Vita su Marte, le prove biologiche potrebbero essere state distrutte

Tempo di lettura: 2 minuti.

La presenza di fluidi acidi potrebbe spiegare la difficoltà nel trovare tracce di vita antica sul pianeta rosso.

Mentre numerose ricerche si affannano per trovare tracce di vita passata sul pianeta rosso, una nuova sfida si presenta ai ricercatori impegnati in questo obiettivo: i fluidi acidi che una volta scorrevano sulla superficie di Marte potrebbero aver distrutto le prove dell’esistenza di forme di vita. A dirlo è un nuovo studio dell’Università di Cornell e del Centro di Astrobiologia spagnolo, i cui risultati sono stati pubblicati su Nature Scientific Reports.

I ricercatori hanno condotto simulazioni che coinvolgevano argilla e amminoacidi per trarre conclusioni sulla probabile degradazione delle prove biologiche nascoste nelle argille ricche di ferro di Marte. I terreni argillosi sono un obiettivo preferito nella raccolta di campioni sul suolo marziano, poiché l’argilla preserva il materiale organico molecolare al suo interno. Tuttavia, la presenza di acidi sulla superficie marziana in passato potrebbe aver compromesso questa capacità dell’argilla di proteggere le prove di vite precedenti.

“Sappiamo che i fluidi acidi sono fluiti sulla superficie di Marte in passato, alterando le argille e la sua capacità di proteggere le sostanze organiche”, ha affermato Alberto G. Fairén, co-autore dello studio. La struttura interna dell’argilla è composta da diversi strati, dove le prove biologiche – lipidi, acidi nucleici, peptidi e altri biopolimeri – sono ben conservati nel tempo, ha spiegato.

In particolare, i ricercatori hanno analizzato gli effetti delle condizioni superficiali del pianeta su un amminoacido chiamato glicina, che era stato precedentemente esposto a fluidi acidi e rappresenta un perfetto indicatore di cosa sarebbe potuto succedere su Marte. Dopo una lunga esposizione alla radiazione ultravioletta simulata dal team, le molecole di glicina hanno mostrato segni di fotodegradazione.

“Quando le argille sono esposte a fluidi acidi, gli strati collassano e la materia organica non può essere preservata. Vengono distrutti”, ha osservato Fairén. Per questo motivo la ricerca della vita antica su Marte potrebbe essere così complicata: i risultati mostrano che i fluidi acidi potrebbero porre seri limiti alla possibilità di trovare tracce organiche, che sono al centro delle missioni spaziali da molti anni.

Nel frattempo le ricerche continuano e potrebbero fornire nuovi importanti indizi sulla vita passata del pianeta rosso. II prossimo febbraio il rover Perseverance della NASA, lanciato il 30 luglio, atterrerà sul cratere Jezero di Marte e raccoglierà campioni di suolo marziano che invierà sulla Terra entro il 2030. Il rover Rosalind Franklin dell’Agenzia spaziale europea verrà invece lanciato alla fine del 2022, perforando la superficie marziana e analizzando i campioni in loco.

Articolo di Erika del 20 Settembre 2020 alle ore 16:53

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Venerdi 23 Ottobre
Le più Calde
Località T°C
Sassari 26°
Nuoro 26°
Foggia 25°
Oristano 25°
Palermo 25°
Matera 24°
Trapani 23°
Siracusa 23°
Cagliari 23°
Catanzaro 22°
Le più Fredde
Località T°C
Cuneo 12°
Biella 13°
Varese 14°
Novara 14°
Vercelli 14°
Asti 15°
Torino 15°
Como 15°
Belluno 15°
Bergamo 15°
Domani Sabato 24 Ottobre
Le più Calde
Località T°C
Agrigento 27°
Foggia 26°
Siracusa 25°
Matera 24°
Bari 24°
Ragusa 23°
Crotone 23°
Lecce 23°
Palermo 23°
Catania 23°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 17°
Arezzo 17°
Livorno 17°
L'aquila 18°
Perugia 18°
La Spezia 18°
Siena 18°
Belluno 18°
Biella 18°
Potenza 18°