Clima: le previsioni sul riscaldamento globale non si sbagliavano

Uno studio conferma l’affidabilità dei modelli climatici proiettati negli ultimi 50 anni.

Già nel 1970 gli scienziati del clima avevano un quadro chiaro e una solida conoscenza del sistema climatico terrestre per riuscire a prevedere ciò che sta accadendo al pianeta oggi. Secondo uno nuovo studio, pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters, finora i modelli climatici hanno anticipato con precisione i cambiamenti dovuti al riscaldamento globale degli ultimi 50 anni, il che ci da modo di pensare che anche le previsione future possano essere piuttosto affidabili.

Analizzando 17 modelli dal 1970 ad oggi, i ricercatori hanno scoperto che anche i più vecchi hanno previsto in maniera impeccabile ciò che sarebbe successo a livello climatico sulla Terra. Va precisato che le variazioni di temperatura previste erano coerenti con il tasso di riscaldamento globale osservato in 10 dei 17 modelli, ma ciò non annulla l’affidabilità delle previsioni, in quanto tali incoerenze, secondo i ricercatori, si devono alla variazione del “forzante radiativo” in alcuni modelli rispetto a quanto accaduto nella realtà. La valutazione di questo fattore, che consiste nello squilibrio energetico globale causato dall’aumento dell’effetto serra e da altri componenti, rivela il grado di accuratezza dei modelli climatici. Come risultato, “il tasso di riscaldamento che stiamo vivendo oggi è praticamente quello che i modelli climatici del passato hanno previsto“, ha affermato Zeke Hausfather, autore dello studio.

Secondo le proiezioni dei modelli climatici moderni, se i paesi si manterranno sui trend attuali di emissioni, il mondo ha ottime opportunità di raggiungere i 3°C di riscaldamento entro il 2100, una condizione che secondo l’IPCC e la comunità scientifica si rivelerebbe catastrofica. Sulla base di numerosi studi a sostegno di un’azione politica necessaria e immediata, si ritiene che al prossimo vertice delle Nazioni Unite sul clima, che si terrà a Glasgow nel 2020, le nazioni potrebbero – e dovrebbero – rivedere gli impegni presi con l’Accordo di Parigi del 2015, potenziando le riduzioni delle emissioni previste, al fine di ridurre il rischio di raggiungere il punto di non ritorno.

Articolo di Erika del 07 Dicembre 2019 alle ore 18:09

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Martedi 29 Settembre
Le più Calde
Località T°C
Siracusa 28°
Catania 27°
Palermo 24°
Cagliari 24°
Agrigento 23°
Latina 23°
Taranto 23°
Foggia 23°
Asti 23°
Roma 23°
Le più Fredde
Località T°C
Belluno 15°
L'aquila 17°
Gorizia 18°
Savona 18°
Trieste 18°
Udine 18°
Rieti 18°
Sondrio 18°
Biella 19°
Potenza 19°
Domani Mercoledi 30 Settembre
Le più Calde
Località T°C
Oristano 25°
Ragusa 25°
Siracusa 25°
Palermo 25°
Agrigento 24°
Foggia 24°
Taranto 24°
Ferrara 24°
Catania 24°
Bologna 24°
Le più Fredde
Località T°C
Belluno 17°
Biella 18°
Savona 18°
L'aquila 19°
Gorizia 19°
Varese 19°
Udine 19°
Sondrio 19°
Trieste 19°
Potenza 19°