Indonesia: la catena alimentare avvelenata dai rifiuti di plastica occidentali

Livelli estremi di tossine sono stati rilevati nelle aree situate attorno agli scarichi dei rifiuti e negli alimenti destinati al consumo umano.



Un’allarmante concentrazione di diossina e prodotti chimici è stata riscontrata in campioni di uova di gallina esaminati nelle aree situate attorno agli scarichi di rifiuti di plastica in Indonesia. Il livello di tossicità è paragonabile a quello di una delle zone più contaminate della Terra, l’hotspot Agent Orange di Bien Hoa, in Vietnam, e costituisce una seria minaccia per la popolazione indonesiana.

Le sostanze incriminate sono bifenili tossici e policlorurati riconosciuti da tempo come estremamente dannosi per la salute umana. I livelli di tali sostanze trovati nelle uova sarebbero ben 70 volte superiori rispetto alla soglia stabilita dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare. Le uova esaminate provengono dalle comunità di Bangun e Tropodo, dove vengono sversate tonnellate di rifiuti di provenienza occidentale, il più delle volte bruciati in prossimità delle case e dei campi circostanti. A Tropodo i rifiuti vengono utilizzati per alimentare le fabbriche locali di tofu.

Il volume delle importazioni dei rifiuti in Indonesia è raddoppiato dal 2017, peggiorando ulteriormente con la decisione della Cina di interrompere l’importazione da Stati Uniti ed Europa nel 2018. Come risultato, evidenzia il rapporto, la catena alimentare indonesiana è fortemente contaminata da veleni da plastica e PFOS, legati a numerose patologie quali malattie cardiovascolari, cancro, diabete, endometriosi, malattie del sistema immunitario e disfunzioni riproduttive.

“I rifiuti di plastica rappresentano un grave problema di inquinamento chimico tossico”, ha affermato Yuyun Ismawati, cofondatore di Nexus3, una delle ONG indonesiane coinvolte. Dobbiamo affrontare uno “tsunami di rifiuti di plastica”, afferma  Ismawati, “il nord globale deve smettere di trattare il sud come il suo bidone della spazzatura”.

Dallo studio risulta chiaro quanto siano alti i rischi legati a un tale inquinamento da materie plastiche e alla loro combustione. Jindrich Petrarch, coautore dello studio, afferma che “ridurre la produzione di materie plastiche e la loro tossicità è davvero l’unica opzione per un futuro privo di sostanze tossiche”.

Articolo di Erika del 15 Novembre 2019 alle ore 18:13

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Lunedi 16 Dicembre
Le più Calde
Località T°C
Aosta 10°
Venezia 10°
Bolzano 10°
Rovigo 10°
Mantova 10°
Lecco
Lodi
Sondrio
Piacenza
Bergamo
Le più Fredde
Località T°C
Treviso 10°
Vicenza 10°
Parma 11°
Brescia 11°
Udine 11°
Pordenone 11°
Gorizia 11°
Ferrara 11°
Trento 11°
Verona 12°
Domani Martedi 17 Dicembre
Le più Calde
Località T°C
Varese 10°
Vercelli 10°
Belluno 10°
Aosta
Biella
Asti
Torino
Alessandria
Cuneo
Sassari 20°
Le più Fredde
Località T°C
Novara 10°
Sondrio 10°
Bolzano 11°
Bergamo 11°
Vicenza 11°
Como 11°
Milano 11°
Enna 12°
Pavia 12°
Lecco 12°