Temporali “estivi” in inverno, oltre 40.000 fulmini negli ultimi 2 giorni,

Negli ultimi giorni molti si sono stupiti nel sentire il rombo dei tuoni nel cuore dell’inverno. I temporali che si sono sviluppati sia al nord che al sud sono, in effetti, anomali e dovuti alla particolare configurazione che è andata sviluppandosi nelle ultime 48 ore. 

La figura sottostante raccoglie le fulminazioni rilevate negli ultimi 2 giorni sul nostro paese: ogni punto rappresenta una scarica ed è colorato in base al momento in cui è stato misurato (dal verde, fenomeni passati, al rosso, fenomeni più recenti). Delle oltre 40.000 scariche totali rilevate in questo periodo la maggior parte è concentrata sulle regioni centro-settentrionali, mentre il resto fa parte dei temporali che stanno interessando il meridione in queste ore.

Fulminazioni rilevate negli ultimi 2 giorni

Fulminazioni rilevate negli ultimi 2 giorni

Ma cosa ha causato la comparsa di temporali nel bel mezzo dell’inverno? 

I fenomeni temporaleschi si formano sempre per il contrasto di masse d’aria con, per semplificare, temperature molto diverse. Solitamente nei mesi estivi questi contrasti possono nascere per via dell’intenso riscaldamento della superficie o per il passaggio di un fronte di aria fredda. Nella stagione invernale l’energia per la formazione di temporali tende a mancare dato che questi contrasti sono estremamente limitati: l’aria tende ad essere più fredda e spazialmente omogenea.

Tuttavia, nei giorni scorsi un intenso ed anomalo riscaldamento dell’aria in quota ha favorito il ritorno di condizioni simil-primaverili (ricordiamoci degli oltre 20°C al centro-sud). Questo, unito al successivo arrivo di aria più fredda ha creato l’ambiente ideale per lo sviluppo di temporali proprio lungo il confine tra aria calda e fredda. La figura che vi proponiamo di seguito mostra proprio il contrasto tra queste due masse d’aria, riportate come differenza rispetto alla media. 

Anomalie termiche relative alla mezzanotte dell'8 gennaio

Anomalie termiche relative alla mezzanotte dell’8 gennaio

Ecco quindi spiegata la comparsa di temporali “estivi” o “primaverili” nel bel mezzo dell’inverno.

Articolo di Guido Cioni del 10 Gennaio 2018 alle ore 17:55

Altri articoli di approfondimento

Gelo in Siberia, termometri giù fino a -62°C [IMMAGINI]

Gennaio inizia con poca neve su tutto il continente euro-asiatico

Inizio Settimana Variabile e Ventoso: Ipotesi ondata fredda e invernale Weekend!

Medio-Lungo Termine : più freddo con qualche nevicata a bassa quota ad inizio terza decade?

Continua l’avventura con dott. Sandro Carniel, oceanografo che ci parla di marea e del suo ultimo libro “oceani. Il futuro scritto nell’acqua”

Glossario meteorologico: la saccatura

Alla scoperta della Marea, attraversando le Hawaii e la villa di Magnum P.I, con il ricercatore Sandro Carniel

Temporali “estivi” in inverno, oltre 40.000 fulmini negli ultimi 2 giorni,

Pioggia e temperature elevate in Antartide? Sì, fenomeni in aumento negli ultimi anni!

Sotto la lente : Domani maltempo al centro-sud, migliora al settentrione

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Martedi 16 Gennaio
Le più Calde
Località T°C
Avellino 10°
Brescia 10°
Padova 10°
Mantova 10°
Perugia 10°
Rieti 10°
Pavia 10°
Piacenza
Trieste
Cremona
Le più Fredde
Località T°C
Cosenza 10°
Arezzo 10°
Enna 10°
Venezia 10°
Verona 10°
Rovigo 10°
Vicenza 11°
Vibo Valentia 11°
Frosinone 11°
Ferrara 11°
Domani Mercoledi 17 Gennaio
Le più Calde
Località T°C
Ferrara 10°
Vicenza 10°
Alessandria 10°
Parma 10°
Arezzo 10°
Piacenza
Treviso
Asti
Enna
Mantova
Le più Fredde
Località T°C
Aosta
Sondrio
Bologna 10°
Perugia 10°
Padova 10°
Rieti 10°
Modena 10°
Rovigo 10°
Venezia 10°
Genova 10°