Svelata la prima immagine del buco nero al centro della nostra galassia

È la prima prova diretta dell’esistenza del buco nero super massiccio al centro della Via Lattea.

Per la prima volta in assoluto gli astronomi hanno ottenuto un’immagine del gigantesco buco nero al centro della nostra galassia, fornendo una prova diretta della sua esistenza. Situato a 26.000 anni luce di distanza da noi, Sagittarius A è un buco nero super massiccio dalla massa pari a 4 milioni di volte quella del Sole e un diametro stimato di 60 milioni di km. L’immagine è il risultato del lavoro sincronizzato degli otto radiotelescopi dell’Event Horizon Telescope (EHT), posizionati in varie luoghi del mondo.

Poiché neanche la luce è in grado di sfuggire alla potente attrazione gravitazionale dei buchi neri, sarebbe impossibile vedere Sagittarius A se non come un alone deformato lasciato dalla materia luminosa che vortica all’ingresso di questo gigante cosmico. Una volta inglobata dal buco nero, la materia si perde al suo interno senza via d’uscita, ed è ciò che rende i buchi neri gli oggetti cosmici più misteriosi dello spazio.

Gli scienziati hanno ipotizzato a lungo che al centro della nostra galassia si nascondesse un buco nero super massiccio, la cui gravità lega le polveri, i gas, le stelle e i pianeti della Via Lattea in un’orbita libera attorno ad esso. La prima immagine catturata dall’EHT non è che la conferma di questa ipotesi. Sagittarius A “è il collante che tiene insieme la galassia”, spiega Ziri Younsi, astrofisico dell’University College London e collaboratore di EHT, ed è “la chiave per la nostra comprensione di come si è formata ed evolverà la Via Lattea in futuro”.

La prima immagine del buco nero al centro della Via Lattea catturata dall’Event Horizon Telescope (EHT).

Un buco nero nasce dal collasso di una grande stella, con una massa da 5 a 10 volte quella del nostro sole, che causa la fusione di elementi sempre più pesanti all’interno del nucleo. Quando questo processo arriva a formare il ferro, per l’incapacità di respingere le enormi forze gravitazionali generate dalla sua massa, la stella implode, inglobando il nucleo e tutta la materia circostante in un punto di densità infinita. Al di là di un confine chiamato “orizzonte degli eventi”, nulla può sfuggire all’attrazione gravitazionale del buco nero, che può crescere fino a diventare super massiccio – talvolta fondendosi con altri buchi neri.

L’immagine del buco nero della Via Lattea è stata catturata nel 2017, ma è stata rilasciata soltanto dopo una lunga analisi di dati. Nello stesso anno gli astronomi hanno ottenuto anche l’immagine di un altro buco nero, al centro della galassia M87, rilasciata nel 2019.

Articolo di Erika del 13 Maggio 2022 alle ore 16:35

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Venerdi 20 Maggio
Le più Calde
Località T°C
Ferrara 30°
Mantova 30°
Modena 30°
Rovigo 30°
Piacenza 30°
Foggia 30°
Cremona 29°
Lodi 29°
Parma 29°
Bologna 29°
Le più Fredde
Località T°C
Vibo Valentia 20°
Savona 20°
Ancona 20°
Messina 21°
Cagliari 21°
Trapani 21°
Genova 21°
Livorno 21°
Catania 21°
Brindisi 22°
Domani Sabato 21 Maggio
Le più Calde
Località T°C
Mantova 32°
Rovigo 32°
Cremona 32°
Ferrara 32°
Piacenza 32°
Lodi 32°
Padova 32°
Vicenza 32°
Parma 31°
Modena 31°
Le più Fredde
Località T°C
Vibo Valentia 19°
Savona 20°
Messina 20°
Genova 21°
Cagliari 21°
Livorno 21°
Trapani 21°
Ancona 22°
La Spezia 22°
Cosenza 23°