La stratosfera si sta riducendo a causa dei gas serra. Quali sono i rischi?

Tempo di lettura: 2 minuti.

Dal 1980 ad oggi l’estensione della stratosfera si è ridotta di circa 400 metri. A lungo termine, il fenomeno potrebbe avere delle ripercussioni sui satelliti e sui sistemi di comunicazione GPS.

Negli ultimi 40 anni l’estensione della stratosfera terrestre è diminuita a causa delle concentrazioni di gas serra crescenti. Un nuovo studio pubblicato su Environmental Research Letters collega per la prima volta il fenomeno della contrazione alle emissioni inquinanti, mostrando che l’estensione dello strato dell’atmosfera a 20-60 km dal livello del mare si è ridotta con una media di 100 metri per decennio dal 1980 ad oggi.

Il team internazionale di scienziati guidato da Petr Pisoft dell’Univerzita Karlova avverte che la riduzione della stratosfera potrebbe subire un ulteriore incremento nei prossimi decenni. “Se le emissioni di gas serra si sviluppano secondo lo scenario medio RCP6.0 (dell’Ipccc, ndr), entro il 2080 l’estensione della stratosfera diminuirà di 1,3 km”, spiegano i ricercatori. In tal modo, la stratosfera si ridurrebbe del 4% rispetto al 1980.

Tutto questo basandosi sull’ipotesi che il restringimento stratosferico sia cominciato in quel periodo. Ma se le emissioni di gas serra avessero influito già anni prima sulla stratosfera, allora il tasso di riduzione sarebbe maggiore. Ad oggi, però, i dati sui periodi precedenti non sono sufficienti per stabilirlo.

“La contrazione della stratosfera è un chiaro segnale dell’emergenza climatica e dell’influenza su scala planetaria che l’umanità sta esercitando”, commenta Juan Añel dell’Universidade de Vigo – Ourense, co-autore dello studio. “Ciò dimostra che stiamo interferendo con l’atmosfera fino a 60 chilometri”.

Studi precedenti ipotizzavano che il restringimento della stratosfera fosse dovuto al declino dello strato di ozono, causato dall’utilizzo dei clorofluorocarburi negli aerosol e altri prodotti industriali. Ma le nuove osservazioni satellitari insieme a modelli climatici dettagliati trovano uno stretto legame tra le emissioni di CO2 e questo preoccupante fenomeno, che si rivela un nuovo potenziale indicatore globale del cambiamento climatico, spiegano gli scienziati, e un’ulteriore conferma dello squilibrio del sistema terrestre legato alle attività umane.

Rischi per i satelliti

Il fatto che i nostri satelliti ruotino attorno alla Terra al di sopra della stratosfera potrebbe far pensare che questi non siano esposti al fenomeno del restringimento stratosferico. Tuttavia, per quanto ne sappiamo, qualsiasi cambiamento in uno degli strati dell’atmosfera può influenzare gli altri, in un potenziale effetto a catena. Una stratosfera che si riduce, quindi, potrebbe effettivamente avere degli effetti sui satelliti e sui sistemi GPS.

“Se la contrazione della stratosfera dovesse abbassare tutti gli strati atmosferici sopra di essa, i satelliti a bassa quota subirebbero una riduzione della resistenza dell’aria, che potrebbe modificare le loro traiettorie”, spiega Paul Williams, professore di scienze atmosferiche alla Reading University nel Regno Unito, che non è stato coinvolto nello studio.

Un incremento della riduzione della stratosfera a lungo termine potrebbe avere effetti devastanti su GPS e sistemi di navigazione spaziale, nonché su trasmissioni radio ad alta frequenza, che si basano sul rimbalzo delle onde radio su particelle cariche nella ionosfera. Sarebbero quindi compromesse le comunicazioni tra piloti e torri di controllo nelle regioni del pianeta non coperte dal GPS, come l’Artico, ad esempio. “Qualsiasi modifica all’altitudine dello strato carico elettricamente potrebbe alterare la trasmissione delle onde radio”, afferma Williams.

Ma gli effetti sui sistemi di comunicazione terrestri e sull’atmosfera stessa restano da approfondire. Non a caso, commenta Williams, l’alta atmosfera è anche chiamata “ignorosfera”, per la poca conoscenza che abbiamo di essa. Senza dubbio il nuovo documento inviterà ad una maggiore osservazione di questa regione remota ma allo stesso tempo fondamentale dell’atmosfera terrestre.

Articolo di Erika del 15 Maggio 2021 alle ore 11:49

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Venerdi 18 Giugno
Le più Calde
Località T°C
Foggia 34°
Bologna 34°
Ferrara 34°
Mantova 33°
Modena 33°
Ravenna 32°
Cremona 32°
Parma 32°
Matera 32°
Oristano 32°
Le più Fredde
Località T°C
Savona 23°
Cagliari 23°
Vibo Valentia 24°
Crotone 24°
Genova 24°
Ancona 24°
Messina 25°
Livorno 25°
Imperia 25°
Catania 25°
Domani Sabato 19 Giugno
Le più Calde
Località T°C
Sassari 39°
Oristano 38°
Foggia 36°
Ferrara 36°
Bologna 36°
Modena 35°
Mantova 34°
Rovigo 34°
Macerata 34°
Ravenna 34°
Le più Fredde
Località T°C
Savona 23°
Genova 25°
Livorno 25°
Ancona 25°
Vibo Valentia 26°
Cagliari 26°
Messina 26°
Brindisi 26°
Imperia 27°
Trapani 27°