Tonnellate di rifiuti sulle Isole Cocos, “l’ultimo paradiso incontaminato dell’Australia”

Lo studio ha rilevato spazzatura di ogni genere, tra cui 414 milioni di frammenti di plastica. E la maggior parte sepolta nella sabbia.

È chiaro ormai che la spazzatura che produciamo viaggia per migliaia di chilometri, attraversando i mari di tutto il pianeta e raggiungendo i posti più incontaminati. Ne è un esempio il ritrovamento scioccante di tonnellate di spazzatura sulle Isole Cocos – note anche come Isole Keeling , uno dei luoghi più remoti del Pianeta, in mezzo all’Oceano Indiano. L’indagine su questo gruppo di isole paradisiache ha rilevato la presenza dei detriti più impensabili, tra cui 977.000 scarpe, 373.000 spazzolini da denti e 414 milioni di frammenti di plastica. Soltanto la plastica rinvenuta aveva un peso di 238 tonnellate e comprendeva perlopiù bottiglie, buste, posate e cannucce. Una quantità impressionante di rifiuti portati dalla corrente sulle minuscole isole, che dimostra ancora una volta la gravità dell’inquinamento marino e dell’invasione della plastica.

Sulle Isole è stato effettuato uno studio pubblicato su Nature, che sottolinea che il fenomeno è riconducibile in gran parte all’aumento esponenziale della plastica globale negli oceani del mondo. Secondo l’autrice principale Jennifer Lavers, dell’Istituto di studi marini e antartici dell’Università della Tasmania, le isole remote abitate da piccole popolazioni sono l’indicatore più efficace della quantità di detriti di plastica che galleggiano negli oceani. Inoltre i dati più significativi si ottengono dal sottosuolo: la quantità di detriti sepolti fino a 10 cm sotto la sabbia delle Cocos era 26 volte maggiore di quella in superficie.

Il turismo è la fonte primaria di reddito per la comunità locale delle Isole Cocos, conosciute per essere “l’ultimo paradiso incontaminato dell’Australia”. Ma l’impatto dei rifiuti su queste spiagge sta minacciando seriamente l’attività nel territorio, al pari di molte altre isole e aree costiere in tutto il mondo che si trovano a fronteggiare situazioni di inquinamento che sono ben oltre le loro capacità di gestione. Secondo i ricercatori, alla popolazione delle Cocos sarebbero necessari  4000 anni per produrre tali quantità di rifiuti.

“In assenza di cambiamenti rapidi e significativi, i detriti antropogenici si accumuleranno sulle spiagge, con un impatto sempre più sentito dalla biodiversità e la mitigazione della plastica marina rimarrà un gioco perpetuo di recupero”, afferma il rapporto. “Le iniziative di mitigazione, compresa la politica, dovrebbero essere consapevoli delle sfide affrontate dalle isole remote e dalle comunità che vi risiedono”.

Articolo di Erika del 19 Maggio 2019 alle ore 18:46

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Giovedi 02 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Foggia 37°
Matera 35°
Siracusa 35°
Benevento 34°
Palermo 34°
Ragusa 34°
Lecce 34°
Enna 34°
Ferrara 34°
Terni 34°
Le più Fredde
Località T°C
Savona 24°
Genova 25°
Ancona 25°
Livorno 25°
Cagliari 26°
Belluno 26°
La Spezia 26°
Aosta 27°
Imperia 27°
Vibo Valentia 27°
Domani Venerdi 03 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Agrigento 38°
Foggia 36°
Matera 34°
Ragusa 34°
Frosinone 34°
Lecce 33°
Benevento 33°
Latina 33°
Enna 33°
Roma 33°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 22°
Cuneo 24°
Biella 24°
Belluno 25°
Sondrio 25°
Ancona 25°
Varese 25°
Livorno 26°
Bolzano 26°
Messina 26°