NOAA: i gas serra ora intrappolano il doppio del calore rispetto al 1990

L’indice AGGI ha raggiunto 1,49 nel 2021, mostrando il ruolo inconfutabile delle attività umane nel riscaldamento del pianeta.

Nel 2021 le concentrazioni di gas serra globali hanno intrappolato il 49% di calore in più in atmosfera rispetto a 30 anni fa, secondo il nuovo rapporto pubblicato dagli scienziati della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA). L’analisi si basa sull’indice annuale di gas serra noto come AGGI (Annual Greenhouse Gases Index), che tiene traccia dell’aumento dell’influenza delle emissioni inquinanti di natura antropica sul riscaldamento del pianeta, e include CO2, metano, protossido di azoto, clorofluorocarburi e altre 16 sostanze chimiche.

“L’AGGI ci dice quanto velocemente l’umanità sta guidando il riscaldamento globale”, spiega Ariel Stein, direttore ad interim del Global Monitoring Laboratory (GML) della NOAA. Queste misurazioni mostrano una crescita costante dei principali gas serra responsabili del cambiamento climatico, evidenziando in modo inconfutabile il ruolo delle attività umane in questo processo globale.

Ogni anno, l’AGGI converte i complessi calcoli scientifici di quanto calore extra catturano i gas serra in atmosfera in un unico valore, che tiene traccia del tasso di cambiamento. Nel 2021, l’AGGI ha raggiunto un valore di 1,49, suggerendo che i gas serra emessi dall’uomo hanno intrappolato il 49% di calore i più rispetto al 1990. Poiché si basa su misurazioni estremamente accurate dei campioni d’aria raccolti in tutto il mondo, i risultati dell’indice contengono poca incertezza.

Il grafico mostra l’influenza crescente della CO2 e di gas serra diversi dalla CO2 sul riscaldamento nel tempo. L’aumento corrispondente dell’AGGI è mostrato sull’asse destro Immagine: NOAA.

I campioni vengono raccolti in migliaia di siti in tutto il modo dalla rete di riferimento globale dei gas serra della NOAA. Le concentrazioni di questi gas e di altre sostanze chimiche sono determinate attraverso l’analisi dei campioni presso il Global Monitoring Laboratory della NOAA a Boulder, in Colorado (USA). Gli scienziati calcolano quindi la quantità di calore extra intrappolato nel sistema terrestre dai gas serra e il tasso di cambiamento nel tempo per comprendere il contributo dell’attività umana.

Il primo AGGI è stato rilasciato nel 2006, come valore di riferimento utile per i governi, le aziende e il pubblico a comprendere l’impatto cumulativo sul clima dei gas serra rilasciati dall’uomo nel tempo. Gli scienziati hanno assegnato il valore 0 all’anno 1750, l’inizio della rivoluzione industriale, e il valore 1 al 1990. In seguito, l’indice ha continuato a crescere.

Articolo di Erika del 25 Maggio 2022 alle ore 17:38

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Domenica 26 Giugno
Le più Calde
Località T°C
Nuoro 40°
Sassari 39°
Oristano 37°
Palermo 37°
Ragusa 37°
Firenze 36°
Benevento 36°
Arezzo 36°
Matera 36°
Bologna 36°
Le più Fredde
Località T°C
Ancona 25°
Savona 26°
Aosta 26°
Belluno 26°
Biella 27°
Crotone 27°
Cagliari 27°
Cuneo 28°
Genova 28°
Sondrio 28°
Domani Lunedi 27 Giugno
Le più Calde
Località T°C
Chieti 40°
Macerata 40°
Palermo 39°
Nuoro 39°
Teramo 39°
Bologna 39°
Arezzo 38°
Terni 38°
Foggia 38°
Ascoli Piceno 38°
Le più Fredde
Località T°C
Savona 26°
Aosta 27°
Cagliari 27°
Genova 27°
Livorno 28°
Biella 28°
Venezia 28°
Belluno 29°
Imperia 29°
Ancona 29°