75 milioni di anni fa gli incendi devastavano l’Antartide

Tempo di lettura: 2 minuti.

Gli scienziati hanno analizzato i resti carbonizzati sull’isola di James Ross, risalenti all’epoca dei dinosauri.

Durante il tardo Cretaceo, tra 66 e 100 milioni di anni fa, la Terra sperimentava le temperature più calde di sempre ed era abitata dai dinosauri. Anche l’Antartide, oggi uno dei luoghi più freddi del pianeta, era caratterizzata da un clima temperato ed ospitava foreste di conifere, felci e angiosperme. Parti di quelle foreste furono bruciate da vasti incendi, lasciando resti che ora gli scienziati hanno raccolto e studiato.

Gli incendi boschivi durante il Cretaceo, in particolare tra 72 e 84 milioni di anni fa, si sono rivelati molto più frequenti di quanto si pensasse in precedenza, osserva l’autrice principale dello studio Flaviana Jorge de Lima, paleobiologa presso l’Università Federale di Pernambuco a Recife, in Brasile. La scoperta segna la prima traccia registrata di un paleo-incendio sull’isola di James Ross, una parte della penisola antartica che ora si trova sotto il Sud America.

Il team internazionale di scienziati ha analizzato i fossili raccolti durante una spedizione tra il 2015 e il 2016 nella regione nord-orientale dell’isola di James Ross, che contenevano frammenti di piante carbonizzate, deteriorati nelle ultime decine di milioni di anni. Nonostante le dimensioni minuscole, le analisi al microscopio hanno rivelato l’identità di tali frammenti, suggerendo che si trattasse di gimnosperme bruciate, probabilmente appartenenti alla famiglia di Araucariacae.

Sebbene la maggior parte delle prove si trovi nell’emisfero settentrionale, gli incendi boschivi devastanti erano frequenti e diffusi in diverse regioni del pianeta durante il tardo Cretaceo. A quell’epoca il Gondwana, il supercontinente che comprendeva le terre dell’emisfero australe, si stava disgregando, causando il progressivo isolamento dell’attuale Antartide. Questa regione senza ghiaccio era esposta a fonti di combustione come fulmini, attività vulcanica, meteoriti in caduta e alti livelli di ossigeno che alimentavano le fiamme nella vegetazione.

L’Antartide ha avuto un’intensa attività vulcanica causata dalla tettonica durante il Cretaceo, come suggerito dalla presenza di resti fossili in strati legati alla caduta di cenere”, scrivono i ricercatori nello studio, impegnati nella ricerca di nuove tracce di paleo-incendi in altre regioni dell’Antartide. “È plausibile che l’attività vulcanica abbia causato il violento paleo-incendio legato ai fossili analizzati”.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Polar Research.

Articolo di Erika del 28 Ottobre 2021 alle ore 18:31

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Lunedi 29 Novembre
Le più Calde
Località T°C
Vibo Valentia 10°
Imperia 10°
Foggia 10°
Ancona 10°
Matera 10°
Ragusa
Benevento
Livorno
Savona
Sassari
Le più Fredde
Località T°C
Aosta -0°
Caserta 10°
Catanzaro 10°
Roma 10°
Latina 11°
Agrigento 11°
Oristano 11°
Napoli 11°
Cagliari 11°
Bari 11°
Domani Martedi 30 Novembre
Le più Calde
Località T°C
Rimini 10°
Pisa 10°
Caserta 10°
Catanzaro 10°
Ragusa 10°
Ferrara
Vicenza
Benevento
Trieste
Ascoli Piceno
Le più Fredde
Località T°C
Bologna 10°
Foggia 10°
Alessandria 10°
Modena 10°
Ancona 10°
Roma 10°
Ravenna 10°
Latina 10°
Bari 11°
Grosseto 11°