Ondate di freddo estremo: in che modo sono legate al riscaldamento globale?

Tempo di lettura: 1 minuto.

L’inizio del nuovo anno ha portato ondate di freddo polare in molte aree d’Europa, con nevicate che in alcune zone non si vedevano da decenni e temperature estreme come i -25 °C a Madrid. Paradossalmente, la chiusura del 2020 ha rappresentato un nuovo record per le temperature globali più alte di sempre, a pari merito con il 2016 come anno più caldo osservato. Il riscaldamento globale, infatti, procede imperterrito e con esso anche gli eventi di freddo estremo. Ma in che modo l’aumento delle temperature è legato a questo fenomeno?

L’arrivo di neve e freddo in Europa a cavallo di Capodanno 2021 è stato in realtà favorito da un intenso riscaldamento stratosferico in Artico, di circa 50 °C, spiegano i ricercatori delle Università di Milano-Bicocca e Harvard nel nuovo studio pubblicato su Nature climate change. Nelle zone di media latitudine le condizioni meteorologiche sono fortemente influenzate dal vortice polare, una circolazione atmosferica che cattura l’aria fredda dell’Artico e le impedisce di diffondersi in altre aree del mondo. Il vortice polare si indebolisce mediamente ogni due anni, consentendo all’aria gelida di raggiungere le medie latitudini – nel 2012, ad esempio, la temperatura in pianura Padana raggiunse i -20 °C.

“L’indebolimento del vortice polare viene innescato dal rapido riscaldamento dell’aria a 30 km di quota, in stratosfera, e provoca un’anomalia dei venti”, spiegano i ricercatori. “Nel giro di un paio di settimane le condizioni atmosferiche in superficie cominciano a risentire degli effetti dei venti anomali, favorendo l’incursione dell’aria polare nelle medie latitudini”.

Non è nuovo agli scienziati che le anomalie termiche in stratosfera siano influenzate dai cambiamenti climatici, da eventi come lo scioglimento dei ghiacci artici e le piogge tropicali intense. Secondo il team, lo stratwarming verificatosi in questo periodo ha suggerito “una condizione anticipatrice mai osservata prima”: la temperatura superficiale dell’Oceano Pacifico settentrionale è stata particolarmente calda, il che ha favorito il riscaldamento dell’aria gelida che giunge dalla Siberia favorendone la risalita e infine modificando le condizioni stratosferiche.

Articolo di Erika del 20 Gennaio 2021 alle ore 10:06

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Martedi 02 Marzo
Le più Calde
Località T°C
Potenza 10°
Oristano 19°
Sassari 18°
Imperia 18°
Firenze 18°
Lucca 17°
Caserta 17°
Pisa 17°
Pistoia 17°
Terni 17°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 11°
Cuneo 11°
Campobasso 11°
L'aquila 11°
Belluno 11°
Sondrio 11°
Biella 12°
Ancona 12°
Enna 12°
Rimini 13°
Domani Mercoledi 03 Marzo
Le più Calde
Località T°C
Caserta 18°
Asti 18°
Alessandria 17°
Oristano 17°
Bologna 17°
Benevento 17°
Ferrara 17°
Firenze 17°
Modena 17°
Grosseto 17°
Le più Fredde
Località T°C
Enna 11°
Potenza 11°
Ancona 12°
Savona 12°
Sondrio 13°
Belluno 13°
Campobasso 13°
Ragusa 13°
Aosta 13°
Fermo 13°