Strato limite planetario: la trappola degli inquinanti

La vita dell’uomo e la maggior parte delle attività ad essa connesse si svolgono nello strato di atmosfera direttamente a contatto con il suolo. Questa porzione di atmosfera prende il nome di strato limite planetario ed è caratterizzata da una dinamica molto particolare.

Innanzitutto, lo strato limite planetario può avere un’estensione molto variabile: dai 3000 metri fino ai soli 100 metri. Infatti, durante il giorno l’aria a contatto con il suolo si riscalda e risale verso l’alto a causa di processi di natura convettiva, determinando la crescita dello strato limite planetario. Durante la notte, invece, il raffreddamento inibisce i moti ascendenti determinando la riduzione dello spessore dello strato.


Smog a Milano, gennaio 2019 (Marco Bonfanti/iStock)

In particolare, durante il giorno l’aria risale fino a quando non incontra aria ancora più calda negli strati superiori, ovvero quando è presenteun’inversione termica. L’inversione termica si comporta di fatto come un tappo che costringe l’aria a rimanere in basso.

Questo è uno dei motivi per cui molto spesso gli inquinanti prodotti da attività antropiche tendono a rimanere intrappolati a lungo negli strati più bassi dell’atmosfera. In particolare, quando persistono configurazioni di alta pressione e quindi di stabilità, l’aumento della concentrazione degli inquinanti può rappresentare con il passare dei giorni un pericolo per la salute umana. Infatti, l’alta pressione è sinonimo di subsidenza, ovvero di correnti di aria che dall’alto spingono verso il basso, mantenendo lo strato limite planetario (con gli inquinanti in esso presenti) molto compatto.

Pollutants in the Atmospheric Boundary Layer

Di sera la situazione non migliora, anzi tende a peggiorare, in quanto la mancanza di energia solare interrompe i moti verticali convettivi e lo strato limite planetario si riduce repentinamente, concentrando in modo ancora più drastico le sostanze presenti negli strati più bassi dell’atmosfera.

La concentrazione degli inquinanti tende a diminuire soltanto nei casi di forte vento o di forte rimescolamento convettivo. In questi casi l’estensione dello strato limite planetario provoca la diluizione delle sostanze sospese in atmosfera. Infine, le precipitazioni rappresentano un ottimo meccanismo di rimozione degli inquinanti.

Articolo di Stefano Della Fera del 09 Luglio 2019 alle ore 08:43

Altri articoli di approfondimento

Rimonta l’anticiclone nord-africano nel weekend: più sole, temperature su, ma anche temporali!

Inizio settimana con vortice maltempo e più fresco: a quando il ritorno di caldo e bel tempo?

Distrutta la colonia di leoni marini Steller dopo l’eruzione del vulcano Raikoke

5 modi per salvare la natura con l’editing genetico

Clima: come saranno le temperature delle città nel 2050?

Passaggio del vortice di maltempo porta anche calo termico: dove e quanto?

Scoperto il gene che permette alle piante di assorbire più CO2

Vortice depressionario lunedì e martedì sull’Italia: piogge e rovesci diffusi con netto calo termico!

Nel 2100 potrebbero non nascere più maschi di tartarughe marine

Nepal, 43 vittime a causa delle forti inondazioni

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Sabato 20 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Ferrara 33°
Foggia 33°
Bologna 33°
Mantova 33°
Benevento 33°
Modena 32°
Terni 32°
Parma 32°
Matera 32°
Rovigo 32°
Le più Fredde
Località T°C
Savona 24°
Genova 25°
Vibo Valentia 25°
Cagliari 25°
Messina 25°
Livorno 25°
Belluno 25°
Ancona 26°
Biella 26°
Catania 26°
Domani Domenica 21 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Benevento 36°
Caserta 35°
Ferrara 35°
Bologna 35°
Frosinone 35°
Foggia 34°
Latina 34°
Mantova 34°
Modena 34°
Terni 34°
Le più Fredde
Località T°C
Savona 24°
Vibo Valentia 25°
Cagliari 25°
Genova 25°
Messina 26°
Livorno 26°
Ancona 26°
Trapani 26°
Brindisi 27°
Crotone 27°