Clima: il plancton marino sta entrando nell’Antropocene

Uno studio evidenzia i profondi cambiamenti negli ecosistemi marini dovuti alle attività antropiche e al riscaldamento globale.

Un team di ricercatori del MARUM ha confrontato lo stato attuale degli ecosistemi marini con quello antecedente all’impatto delle attività antropiche sulla Terra, rilevando enormi differenze tra l’epoca preindustriale e quella odierna. Lo studio, pubblicato su Nature, evidenzia come la composizione dei plancton foraminiferi abbia subito importanti modifiche da quando gli esseri umani hanno iniziato ad influenzare il clima. L’analisi è stata effettuata confrontando oltre 3.700 dati risalenti all’epoca preindustriale con campioni provenienti dai sedimenti accumulatisi tra il 1978 e il 2013. I risultati, secondo gli scienziati tedeschi, suggeriscono che il riscaldamento globale ha un ruolo primario nei profondi cambiamenti delle specie, portando i ricercatori ad affermare che “il plancton marino è ora entrato nell’epoca dell’Antropocene”.

Sono i foraminiferi fossili – gli involucri dei plancton che si depositano nei sedimenti dei fondali marini quando questi muoiono – a documentare lo stato degli oceani da prima che gli uomini iniziassero ad influenzare il clima. Dal confronto con i campioni odierni si evince che le comunità moderne nelle regioni in via di riscaldamento sono in condizioni del tutto simili alle regioni più calde del periodo preindustriale. Non è una novità, per i ricercatori, che queste comunità stiano cambiando, ma il dato più allarmante riguarda la migrazione e l’adattamento delle specie in nuove acque, perché la velocità del cambiamento climatico potrebbe non  consentire loro di adeguarsi in tempo.

L’aumento di un solo grado della temperatura globale ha già portato grandi cambiamenti nei foraminiferi planctonici e probabilmente anche in altri biomi marini. Il riscaldamento globale sta avendo e continuerà ad avere un impatto sempre più decisivo sugli ecosistemi e gli effetti potrebbero essere sempre più imprevedibili. La domanda ora è: cosa accadrà con il progredire del cambiamento climatico?

Articolo di Erika del 23 Maggio 2019 alle ore 19:14

Altri articoli di approfondimento

Anticiclone Africano in gran spolvero: weekend soleggiato e temperature in lieve calo, occhio ai temporali!

India svuotata dalla siccità, migliaia di persone costrette a fuggire

Cronaca meteo: il caldo picchia duro al centro-sud, superati localmente i +39° su Lazio e Campania!

Approvati 1.200 pesticidi in Brasile, molti vietati nell’UE da decenni

Una flotta di 47 navi da crociera inquina 10 volte di più di tutte le auto d’Europa messe insieme

Caldo in intensificazione al centro-sud: picchi fino a +40° venerdì e sabato, ecco dove!

Cronaca meteo dall’Europa: violentissime grandinate in Germania con ingenti danni!

Trovato cratere meteoritico al largo della Scozia, risale a 1,2 miliardi di anni fa

Caldo Africano protagonista ancora in settimana: i termometri in molte aree supereranno i 35°!

Settimana con Italia divisa: violenti temporali al nord, bolla calda al sud con picchi di 38°!

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Domenica 16 Giugno
Le più Calde
Località T°C
Agrigento 35°
Foggia 34°
Ragusa 34°
Matera 33°
Benevento 32°
Enna 32°
Caserta 32°
Latina 32°
Frosinone 32°
Treviso 31°
Le più Fredde
Località T°C
Livorno 20°
Savona 20°
Genova 20°
Cagliari 21°
La Spezia 22°
Pisa 23°
Ancona 23°
Trapani 24°
Imperia 24°
Oristano 24°
Domani Lunedi 17 Giugno
Le più Calde
Località T°C
Foggia 34°
Matera 34°
Ragusa 33°
Benevento 32°
Caserta 32°
Agrigento 32°
Grosseto 32°
Terni 31°
Enna 31°
Pordenone 31°
Le più Fredde
Località T°C
Ancona 22°
Livorno 24°
Cagliari 24°
Aosta 25°
Vibo Valentia 25°
Rimini 25°
Pescara 25°
Cuneo 25°
Trapani 26°
Fermo 26°