I polmoni della Terra stanno bruciando, il disastro in Amazzonia si vede dallo spazio

I roghi che stanno devastando la foresta pluviale più grande del mondo procedono a ritmi record. Ma il presidente Bolsonaro scherza: “sono come Nerone”.

La devastazione della foresta amazzonica che sta avvenendo in queste settimane è senza precedenti. Migliaia di roghi infuriano attraverso la foresta pluviale più grande del mondo, radendo al suolo la vegetazione e distruggendo l’habitat naturale. Dal 15 agosto oltre 9.500 nuovi incendi sono divampati in tutto il Brasile, concentrandosi nel bacino amazzonico. Quest’anno ne sono stati registrati oltre 74.000 in tutto il Paese, raddoppiando i numeri dell’anno precedente, con un aumento dell’83% – riporta il National Institute for Space Research del Brasile.

Sui social dilagano le immagini del cielo nero che ricopriva San Paolo lunedì tra le 15:00 e le 16:00, ritraendo uno scenario apocalittico. Essendo la città collocata  a 3.200 chilometri dall’Amazzonia, è facile intuire quanto grave sia la portata del disastro. Le fiamme hanno infatti creato uno strato di fumo stimato in 1,2 milioni di miglia quadrate, diffondendosi in gran parte dello stato. Le immagini satellitari ritraggono in modo chiaro questo tragico spettacolo, che i dati identificano come la deforestazione più imponente registrata in un solo mese in Amazzonia.

La foresta pluviale amazzonica svolge un ruolo cruciale nel controllo dei livelli di biossido di carbonio del nostro pianeta: con i suoi 5.500.000 chilometri quadrati di estensione e la produzione del 20% dell’ossigeno globale è quello che viene definito “il polmone della Terra”. La deforestazione e l’attività industriale e agricola sono direttamente collegate agli incendi, che nella stagione secca possono sfuggire al controllo e causare danni irreparabili.

Con il governo del presidente brasiliano Jair Bolsonaro – il quale ha indicato che proteggere la foresta pluviale non è tra le sue priorità e che ha espresso la volontà di incrementare progetti di sviluppo quali strade e dighe nell’area – sono inoltre aumentate le attività nocive registrate, poiché il monitoraggio e le sanzioni per l’estrazione illegale di legname sono state notevolmente ridotte. In termini ambientali si può dire che l’amministrazione di Bolsonaro abbia dettato una serie di gravi fallimenti, aprendo un drammatico capitolo per la foresta più preziosa al mondo. Ma in merito agli incendi in corso il presidente, dichiaratamente climanegazionista e fortemente criticato dalla comunità scientifica e ambientalista, risponde alle accuse scherzando: “ora sono come Nerone”.

Secondo il Climate Central, quest’anno è in procinto di essere il terzo più caldo mai registrato a livello globale. I cambiamenti climatici aumentano le probabilità e la frequenza degli incendi boschivi in tutto il mondo, creando le condizioni ideali per consentire alle fiamme di propagarsi incontrollatamente. Ed è ciò che sta accadendo in Brasile come in altre parti del mondo, come il Canada, l’Alaska e la Siberia, dove milioni di acri di terreno stanno bruciando.

Articolo di Erika del 22 Agosto 2019 alle ore 17:33

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Martedi 29 Settembre
Le più Calde
Località T°C
Siracusa 28°
Catania 27°
Palermo 24°
Cagliari 24°
Agrigento 23°
Latina 23°
Taranto 23°
Foggia 23°
Asti 23°
Roma 23°
Le più Fredde
Località T°C
Belluno 15°
L'aquila 17°
Gorizia 18°
Savona 18°
Trieste 18°
Udine 18°
Rieti 18°
Sondrio 18°
Biella 19°
Potenza 19°
Domani Mercoledi 30 Settembre
Le più Calde
Località T°C
Oristano 25°
Ragusa 25°
Siracusa 25°
Palermo 25°
Agrigento 24°
Foggia 24°
Taranto 24°
Ferrara 24°
Catania 24°
Bologna 24°
Le più Fredde
Località T°C
Belluno 17°
Biella 18°
Savona 18°
L'aquila 19°
Gorizia 19°
Varese 19°
Udine 19°
Sondrio 19°
Trieste 19°
Potenza 19°