Buco dell’ozono, primi effetti positivi sulle circolazioni atmosferiche

Tempo di lettura: 3 minuti

Secondo un nuovo studio, la corrente a getto meridionale ha smesso di spostarsi verso sud e potrebbe tornare verso la normalità.

Dopo decenni di interruzione a causa dell’attività umana, sembra che il normale flusso della corrente a getto meridionale stia tornando alla sua normalità, per effetto del ripristino dello strato di ozono. Secondo uno studio pubblicato su Nature, la cooperazione internazionale sulla regolamentazione delle sostanze chimiche prevista dall’accordo di Montréal sta lentamente contribuendo ad un’inversione di rotta, dimostrando che riparare, almeno in parte, al danno sui sistemi climatici compromessi è possibile, con un’azione coordinata e determinata da parte dei governi.

La corrente a getto meridionale è un potente flusso d’aria situato nell’atmosfera terrestre che muove le correnti oceaniche, soprattutto in estate. Intorno al 2000 la corrente ha iniziato a scostarsi dal suo normale flusso e dirigersi verso sud, in Antartico, a ritmo di un grado di latitudine circa ogni decennio, con conseguenze sulle precipitazioni in Sud America, Africa orientale e Australia. La causa dello spostamento si deve principalmente, secondo gli studi, all’esaurimento dello strato di ozono per opera di composti chimici di origine industriale come clorofluorocarburi e idroclorofluorocarburi, immessi in grandi quantità nell’atmosfera. Prima di essere gradualmente eliminate del protocollo di Montreal delle Nazioni Unite del 1987, queste sostanze hanno causato il cosiddetto “buco” dell’ozono, la cui collocazione al polo sud ha modificato i modelli dei venti.

Lo scorso settembre, le immagini satellitari hanno rivelato che il buco dell’ozono si è effettivamente ridotto, raggiungendo i 16,4 milioni di chilometri quadrati di estensione, la più piccola registrata dal 1982. “Questa è una prova in più del fatto che il protocollo di Montréal ha portato al recupero dello strato di ozono”, ha affermato la principale autrice dello studio, Antara Banerjee, della National Oceanic and Atmospher Administration. L’inversione di questa tendenza porterebbe a variazioni nelle piogge, con effetti benefici sulle regioni colpite da prolungate siccità negli ultimi anni, come in Australia, dove la corrente a getto a ha allontanato le precipitazioni durante l’inverno.

Gli esperti precisano, però, che il ripristino dell’ozono non è sufficiente a riportare i modelli meteorologici dell’emisfero sud in equilibrio, perché altre emissioni industriali – come l’anidride carbonica e il metano – continuano a esercitare una forza dirompente nella direzione opposta. Mentre l’ozono inizia a richiudersi, infatti, le emissioni di Co2 continuano ad aumentare, con la probabilità di innescare una nuova inversione di rotta futura. “Nel prossimo futuro, il fattore di ozono potrebbe predominare e la corrente a getto tornerebbe così all’equatore. Ma una volta completato il recupero, la CO2 potrebbe spingerla di nuovo verso sud”, ha spiegato Banerjee.

Secondo Alexey Karpechko, un revisore del documento che lavora per l’Istituto meteorologico finlandese, lo studio illustra come l’esaurimento dell’ozono sia stato il principale motore della circolazione atmosferica. “È un messaggio forte per noi emettitori di gas serra. Questo dimostra che possiamo manipolare il clima in entrambi i modi: in modo sbagliato e invertendo il danno che abbiamo fatto”. Nonostante i dati promettenti, però, molti aspetti restano da chiarire, come la possibilità di influire sulla perdita del ghiaccio marino antartico. Stando a ricerche precedenti, il buco dell’ozono sarebbe simile ad un camino, che aspira parte del calore dall’atmosfera, rallentando potenzialmente rallentando il riscaldamento del polo sud. Ma Banerjee ha sottolineato che tale teoria sarebbe controversa e pertanto sono necessari ulteriori studi.

Articolo di Erika del 26 Marzo 2020 alle ore 09:03

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Mercoledi 01 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Vicenza 10°
Lecce 10°
Bari 10°
Salerno 10°
La Spezia 10°
Vibo Valentia 10°
Imperia 10°
Udine 10°
Verona 10°
Bologna 10°
Le più Fredde
Località T°C
L'aquila
Parma 10°
Modena 10°
Rovigo 10°
Lodi 10°
Firenze 10°
Gorizia 10°
Brindisi 10°
Prato 10°
Padova 10°
Domani Giovedi 02 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Teramo 10°
Pescara 10°
Macerata 10°
Fermo 10°
Isernia 10°
Sondrio
Chieti
Ancona
Belluno
Enna
Le più Fredde
Località T°C
Rimini 10°
Nuoro 10°
Genova 10°
Vibo Valentia 10°
Savona 10°
Perugia 11°
Ascoli Piceno 11°
Biella 11°
Rieti 11°
Livorno 11°