Lockdown: crollo delle emissioni mai visto dalla seconda guerra mondiale

Tempo di lettura: 2 minuti.

Il livello di Co2 globale è diminuito del 17%, con il contributo maggiore proveniente dai veicoli e dalle industrie.

L’effetto del lockdown sulle emissioni atmosferiche si conferma significativo ed eccezionale, secondo l’ultimo studio pubblicato su Nature Climate Change, guidato da una collaborazione tra l’Università dell’East Anglia, la Stanford University e il Center for International Climate research di Oslo. Il team ha analizzato i 69 Paesi che responsabili del 97% delle emissioni globali di Co2, evidenziando una variazione totale stimata pari a 1048 milioni di tonnellate di anidride carbonica, con le riduzioni più sostanziali in Cina (242 MTCO2), Stati Uniti (207 MTCO2), Europa (123 MTCO2) e India (98 MTCO2). Secondo i risultati, da gennaio ad aprile 2020 le emissioni globali di carbonio sono quindi diminuite del 17%, raggiungendo valori simili registrati nel 2006.

Diverse ricerche precedenti avevano evidenziato grandi riduzioni in Europa e nel mondo, con i divari più significativi nelle grandi città industriali. I dati recenti sono frutto di un nuovo metodo, con il quale è stata stimata la variazione delle emissioni di Co2 giorno per giorno e in ogni singolo Paese, esaminando i cali nei vari settori impattanti. I trasporti su strada hanno costituito il 43% della riduzione, l’energia elettrica e le industrie il 43% insieme, il traffico aereo il 10%. In Italia, la riduzione totale di Co2 ha raggiunto il 27,7%.

In base alla tendenza generata indirettamente dall’emergenza covid-19, il calo delle emissioni osservato quest’anno rappresenterebbe il taglio annuale di gas serra più grande dalla seconda guerra mondiale. Ma questo non sarebbe sufficiente, secondo gli autori, a determinare un miglioramento rispetto al cambiamento climatico. Si tratta di una riduzione quasi irrilevante rispetto all’accumulo di emissioni visto finora, considerando che un rientro a pieno regime delle attività economiche potrebbe verosimilmente generare una spinta delle emissioni per accelerare i tempi di ripresa.

Secondo il rapporto dell’Unep, le emissioni di gas serra dovrebbero diminuire almeno del 2,7% entro il 2030 per mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2 °C e del 7,6% per restare sotto i 1,5 °C. Tra gli scenari previsti dal team per la fine di quest’anno c’è l’ipotesi di una riduzione del 4-7% delle emissioni globali, cosa che sarebbe possibile soltanto con un’azione coordinata tra i governi e un cambiamento radicale dei sistemi economici. “Pur essendo una tragedia umanitaria, il Covid-19 ci ha costretti a guardare il problema del clima con occhi diversi”, ha affermato il co-autore Glen Peters, direttore di ricerca presso il Cicero. “Le politiche di confinamento per il coronavirus non hanno lo scopo di risolvere la crisi climatica, ma i dati in tempo reale che raccogliamo possono aiutarci a progettare politiche climatiche più efficaci in futuro”.

Articolo di Erika del 20 Maggio 2020 alle ore 12:16

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Sabato 26 Settembre
Le più Calde
Località T°C
Aosta
Siracusa 25°
Catania 23°
Lecce 23°
Bari 23°
Taranto 23°
Crotone 22°
Brindisi 22°
Foggia 22°
Trapani 21°
Le più Fredde
Località T°C
Sondrio 11°
L'aquila 14°
Potenza 14°
Bolzano 14°
Belluno 14°
Lecco 14°
Cuneo 15°
Varese 15°
Bergamo 15°
Biella 15°
Domani Domenica 27 Settembre
Le più Calde
Località T°C
Siracusa 25°
Catania 25°
Lecce 25°
Bari 25°
Brindisi 25°
Palermo 24°
Taranto 24°
Foggia 24°
Crotone 24°
Trapani 24°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 11°
Sondrio 12°
L'aquila 12°
Viterbo 14°
Belluno 14°
Rieti 14°
Perugia 14°
Biella 14°
Varese 15°
Siena 15°