Anche i polpi in allevamenti intensivi, grossi rischi per l’ambiente

L’allevamento di polpi comporterebbe seri danni all’ambiente e agli animali per un prodotto non necessario al benessere umano. Ne parla uno studio pubblicato su Issues in Science and Technology.

 

 

Anche i polpi sono nel mirino dell’allevamento intensivo, già responsabile di grossi danni per l’ambiente e il benessere animale. “The case against octopus farming” è lo studio pubblicato su Issues in Science and Technology che mette in luce i vari aspetti negativi di questa iniziativa che sta prendendo piede nel mondo. In Giappone sono già molto avanti nell’allevamento di polpi in cattività e sono prossimi ad immetterli sul mercato fin dalla schiusa delle uova, ma anche in diversi Paesi – tra cui Italia, Australia, Cina e Spagna – ci si sta avvicinando a quest’attività. Attualmente sono circa 550 le specie acquatiche allevate nel mondo a scopo alimentare e i polpi stanno per essere aggiunti alla lista. Ma il team di ricercatori delle università di New York, Sydney e Sussex mostrano una serie di motivi per cui allevare i polpi è una scelta che andrebbe solamente a gravare su una situazione già drammatica a livello ambientale.

Ad oggi l’acquacoltura non gode di buona fama in termini di inquinamento, anzi si colloca tra le attività industriali meno sostenibili. L’allevamento intensivo di polpi comporterebbe una serie di fattori non trascurabili, anzi ancora più rilevanti rispetto alla pescicoltura tradizionale. Oltre ad essere animali particolarmente intelligenti, infatti, questi cefalopodi sono conosciuti per essere molto territoriali, il che non renderebbe facile la loro permanenza in cattività. Si tratta inoltre di animali grandi, per cui la convivenza in spazi notevolmente ridotti, caratteristica di questi allevamenti, sarebbe impensabile per la specie. Allevare i polpi quindi vorrebbe dire impiegare spazi grandi e di conseguenza gravare maggiormente sull’ambiente, soprattutto considerando che il loro fabbisogno giornaliero è pari a tre volte il loro peso corporeo. Si aggiungono poi la grande produzione di rifiuti fecali che si diffonderanno nell’ambiente circostante e l’impiego di antibiotici che avrà un pessimo impatto sul fondale marino e quindi sugli esemplari allevati.

Ma l’impatto ambientale non è il solo deterrente evidenziato dai ricercatori per quest’attività. C’è una questione ampiamente sottovalutata, che è la complessità del comportamento dei polpi e le loro straordinarie capacità cognitive. La detenzione di questi animali secondo i metodi dell’acquacoltura tradizionale sarebbe del tutto inadeguata alle loro necessità, pertanto ingestibile rispetto ad altre specie acquatiche comunemente allevate.

In sintesi, l’allevamento di polpi sembrerebbe una scelta tutt’altro che convenzionale per l’acquacoltura, ma esistono molteplici incentivi finanziari in favore di questo commercio, soprattutto a causa della loro scarsità in natura dovuta alla pesca eccessiva. A tal proposito gli scienziati fanno notare che il polpo come prodotto alimentare non è una necessità per il benessere umano, bensì un cibo “di lusso”. Un mercato di questo genere sarebbe superfluo sotto molti aspetti e allo stesso tempo fonte di grandi problemi.

Articolo di Erika del 07 Febbraio 2019 alle ore 19:08

Altri articoli di approfondimento

Attenzione venti di scirocco forti in arrivo a Pasquetta accompagnati da sabbia del deserto!

Lungo weekend pasquale inizia bene con sole e caldo, ma resisterà fino a Pasquetta?

Analisi meteo medio termine: weekend di Pasqua molto mite e soleggiato, peggiora a Pasquetta?

Aggiornamento Pasqua e Pasquetta: dura lotta tra vortice maltempo e stabilità!

Primavera in gran spolvero, salgono le temperature in Europa ed in Italia

L’inquinamento marino da plastica costa 2.500 miliardi di dollari all’anno

Gelate tardive in Europa: vitigni a rischio

Tendenza meteo Pasqua e Pasquetta: Italia divisa tra bel tempo e vortice, cosa accadrà?

Inondazioni devastanti in Iran, 77 morti e oltre 200.000 sfollati

Ultime ore instabili con temporali: in settimana rimonta l’anticiclone!

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Sabato 20 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Firenze 23°
Lucca 23°
Pordenone 23°
Caserta 23°
Pisa 23°
Pistoia 23°
Prato 23°
Grosseto 22°
Trieste 22°
Terni 22°
Le più Fredde
Località T°C
Enna 14°
Ancona 15°
Nuoro 15°
Aosta 15°
Messina 16°
Potenza 16°
Cagliari 16°
Crotone 16°
Campobasso 16°
Catania 16°
Domani Domenica 21 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Pisa 23°
Grosseto 23°
Firenze 23°
Lucca 23°
Pistoia 23°
Terni 23°
Prato 23°
Roma 23°
Palermo 22°
Pordenone 22°
Le più Fredde
Località T°C
Enna 13°
Potenza 14°
Ancona 15°
Nuoro 15°
Aosta 16°
Crotone 16°
Ragusa 16°
Catanzaro 16°
L'aquila 16°
Cagliari 16°