Cresce il riscaldamento globale. E anche l’erba attorno al Monte Everest

L’impatto dell’aumento di vegetazione non è ancora noto, ma gli scienziati sostengono che potrebbe favorire la fusione dei ghiacciai e le inondazioni nella regione dell’Himalaya.

Erbe e arbusti stanno spuntando attorno al Monte Everest e alla catena dell’Himalaya, una delle regioni nel mondo che risentono maggiormente del riscaldamento globale. L’estensione della vegetazione subnivale, che cresce nella zona intermedia tra piano alpino e quello nivale, è stata misurata dai ricercatori tramite dati satellitari. Le conseguenze dell’aumento di vegetazione in queste aree sull’approvvigionamento idrico non sono ancora certe, ma si pensa che potrebbero favorire le inondazioni nella regione Hindu Kush che, con i suoi 4,2 km quadrati di estensione, alimenta i più grandi sistemi fluviali dell’Asia e fornisce acqua a 1,4 miliardi di persone.

La crescita della vegetazione nell’ecosistema subnivale potrebbe svolgere un ruolo cruciale nell’idrologia della regione, coprendo fino a 15 volte l’area dei ghiacciai permanenti. L’analisi delle immagini fornite dai satelliti Landsat della Nasa dal 1993 al 2018 suggeriscono che la copertura verde si sta espandendo significativamente su quattro fasce di altezza dai 4.150 ai 6.000 metri sopra il livello del mare. Tale diffusione non sarebbe una buona notizia per l’Himalaya, spiega Karen Anderson, dell’Istituto per l’ambiente e la sostenibilità del Penryn Campus di Exeter in Cornovaglia, poiché il piano subnivale è il luogo in cui si posa la neve stagionale, pertanto l’incombenza di vegetazione aumenterebbe la fusione, aumentando il rischio di inondazioni.

“Gli ecosistemi subnivali coprono un’area molto più ampia della neve e del ghiaccio permanenti, ma sappiamo molto poco su di loro e su come moderano l’approvvigionamento idrico”, afferma Anderson. Molte ricerche sull’aumento della vegetazione nell’Artico hanno dimostrato che il fenomeno genera un effetto riscaldante sul paesaggio circostante, poiché le piante assorbono più luce e di conseguenza riscaldano il suolo. Ma gli effetti sull’Himalaya sono da accertare: “dobbiamo indirizzare l’attenzione della ricerca sull’area, perché è una parte importante della storia dell’approvvigionamento idrico in Himalaya”.

Articolo di Erika del 10 Gennaio 2020 alle ore 19:20

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Sabato 04 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Agrigento 33°
Ragusa 31°
Grosseto 31°
Lecce 31°
Matera 31°
Foggia 31°
Taranto 31°
Caserta 31°
Enna 30°
Benevento 30°
Le più Fredde
Località T°C
L'aquila 23°
Belluno 24°
Biella 24°
Cuneo 24°
Potenza 24°
Teramo 25°
Fermo 25°
Campobasso 25°
Macerata 25°
Ascoli Piceno 25°
Domani Domenica 05 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Roma 34°
Grosseto 33°
Agrigento 32°
Mantova 32°
Parma 32°
Cremona 31°
Foggia 31°
Caserta 31°
Latina 31°
Ferrara 31°
Le più Fredde
Località T°C
L'aquila 23°
Potenza 23°
Vibo Valentia 24°
Campobasso 25°
Savona 25°
Chieti 25°
Messina 25°
Belluno 25°
Genova 25°
Enna 25°