
Grosseto
Ravenna
Ascoli Piceno
Firenze
Le più Fredde
Località T°C
Cuneo -2°
Aosta
Asti
Belluno
Alessandria
Catanzaro 10°
Latina 10°
Roma 10°
Messina 10°
Oristano 10°