Didattica meteo: perché tanta pioggia sull’Italia?

Da diversi giorni buona parte del territorio italiano è interessato da intense e persistenti precipitazioni. Le regioni affacciate sul Mar Tirreno stanno sperimentando gli effetti più marcati di questa lunga fase di maltempo mentre si registrano vere e proprie bufere di neve sulle Alpi.

L’evoluzione meteorologica di questi giorni è stata condizionata in modo determinante dalla discesa di aria gelida di estrazione artica sul Mediterraneo occidentale. Questa massa di aria in movimento è chiaramente visibile da satellite grazie alle nubi che genera lungo la sua traiettoria. Infatti, l’aria fredda in moto verso sud interagisce con l’aria più mite presente alle medie latitudini destabilizzando il profilo atmosferico e innescando i fenomeni convettivi che producono le tipiche formazioni nuvolose visibili sulla superficie oceanica.


Guardiamo la stessa immagine prodotta dal modello globale americano GFS. In particolare osserviamo la mappa di altezza geopotenziale a 500 hPa dalla quale si nota chiaramente la profonda saccatura (area di colore blu) che si spingerà nel pomeriggio fino alle coste del Nord-Africa. Più nel dettaglio, l’altezza geopotenziale a 500 hPa è la quota che bisogna raggiungere per poter registrare tale valore barico (500 hPa per l’appunto). La mappa conferma la differenza di altezza geopotenziale tra il bacino del Mediterraneo (valori inferiori, area blu) e l’ Atlantico (valori maggiori, area rossa). Si nota inoltre il minimo di pressione (circa 990 hPa) posizionato sul nord della Francia.

Altezza geopotenziale a 500 hPa. FONTE: WXCHARTS

La variazione di altezza geopotenziale dipende proprio dalla differenza di temperatura, la quale influenza in modo determinante l’inclinazione delle superfici di pressione costante (superfici isobare). L’aria più fredda proveniente da Nord ha una densità maggiore e quindi, nella zona interessata da basse temperature, la pressione diminuisce più velocemente con la quota (vedi figura).
Questo meccanismo è alla base della formazione dei vortici di bassa pressione i cui venti sono tipicamente caratterizzati da una rotazione antioraria.

500hpa

Nella zona a cavallo tra le due masse di aria l’intensità del vento aumenta proprio a causa del gradiente termico. Di conseguenza vengono innescate forti correnti umide dai quadranti meridionali che raggiungono le coste della nostra Penisola.

Venti a 850 hPa previsti nella giornata di oggi. FONTE: PIVOTAL WEATHER

Questa configurazione determina un forte trasporto di vapore acqueo dal Mediterraneo verso nord, in particolare verso le coste tirreniche dove si concentrano le piogge. Inoltre, quando incontra l’orografia, la massa di aria umida sale di quota, condensa e precipita. Questo meccanismo favorirà le prossime intense nevicate sul settore orientale dell’arco alpino.

Articolo di Stefano Della Fera del 05 Dicembre 2020 alle ore 16:36

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Lunedi 18 Gennaio
Le più Calde
Località T°C
Grosseto 10°
Latina 10°
Genova
Livorno
Ragusa
Savona
Crotone
Nuoro
Napoli
Pisa
Le più Fredde
Località T°C
Potenza
L'aquila
Campobasso
Messina 10°
Roma 10°
Imperia 11°
Palermo 11°
Sassari 11°
Siracusa 12°
Trapani 12°
Domani Martedi 19 Gennaio
Le più Calde
Località T°C
Messina 10°
Fermo 10°
Nuoro 10°
Benevento 10°
Prato 10°
Ascoli Piceno 10°
Taranto 10°
Modena 10°
Pistoia 10°
Terni 10°
Le più Fredde
Località T°C
Belluno
Lucca 10°
Bologna 10°
Crotone 10°
Savona 10°
Bari 11°
Caserta 11°
Agrigento 11°
La Spezia 11°
Firenze 11°