Il più grande terremoto nel Mediterraneo non è stato ciò che pensavamo

Tempo di lettura: 2 minuti.

Una nuova scoperta potrebbe riscrivere la storia del terremoto di Creta nel 365 d.C., cambiando gli attuali modelli sismici e di tsunami nella regione.

Il terremoto più devastante nella storia del Mediterraneo potrebbe rivelarsi qualcosa di diverso da ciò che si era ipotizzato finora. Una nuova scoperta suggerisce che l’evento verificatosi nel 365 d.C. avrebbe una eredità sismica differente e ciò stravolgerebbe radicalmente gli attuali modelli di terremoti e tsunami nella regione.

Il sisma di magnitudo stimata 8.0 o superiore colpì nel Mediterraneo provocando uno tsunami e uccidendo decine di migliaia di persone. L’Alessandria d’Egitto insieme a molte altre città furono distrutte dall’evento catastrofico, secondo gli studi, che lo collegavano alla zona di subduzione sotto Creta. Tuttavia, un gruppo di faglie “normali” al largo della Creta occidentale e sud-occidentale potrebbe essere alle origini del sollevamento di vaste distese di spiaggia fossile lungo la costa.

“Le nostre scoperte favoriscono collettivamente l’interpretazione che i terremoti e gli tsunami dannosi nel Mediterraneo orientale possono avere origine da faglie normali, evidenziando il potenziale pericolo da terremoti di faglia normale della placca superiore tsunamigenica”, scrivono i ricercatori nel loro articolo pubblicato su AGU Advances.  

Analizzando le coste esposte al sollevamento sismico e la datazione del radiocarbonio, il team è riuscito a risalire allo spostamento del terreno all’epoca, ottenendo dati più precisi. Il sollevamento del suolo intorno alle spiagge, che avrebbe raggiunto fino a 9 metri di altezza, lasciò esposta una quantità enorme di organismi marini, uccidendoli.

Questi resti di organismi viventi, raccolti in 8 siti intorno a Creta, hanno fornito agli scienziati 32 nuovi punti in termini di età geologica, che attraverso i modelli computerizzati sono stati adattati all’attività sismica nel luogo. I risultati suggeriscono che il sollevamento sia stato probabilmente causato da una serie di terremoti nei primi secoli del millennio, antecedenti al leggendario evento sismico del 365 d.C.

Secondo il nuovo studio, le faglie normali nella regione potrebbero quindi essere più suscettibili alla distruzione di quanto si pensasse in precedenza, e il terremoto del 365 d.C. potrebbe aver avuto origine da faglie normali anziché dalla zona di subduzione ellenica come ipotizzato finora.

Ciò potrebbe significare un intero riadattamento degli attuali modelli sismici e un cambiamento nelle previsioni. Sostanzialmente, se i rischi legati alla zona di subduzione ellenica potrebbero essere inferiori, il pericolo derivante da più faglie normali potrebbe essere maggiore di quanto pensiamo, specialmente in termini di tempistica raggruppata.

I ricercatori approfondiranno lo studio sull’attività sismica nella regione del Mediterraneo, soprattutto lontano dalle coste, da cui proviene la maggior parte dei dati della ricerca. In particolare, specifica il team, andrà migliorato “l’imaging geofisico, per comprendere adeguatamente la tettonica e il rischio sismico nella zona di subduzione ellenica”.

Articolo di Erika del 17 Maggio 2021 alle ore 17:26

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Venerdi 18 Giugno
Le più Calde
Località T°C
Foggia 34°
Bologna 34°
Ferrara 34°
Mantova 33°
Modena 33°
Ravenna 32°
Cremona 32°
Parma 32°
Matera 32°
Oristano 32°
Le più Fredde
Località T°C
Savona 23°
Cagliari 23°
Vibo Valentia 24°
Crotone 24°
Genova 24°
Ancona 24°
Messina 25°
Livorno 25°
Imperia 25°
Catania 25°
Domani Sabato 19 Giugno
Le più Calde
Località T°C
Sassari 39°
Oristano 38°
Foggia 36°
Ferrara 36°
Bologna 36°
Modena 35°
Mantova 34°
Rovigo 34°
Macerata 34°
Ravenna 34°
Le più Fredde
Località T°C
Savona 23°
Genova 25°
Livorno 25°
Ancona 25°
Vibo Valentia 26°
Cagliari 26°
Messina 26°
Brindisi 26°
Imperia 27°
Trapani 27°