L’inverno non molla gli States, prevista tempesta di neve sulla East Coast

Mentre in Europa la primavera imperversa, tanto da portare temperature estive in Spagna, dall’altra parte dell’Atlantico la situazione è completamente capovolta. Una discesa di aria fredda prevista nei prossimi giorni causerà infatti lo sviluppo di una delle tipiche tempeste invernali spesso osservate sulla costa orientale degli Stati Uniti (chiamate in gergo Nor’Easter).

L’animazione dei campi di temperatura (colori) e “pressione” (linee bianche) a circa 1500 metri di quota permette di identificare chiaramente la “lingua” di aria fredda, caratterizzata da temperatura ben sotto lo zero, che si estende quasi fino alla Florida.

Animazione previsione altezza geopotenziale e temperatura a 850 hPa

La chiusura delle linee indica invece la presenza di un minimo isolato che si muove seguendo la costa orientale e provoca lo sviluppo di venti diretti da sud verso nord sull’Atlantico. Questo a sua volta causa un trasporto di aria molto calda evidenziato da una equivalente “lingua” di aria calda che, alla stregua di un pungiglione, viene piegata verso il centro del sistema.

Il fermo immagine relativo alle ore 3 di mercoledì mostra bene queste due strutture che vanno a formare la struttura della bassa pressione. È proprio il contrasto tra aria calda proveniente dall’Atlantico ed aria fredda in discesa dal Polo che guida l’intensificazione di tempeste come questa. 

Altezza di geopotenziale e temperatura a 850 hPa (circa 1500 metri)

Altezza di geopotenziale e temperatura a 850 hPa (circa 1500 metri)

Tale contrasto è massimizzato in corrispondenza del centro del ciclone che, al momento in cui abbiamo scattato questa istantanea, si trova nei pressi di New York. Non stupisce quindi scoprire che i fenomeni perturbati più intensi siano previsti proprio in questa area. 

Per verificarlo possiamo dare un’occhiata sia alla struttura verticale del sistema depressionario che all’accumulo di neve previsto. Il grafico sottostante è ottenuto “tagliando” la mappa mostrata prima lungo la linea bianca. Si ottiene quindi una figura che mostra in funzione della distanza (orizzontale) e dell’altezza (pressione) la temperatura (colori) ed i venti.

Sezione verticale del ciclone nella fase matura, alle ore 3 di  mercoledì

Sezione verticale del ciclone nella fase matura, alle ore 3 di mercoledì

Notate la discesa dell’aria fredda sul lato occidentale che viene bilanciata dalla risalita di aria calda su quello orientale. Il grafico delle precipitazioni previste permette anche di identificare la transizione tra neve e pioggia, con quantitativi localmente fino a 50 mm

Dato che 1 mm di pioggia equivale approssimativamente ad 1 cm di neve fusa, è facile immaginarsi come gli accumuli nevosi potranno localmente superare il mezzo metro. La mappa sottostante mostra proprio l’accumulo totale di neve previsto da oggi fino a giovedì. Notate come i massimi (localmente anche oltre i 50 cm) siamo presenti proprio in prossimità delle coste nord-orientali.

Previsione dell'accumulo di neve e dei campi in quota

Previsione dell’accumulo di neve e dei campi in quota

Da questa mappa si evince che la città di New-York sarà probabilmente solo sfiorata, mentre i fenomeni più intensi si concentreranno più a nord.

In ogni caso si tratta di un evento che sicuramente creerà notevoli disagi, soprattutto ai trasporti, vista la coesistenza di intense precipitazioni nevose e forti venti. 

Articolo di Guido Cioni del 13 Marzo 2017 alle ore 13:35

Altri articoli di approfondimento

Rinfrescata in arrivo, ma il resto del mese sarà più caldo del normale

Luglio chiude ben oltre la media, e l’inizio di Agosto non è da meno…

Quando le nuvole toccano i 70 sotto zero (son problemi)

Scienza o politica? Climatologi vs Trump

Temperature giù a partire da giovedì, più tardi anche per il sud. Tutti i dettagli

Temporali anche intensi nel tardo pomeriggio-serata di domenica

Mediterraneo “bollente”, temperature superficiali oltre i 30°C anche sulle nostre coste

A quando la fine del caldo “africano”? Ultimi aggiornamenti poco incoraggianti

Nottate “tropicali”, soprattutto nei centri urbani

Riscaldamento globale, a cambiare non sono solo le temperature medie

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Sabato 19 Agosto
Le più Calde
Località T°C
Foggia 38°
Matera 35°
Lecce 34°
Macerata 34°
Bologna 34°
Alessandria 34°
Terni 34°
Nuoro 34°
Ravenna 33°
Modena 33°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 24°
Belluno 25°
Savona 25°
Genova 26°
Sondrio 26°
Livorno 26°
Messina 27°
La Spezia 27°
Ancona 27°
Bolzano 27°
Domani Domenica 20 Agosto
Le più Calde
Località T°C
Matera 35°
Foggia 35°
Grosseto 34°
Palermo 33°
Agrigento 33°
Ragusa 33°
Bari 32°
Lecce 32°
Siracusa 32°
Roma 32°
Le più Fredde
Località T°C
Belluno 23°
Aosta 24°
Sondrio 24°
Cuneo 24°
Biella 24°
Lecco 25°
Varese 25°
Rimini 25°
Bolzano 25°
Bergamo 25°