Non chiamatele vittime “del maltempo”, l’incuria è solo colpa nostra

Nel 2018 in un paese come l’Italia sembra incredibile dover parlare ancora di vittime “del maltempo”. Eppure eccoci qua,  in questi giorni di incessanti piogge, venti oltre i 200 km/h e mareggiate che, come annunciato da migliaia di scienziati, stanno diventando sempre più frequenti dimostrando per l’ennesima volta che il Mediterraneo è un “hotspot” dei cambiamenti climatici. Tuttavia, sostenere che queste vittime sono state causate dal maltempo è erroneo e fuorviante. 

La villetta allagata a Casteldaccia, nei pressi di Palermo, Sicilia

La villetta allagata a Casteldaccia, nei pressi di Palermo, Sicilia

In rari casi, infatti, il maltempo ha direttamente causato vittime sul suolo italiano. Certo, in alcuni casi possono verificarsi situazioni difficili da prevedere (ad es. la scarica di un fulmine), ma la maggior parte delle vittime “dovute al maltempo” sono quasi interamente colpa nostra. Per capirlo basta partire da qualche esempio. Quanti si trovavano in macchina, magari su di un ponte pericolante gravato dalla piena del fume, nel bel mezzo di un periodo di allerta? Quanti avevano inseguito una tromba d’aria solo per il gusto di postare il video sui social? Quanti non avevano rispettato le norme ambientali per la costruzione di una casa o di un esercizio commerciale in aree ad alto rischio idrogeologico? 

La verità è che il maltempo raramente uccide: sono le nostre scelte sbagliate a farlo! 

Scelte dettate da una logistica ambientale pressoché inesistente. Spesso gli investimenti o scelte di carattere ambientale non si dimostrano adatte alle problematiche, basta pensare che l’Italia, uno dei paesi con la maggiore varietà di scenari meteorologici in manciate di chilometri, non ha un centro nazionale meteorologico ufficiale (non militare). I servizi meteorologici continuano ad essere frammentati da regione a regione rendendo di fatto impossibile reperire dati per fare statistiche su questo tipo di eventi estremi. Eventi estremi dovuti in parte al cambiamento climatico sul quale, di nuovo, non si agisce da tempo. Non esiste un incentivo all’uso di energie rinnovabili, un piano per la riqualificazione energetica degli edifici che sprecano energia, un minimo investimento per limitare il dissesto idrogeologico.

Foreste di alberi rase al suolo dai forti venti nei giorni scorsi

Foreste di alberi rase al suolo dai forti venti nei giorni scorsi

Come non esiste una cultura meteorologica o climatica di fondo. Come è possibile che, nei continui tagli all’università , stiano continuando a sparire corsi di laurea che insegnano proprio a valorizzare l’ambiente cercando di capire l’evoluzione a lungo termine delle variabili geofisiche fondamentali (temperatura, precipitazione…). Siamo paradossalmente uno dei pochi paesi che non investe in meteorologia, nonostante ne abbia estremamente bisogno!

Eppure sembra che si preferisca fare finta finché non ci siano “pezzi” di montagna che letteralmente collassano, alberi che vengono rasi al suolo dalle raffiche di scirocco. Oppure vogliamo fare finta fino a che sotto a quegli alberi e montagne non ci sarà la nostra famiglia o noi stessi?

Articolo di Guido Cioni del 05 Novembre 2018 alle ore 17:55

Altri articoli di approfondimento

Lungo weekend pasquale inizia bene con sole e caldo, ma resisterà fino a Pasquetta?

Analisi meteo medio termine: weekend di Pasqua molto mite e soleggiato, peggiora a Pasquetta?

Aggiornamento Pasqua e Pasquetta: dura lotta tra vortice maltempo e stabilità!

Primavera in gran spolvero, salgono le temperature in Europa ed in Italia

L’inquinamento marino da plastica costa 2.500 miliardi di dollari all’anno

Gelate tardive in Europa: vitigni a rischio

Tendenza meteo Pasqua e Pasquetta: Italia divisa tra bel tempo e vortice, cosa accadrà?

Inondazioni devastanti in Iran, 77 morti e oltre 200.000 sfollati

Ultime ore instabili con temporali: in settimana rimonta l’anticiclone!

Ondata di freddo su Europa settentrionale e centrale, domenica instabile e più fredda anche sull’Italia!

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Venerdi 19 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Pisa 22°
Oristano 22°
Firenze 22°
Lucca 22°
Caserta 22°
Grosseto 22°
Terni 22°
Pistoia 22°
Sassari 21°
Prato 21°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 14°
Ancona 14°
Potenza 14°
Enna 14°
Messina 15°
L'aquila 15°
Campobasso 16°
Crotone 16°
Nuoro 16°
Sondrio 16°
Domani Sabato 20 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Firenze 23°
Terni 23°
Lucca 23°
Pisa 23°
Caserta 23°
Pistoia 23°
Prato 23°
Pordenone 23°
Gorizia 22°
Mantova 22°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 14°
Enna 14°
Ancona 15°
Messina 15°
Nuoro 15°
Potenza 16°
L'aquila 16°
Campobasso 16°
Cagliari 16°
Catania 16°