In 70 anni abbiamo perso la metà delle barriere coralline nel mondo

Tempo di lettura: 2 minuti.

Lo sbiancamento dei coralli indotto dal riscaldamento delle acque in primo luogo, insieme agli eventi estremi, la pesca non sostenibile, l’inquinamento e la distruzione degli habitat.

Dagli anni ’50 ad oggi è morto il 50% delle barriere coralline di tutto il mondo a causa del riscaldamento degli oceani, l’inquinamento, la pesca non sostenibile, la distruzione degli habitat naturali. Un declino gravissimo, che vede gli ecosistemi marini più vulnerabili e al contempo preziosi del pianeta in balìa delle attività umane e dell’impatto di eventi climatici estremi, aprendo uno scenario futuro per nulla ottimistico.

Lo sbiancamento dei coralli costituisce una delle minacce peggiori per questi delicati ecosistemi, che si rivela particolarmente marcato lungo le coste della Papua Nuova Guinea, Giamaica e Belize. Gli eventi di sbiancamento, legati all’esposizione prolungata delle colonie al calore eccessivo delle acque, mettono a rischio costantemente le barriere di tutto il mondo, talvolta segnando il collasso definitivo nei coralli più deboli.

Lo studio pubblicato sulla rivista One Earth si basa su oltre 14.000 report sulle condizioni delle barriere coralline in 87 paesi a partire dagli anni ’50. “Abbiamo ricavato stime globali dei servizi ecosistemici chiave forniti dalle barriere coralline: cattura di pesci, abbondanza di pesci, biodiversità e consumo di pesci associati alla barriera corallina da parte dei popoli indigeni”, scrivono gli autori. L’analisi suggerisce che la moria di alcuni settori delle barriere implica un declino dei servizi ecosistemici pari al 50%.

Quanto alla biodiversità, i numeri risultano ancora più allarmanti, segnando un calo del 60% nella popolazione di pesci e organismi marini che popolano le barriere coralline in soli 70 anni. Sebbene il fattore della pesca eccessiva non sia più predominante – il picco resta al 1971 – gli ecosistemi corallini sono gravemente minacciati dal cambiamento climatico legato alle attività umane.

Il trend evidenziato dallo studio non è affatto promettente, anzi da risalto al fenomeno crescente del riscaldamento globale, in particolare quello degli oceani. Come illustra l’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), gli impatti sugli ecosistemi marini innescati dall’attività antropica rischiano di permanere per secoli, talvolta millenni, anche riducessimo drasticamente le emissioni di gas serra a livello globale.

L’aumento della temperatura delle acque rappresenta una minaccia critica per tutte le colonie di coralli del mondo, indistintamente dalla regione in cui sono situate. Istituire le aree protette però non è sufficiente per proteggerle, bisogna puntare alle emissioni nette zero e adottare misure efficaci e tempestive per contenere il riscaldamento invertendo le tendenze attuali.

Articolo di Erika del 20 Settembre 2021 alle ore 15:51

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Lunedi 18 Ottobre
Le più Calde
Località T°C
Grosseto 22°
Caserta 22°
Roma 22°
Oristano 22°
Siracusa 21°
Benevento 21°
Latina 21°
Frosinone 21°
Asti 21°
Terni 21°
Le più Fredde
Località T°C
Potenza 15°
Campobasso 16°
Ancona 16°
Chieti 16°
Belluno 16°
L'aquila 17°
Fermo 17°
Varese 17°
Pescara 17°
Teramo 17°
Domani Martedi 19 Ottobre
Le più Calde
Località T°C
Grosseto 23°
Bologna 22°
Roma 22°
Modena 22°
Caserta 22°
Ferrara 22°
Taranto 22°
Sassari 22°
Aosta 22°
Benevento 22°
Le più Fredde
Località T°C
Belluno 16°
Ancona 17°
Biella 17°
Varese 17°
Potenza 17°
Pescara 17°
Campobasso 17°
Chieti 17°
Savona 18°
Como 18°