I cicloni mediterranei saranno meno frequenti, ma più devastanti

I medicane saranno sempre più rari entro il 2100, ma di intensità simile a quella degli uragani. Secondo un recente studio potrebbero raggiungere la categoria 1, con un forte impatto sul territorio e le persone.

 

 

Entro la fine del XXI secolo i cicloni mediterranei di tipo tropicale noti come “medicane” saranno meno frequenti, ma colpiranno il Mediterraneo con maggiore potenza. Ad affermarlo è lo studio “Potential Increase in Hazard From Mediterranean Hurricane Activity With Global Warming”, pubblicato su Geophysical Research Letters da un team di ricercatori spagnoli e statunitensi. Secondo le previsioni, in base al cambiamento climatico le tempeste tenderanno ad avere una struttura più robusta e somigliare più ad uragani, raggiungendo la categoria di rischio 1. Avranno inoltre una durata maggiore con pioggia più abbondante e raffiche di vento più forti.

Attualmente i medicane si verificano poche volte l’anno e raramente raggiungono la forza di un uragano di categoria 1. L’evoluzione delle tempeste mediterranee è prevista per la fine del secolo, tra il 2081 e il 2100. L’aumento di intensità di questi fenomeni nel Mediterraneo era stato previsto da precedenti studi, ma la nuova ricerca è la prima ad avvalersi di un global coupled model, che combina i modelli di circolazione atmosferica e oceanica. Il modello ha consentito l’analisi dell’intensità delle precipitazioni, la tropicalità e la dissipazione di potenza delle tempeste future. I dati evidenziano un maggiore potenziale di distruzione e non escludono che le tempeste tropicali possano arrivare addirittura alla categoria 2. Ciò accadrebbe se i venti superassero i 154 chilometri orari (rispetto ad un massimo di 63 chilometri usuali), con un impatto ancora più significativo per il territorio. Essendo il Mar Mediterraneo sovra-popolato, i medicane, sebbene siano più piccoli degli uragani caraibici, avrebbero un impatto distruttivo sulla popolazione e la società.

Articolo di Erika del 16 Febbraio 2019 alle ore 16:58

Altri articoli di approfondimento

Fine settimana dal doppio volto: prima soleggiato poi peggiora e rinfresca!

Sotto la lente: 25 Aprile bagnato? Ecco dove!

Assaggio estivo al centro-sud tra mercoledì e venerdì: temperature massime oltre i +25°C!

Greenpeace: ecco dove finiscono i rifiuti di plastica italiani

Italia divisa tra maltempo e assaggio estivo: altra settimana pimpante di Aprile!

Il 22 aprile torna la Giornata Mondiale della Terra

Orso polare denutrito arriva in un villaggio lontano chilometri dal suo habitat

Attenzione venti di scirocco forti in arrivo a Pasquetta accompagnati da sabbia del deserto!

Lungo weekend pasquale inizia bene con sole e caldo, ma resisterà fino a Pasquetta?

Analisi meteo medio termine: weekend di Pasqua molto mite e soleggiato, peggiora a Pasquetta?

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Venerdi 26 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Foggia 28°
Bari 27°
Cosenza 26°
Lecce 26°
Ragusa 25°
Benevento 25°
Chieti 24°
Agrigento 24°
Ascoli Piceno 24°
Caserta 24°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 12°
Sondrio 14°
Savona 16°
Genova 16°
Varese 16°
Belluno 16°
Biella 16°
Lecco 17°
Livorno 17°
Como 17°
Domani Sabato 27 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Agrigento 23°
Ragusa 22°
Foggia 21°
Alessandria 21°
Lecce 21°
Firenze 21°
Catanzaro 21°
Vercelli 21°
Grosseto 21°
Catania 21°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 11°
Ancona 15°
L'aquila 15°
Potenza 15°
Enna 16°
Sondrio 16°
Vibo Valentia 16°
Sassari 16°
Campobasso 16°
Livorno 17°