Gli USA rientrano nell’Accordo di Parigi: cosa accadrà adesso?

Tempo di lettura: 1 minuto.

Riportare gli Stati Uniti nell’Accordo di Parigi è stata una delle prime mosse del nuovo presidente eletto Joe Biden, ribaltando quattro anni di negazionismo climatico e decisioni del tutto in contrasto con gli attuali obiettivi ambientali. Ora ci sarebbero finalmente i presupposti per estendere la lotta ai cambiamenti climatici alla portata globale, in una decisione acclamata da tutte le nazioni impegnate. Come promesso, il provvedimento è stato firmato dal presidente, che insieme ha dato massima priorità all’emergenza Covid-19, alla democrazia e alle diseguaglianze sociali.

Gli USA rientreranno quindi a pieno regime nella Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Cop26), che si terrà a Glasgow il prossimo novembre – rimandata di un anno a causa della pandemia. Nel frattempo, il neopresidente ha intenzione di convocare un summit sul clima con i leader delle maggiori economie, ma sarebbero già in atto i primi provvedimenti per riportare gli USA verso un’economia green, riprendendo gli impegni sottoscritti da Obama nel 2015 riguardo i tagli sulle emissioni e gli aiuti economici ai Paesi in via di sviluppo che sono più vulnerabili ai agli effetti del riscaldamento globale.

La Cop26 sarà “un momento cruciale per aumentare l’ambizione globale, e useremo i prossimi incontri del G7 e del G20 per procedere in questo cammino”, hanno affermato l’Alto rappresentante Ue Josep Borrell e il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans. “Se tutti i Paesi si uniranno nella sfida globale a zero emissioni, l’intero pianeta vincerà”. Gli USA sono un alleato fondamentale in questo percorso, sottolinea il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, un grande ritorno “che fa ben sperare che riusciremo a mantenere gli impegni presi, a vincere la sfida di lasciare in eredità ai nostri figli un pianeta migliore e una società più giusta”.

Secondo il presidente di Transizione Ecologica solidale (TES), Andrea Orlando, “con gli Usa nell’accordo saremo in grado di scongiurare un ulteriore aumento di 0,3 gradi della temperatura media globale entro il 2100”. Ma bisognerà lavorare per garantire la piena applicazione degli accordi sul clima in tutte le aree geografiche, operando per allargare ulteriormente l’ambito d’azione e in favore dei paesi in via di sviluppo.

La strada da percorrere è molto lunga, precisa il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres, che ha accolto con clamore il rientro degli USA nell’Accordo. Il tempo per contenere il riscaldamento globale al di  sotto dei 1,5 gradi stringe e la crisi climatica peggiora anno dopo anno. Guterres ha affermato di “attendere con impazienza la leadership degli Usa per accelerare gli sforzi globali verso le emissioni zero”, aggiungendo che si impegnerà a lavorare a stretto contatto con Biden e altri leader per la lotta all’emergenza climatica in tempi di pandemia.

Articolo di Erika del 23 Gennaio 2021 alle ore 18:14

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Martedi 02 Marzo
Le più Calde
Località T°C
Potenza 10°
Oristano 19°
Sassari 18°
Imperia 18°
Firenze 18°
Lucca 17°
Caserta 17°
Pisa 17°
Pistoia 17°
Terni 17°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 11°
Cuneo 11°
Campobasso 11°
L'aquila 11°
Belluno 11°
Sondrio 11°
Biella 12°
Ancona 12°
Enna 12°
Rimini 13°
Domani Mercoledi 03 Marzo
Le più Calde
Località T°C
Caserta 18°
Asti 18°
Alessandria 17°
Oristano 17°
Bologna 17°
Benevento 17°
Ferrara 17°
Firenze 17°
Modena 17°
Grosseto 17°
Le più Fredde
Località T°C
Enna 11°
Potenza 11°
Ancona 12°
Savona 12°
Sondrio 13°
Belluno 13°
Campobasso 13°
Ragusa 13°
Aosta 13°
Fermo 13°