Emergenza in Africa orientale, 300.000 sfollati a causa delle alluvioni

Gravissima la situazione in Somalia, con centinaia di persone ancora intrappolate nelle loro case.

Dopo una lunga siccità, alluvioni e inondazioni hanno messo in ginocchio parte dell’Africa orientale, colpendo soprattutto la Somalia e il Somaliland, dove circa 300.000 persone sono state evacuate. Le piogge torrenziali hanno interessato anche il Sud Sudan, l’Etiopia, il Kenya e l’Uganda. Si tratta di un’emergenza umanitaria e sanitaria, con un impatto devastante per la popolazione, costretta a rifugiarsi dove possibile. L’United Nations high commissioner for refugees (Unhcr) fa sapere che la situazione è critica nei villaggi completamente sommersi, dove centinaia di persone sono ancora intrappolate nelle loro case.

Per far fronte alla tragedia delle inondazioni – tra le peggiori che la Somalia abbia visto – l’Unhcr ha stanziato un fondo di 2,58 milioni di dollari per un aiuto immediato, organizzando una serie di voli carichi di generi di primo soccorso. Altri aiuti umanitari dovrebbero arrivare da paesi vicini, sebbene la sicurezza delle piste di atterraggio è in gran parte compromessa da acqua e fango. Uno scenario disarmante, se si pensa che soltanto a luglio le organizzazioni umanitarie si erano adoperate per aiutare le popolazioni delle stesse regioni colpite dalla siccità estrema.

A creare forte preoccupazione è il rischio igienico-sanitario, poiché gran parte dei distretti colpiti – fa sapere l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) – rischia la diffusione del colera. “In queste zone dove la malaria e la dissenteria sono in recrudescenza, la situazione è critica per molti”, afferma il portavoce dell’Oms Tarik Jasarevic. Nel frattempo più di 2.200 persone sono già state prese in cura per diverse malattie e sono stati dispiegati circa 30 team di intervento di emergenza.

I pericoli legati al sovraffollamento nei rifugi temporanei e alle relative condizioni igieniche vanno poi a sommarsi ai conflitti interni di questi paesi, che ospitano centinaia di migliaia di profughi. L’Oms ha quindi incrementato la sorveglianza nelle zone più a rischio per tenere sotto controllo eventuali situazioni critiche.

Secondo l’Unhcr, le siccità estreme e persistenti alternate alle alluvioni che hanno colpito l’Africa orientale negli ultimi anni sono fenomeni da aspettarsi con frequenza. Probabilmente, le precipitazioni così abbondanti proseguiranno anche a novembre e dicembre, con il rischio di inondazioni ancora più gravi.

Articolo di Erika del 07 Novembre 2019 alle ore 08:06

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Venerdi 22 Novembre
Le più Calde
Località T°C
Trento 10°
Bergamo 10°
Lecco 10°
Como 10°
Asti 10°
Vercelli
Novara
Sondrio
Belluno
Torino
Le più Fredde
Località T°C
Alessandria 10°
Milano 11°
Brescia 11°
Pavia 11°
L'aquila 11°
Lodi 12°
Potenza 12°
Verona 12°
Vicenza 12°
Piacenza 12°
Domani Sabato 23 Novembre
Le più Calde
Località T°C
Belluno 10°
Aosta 10°
Biella
Cuneo
Foggia 21°
Palermo 21°
Bari 20°
Pescara 20°
Trapani 19°
Rimini 19°
Le più Fredde
Località T°C
Sondrio 10°
Bolzano 10°
Varese 12°
Torino 12°
Trento 13°
Como 13°
L'aquila 13°
Lecco 13°
Novara 13°
Bergamo 13°