Fiume Po a -45% di portata, rischio siccità estrema anche per Abruzzo e Molise

Tempo di lettura: 2 minuti.

La carenza di precipitazioni soprattutto a marzo ha determinato un quadro preoccupante in diverse aree del Paese, con molti valori al di sotto della media.

Molte aree dell’Abruzzo e del Molise rischiano siccità estreme e una preoccupante carenza idrica, mentre il fiume Po registra livelli ben al di sotto della media del periodo (-45%), con valori paragonabili a quelli del mese di agosto. Ad annunciarlo è il rapporto dell’Osservatorio dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (Anbi) sulle Risorse Idriche, che conferma i dati rilevati dall’European Drought Observatory.

Un significativo calo delle precipitazioni ha interessato soprattutto le zone costiere, in particolare nelle province di Pescara e Chieti, fa sapere l’Anbi, dove permane lo stato di sofferenza idrica osservato nel 2020. I valori continuano ad essere in calo, fino al 70% su base mensile, coerentemente a quanto si registra sul resto della dorsale adriatica a partire dalla Romagna.

Come il Po, tutti i fiumi emiliani registrano una portata nettamente inferiore alla media del periodo, con l’Enza che ha raggiunto il minimo storico a 2,4 metri cubi al secondo. I dati si riconfermano allarmanti, con la necessità impellente di creare “nuovi bacini per trattenere le acque di pioggia ed una rete in grado di trasferire acqua fra territori”, osserva il presidente Anbi Francesco Vincenzi.

La diminuzione degli afflussi riguarda anche i grandi laghi del Nord Italia: il lago di Iseo e di Como sono al di sotto della media, con quest’ultimo ad appena il 10,6% di riempimento. Oscillano i valori dei fiumi piemontesi con in calo il Maira, lo Stura di Lanzo e il Dora Baltea, mentre aumentano di livello il Tanaro, il Pesio e il Sesia. Anche il fiume Adda in Lombardia registra valori sotto la media.

In Veneto la situazione resta invece stabile, con tutti i corsi d’acqua entro i normali parametri, così come i fiumi nelle Marche, mentre in Toscana l’Arno e l’Ombrone si trovano a meno del 30% della portata rispetto all’anno scorso. Nel Lazio il Tevere, il Liri-Garigliano e il Sacco restano nella media, mentre il livello del lago di Bracciano è in calo.

Al Sud l’Anbi rileva nuovamente livelli idrometrici in calo nei fiumi della Campania, mentre in Basilicata continuano ad aumentare, con +135,87 milioni di metri cubi rispetto al 2020. In Puglia la disponibilità idrica resta stabile ma non preoccupante, con +295 milioni di metri cubi rispetto all’anno scorso.

Articolo di Erika del 02 Aprile 2021 alle ore 17:28

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Domenica 11 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Biella 10°
Belluno
Sassari 22°
Oristano 22°
Palermo 21°
Nuoro 20°
Bari 20°
Chieti 20°
Ravenna 20°
Foggia 19°
Le più Fredde
Località T°C
Varese 10°
Bergamo 10°
Sondrio 10°
Lecco 11°
Aosta 11°
Milano 11°
Como 11°
Novara 11°
Gorizia 11°
Padova 11°
Domani Lunedi 12 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Aosta
Palermo 22°
Foggia 22°
Bari 21°
Benevento 21°
Cosenza 20°
Agrigento 20°
Caserta 19°
Ferrara 19°
Lecce 19°
Le più Fredde
Località T°C
Varese 10°
Sondrio 11°
Belluno 11°
Cuneo 12°
Como 12°
Asti 12°
Udine 12°
Alessandria 12°
Biella 13°
Torino 13°