Plastica in mare: i batteri che minacciano la nostra salute

Tempo di lettura: 1 minuto.

La “plastisfera” potrebbe essere causa di nuove epidemie tra gli esseri umani.

L’inquinamento da plastica oggi è un problema di portata globale che preoccupa soprattutto per la contaminazione profonda dei mari e la minaccia che costituisce per la salute della fauna marina e degli esseri umani. La presenza di questo materiale nell’ambiente è a dir poco invasiva: si stima addirittura che nel 2050 la massa totale delle microplastiche negli oceani supererà quella dei pesci.

Oltre al danno inferto alle creature marine, che vediamo sempre più spesso vittime di questa vera e propria invasione, e la contaminazione delle reti alimentari che coinvolgono anche l’uomo, una nuova minaccia potrebbe provenire dai batteri che proliferano sui rifiuti di plastica in mare. Gli scienziati l’hanno chiamata “plastisfera”, un vero e proprio ecosistema che si sviluppa grazie alla colonizzazione da parte di organismi quali batteri, virus, funghi, microalghe, crostacei ed invertebrati.

Già nel 2013 gli esperti avevano individuato il biofilm che si forma sulla plastica in mare, suscitando diverse preoccupazioni riguardo la proliferazione di agenti patogeni. Uno studio del 2016 ha poi sollevato ulteriori timori a causa della scoperta dei batteri della famiglia dei vibrioni, responsabili del colera. In seguito, uno studio su alcuni rifiuti di plastica nella regione antartica ha rilevato la presenza di batteri resistenti agli antibiotici, un dato ancora più allarmante che ha richiamato l’attenzione sui rischi provenienti da questi ecosistemi in crescita.

A differenza di altri materiali biodegradabili, la plastica permane negli ambienti per tempi estremamente lunghi. Ciò consente ai batteri di proliferare e di viaggiare attraverso i mari percorrendo lunghissime distanze. Per questo motivo il problema di batteri specifici come i vibrioni unito alla resistenza agli antibiotici richiede un’azione urgente, osserva l’eco-tossicologa del Consiglio nazionale delle ricerche francese Ika Paul-Pont in una pubblicazione sul giornale Les Echos. Non è da escludere che i rifiuti di plastica potrebbero diventare vettori di nuove epidemie tra gli esseri umani.

Un esempio concreto dei rischi legati alla plastisfera è lo tsunami che nel 2017 provocò la catastrofe di Fukushima. Dopo il disastro, le analisi delle acque lungo la costa occidentale degli Stati Uniti rivelarono la presenza di 289 nuove specie di organismi proliferati lungo la superficie di pezzi di plastica che erano stati trasportati dalle correnti e provenivano proprio dalle acque nipponiche.

Articolo di Erika del 24 Febbraio 2021 alle ore 20:41

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Domenica 11 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Biella 10°
Belluno
Sassari 22°
Oristano 22°
Palermo 21°
Nuoro 20°
Bari 20°
Chieti 20°
Ravenna 20°
Foggia 19°
Le più Fredde
Località T°C
Varese 10°
Bergamo 10°
Sondrio 10°
Lecco 11°
Aosta 11°
Milano 11°
Como 11°
Novara 11°
Gorizia 11°
Padova 11°
Domani Lunedi 12 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Aosta
Palermo 22°
Foggia 22°
Bari 21°
Benevento 21°
Cosenza 20°
Agrigento 20°
Caserta 19°
Ferrara 19°
Lecce 19°
Le più Fredde
Località T°C
Varese 10°
Sondrio 11°
Belluno 11°
Cuneo 12°
Como 12°
Asti 12°
Udine 12°
Alessandria 12°
Biella 13°
Torino 13°