Mar Mediterraneo: sviluppo e traiettoria del Medicane

Come da previsione, il profondo vortice ciclonico presente sul Mar Ionio ha continuato ad approfondirsi nelle ultime ore. Il ciclone ha assunto, in modo ancora più definito, tutte le caratteristiche di un “uragano mediterraneo”. La struttura è caratterizzata da un nucleo caldo e mostra chiaramente il suo “occhio” attorno al quale si sviluppano imponenti nubi torreggianti.

Medicane “Udine”. Fonte: Zoom Earth

La struttura è sorprendentemente simmetrica anche se sono presenti meno nubi sul lato meridionale del ciclone a causa dei forti venti in quota in questa area. E’ sorprendente poter osservare tempeste di questa portata sul Mediterraneo, un bacino limitato e semi-chiuso, circondato dalla terraferma. Nonostante l’interazione del ciclone con l’orografia della Grecia, il sistema continua ad intensificarsi alimentato dal calore proveniente dalle calde acque superficiali.

La pressione interna del sistema è pari a 994 hPa e la fase di massima intensificazione è attesa proprio per le prossime ore, quando la pressione potrebbe sfiorare i 980 hPa! Si registrano già venti superiori ai 100 km/h con raffiche superiori ai 150 km/h. Manca l’ufficialità, ma l’intensità dei venti della tempesta porterà con molta probabilità a classificare il sistema depressionario come un uragano di categoria 1 nella scala Saffir-Simpson.

Piogge previste per le prime 12 ore di giovedì 17 settembre. modello MOLOCH ISAC-CNR

L’Italia è stata interessata solo marginalmente dal ciclone che ha però provocato forti disagi sulla Calabria Ionica: nel corso delle prime ore della mattinata sono stati registrati150 mm di pioggia sul basso crotonese! I modelli ad alta risoluzione avevano previsto fenomeni intensi in questa are per la giornata odierna (vedi la simulazione del modello MOLOCH). Le piogge hanno poi interessato anche la Campania, la Puglia e la Basilicata. I fenomeni si stanno attenuando gradualmente man mano che il ciclone muove verso est.

Traiettoria del medicane Udine/Ianos. Fonte: Severe Weather Europe

Infatti, dopo aver sfiorato l’estremo sud della Penisola, il medicane si muove lentamente verso la Grecia dove purtroppo produrrà gli effetti più devastanti. Allerta massima per le coste occidentali, in particolare per le isole di Corfù e Zante, le più esposte alla tempesta. Qui, i venti potrebbero sfiorare i 200 km/h e le piogge potrebbero raggiungere i 300 mm cumulati in poche ore! La mareggiata prodotta da questi venti estremi investirà le coste greche con onde alte più di 6 metri.

Rimanete aggiornati su www.meteoindiretta.it!

Articolo di Stefano Della Fera del 17 Settembre 2020 alle ore 18:51

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Venerdi 23 Ottobre
Le più Calde
Località T°C
Sassari 26°
Nuoro 26°
Foggia 25°
Oristano 25°
Palermo 25°
Matera 24°
Trapani 23°
Siracusa 23°
Cagliari 23°
Catanzaro 22°
Le più Fredde
Località T°C
Cuneo 12°
Biella 13°
Varese 14°
Novara 14°
Vercelli 14°
Asti 15°
Torino 15°
Como 15°
Belluno 15°
Bergamo 15°
Domani Sabato 24 Ottobre
Le più Calde
Località T°C
Agrigento 27°
Foggia 26°
Siracusa 25°
Matera 24°
Bari 24°
Ragusa 23°
Crotone 23°
Lecce 23°
Palermo 23°
Catania 23°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 17°
Arezzo 17°
Livorno 17°
L'aquila 18°
Perugia 18°
La Spezia 18°
Siena 18°
Belluno 18°
Biella 18°
Potenza 18°