Il mistero delle aurore su Marte senza campo magnetico globale

Anche Marte ha le sue aurore come la Terra, un fenomeno ricercato dagli osservatori del cielo per i suoi effetti spettacolari, ma anche affascinante dal punto di vista scientifico. Sappiamo che le aurore sul nostro pianeta, boreale e australe, sono la conseguenza dei bagliori atmosferici, che si verificano quando le particelle del vento solare entrano in contatto con la magnetosfera terrestre. Sul pianeta rosso, tuttavia, non c’è un campo magnetico globale come sulla Terra. Quindi, come si formano le aurore osservate su Marte?

I bagliori atmosferici sono fenomeni comuni nel nostro sistema solare: finora sono stati osservati su tutti i pianeti tranne Mercurio, sulle lune di Giove e persino su una cometa. Il fenomeno acquisisce però un aspetto ancora più interessante quando si parla di Marte, noto per la perdita del proprio campo magnetico globale, fattore che svolge un ruolo cruciale nella formazione di aurore.

In realtà, Marte non è totalmente privo di magnetismo. Alcune regioni della crosta presentano dei campi magnetici localizzati, in particolare nell’emisfero australe. Ed è in queste regioni che avvengono le interazioni con il vento solare, producendo le aurore del pianeta rosso.

In uno studio pubblicato su. Journal of Geophysical Research: Space Physics, un team di ricercatori ha esaminato il ruolo fondamentale delle condizioni del vento solare rispetto alle aurore di Marte. Utilizzando i dati della navicella spaziale Mars Atmosphere and Volatile Evolution (MAVEN), che raccoglie immagini ultraviolette del pianeta rosso dal 2014, e del Solar Wind Ion Analyzer, gli scienziati hanno confrontato i dati sulla pressione dinamica del vento solare, la forza e l’angolo del campo magnetico con i dati ultravioletti sulle aurore marziane.

Aurore discrete di Marte (Emirates Mars Mission).

“All’interno della regione del forte campo crostale, il tasso di occorrenza dell’aurora dipende principalmente dall’orientamento del campo magnetico e del vento solare”, spiega il fisico e astronomo Zachary Girazian dell’Università dell’Iowa. In alcuni orientamenti, il vento solare sembra favorire gli eventi di riconnessione magnetica o l’accelerazione delle particelle indispensabile per produrre i bagliori ultravioletti. All’esterno della regione del forte campo crostale, invece, la frequenza di rilevamento delle aurore è legata principalmente alla pressione dinamica del vento solare.

Questi risultati, secondo i ricercatori, rivelano nuove informazioni sulla formazione di aurore e sulle interazioni del vento solare con pianeti il cui campo magnetico globale è decaduto, aiutando a comprendere questi fenomeni su pianeti molto diversi dal nostro. “Il database delle osservazioni dell’aurora discreta che abbiamo da MAVEN è il primo del suo genere”, scrive Girazian, “permettendoci per la prima volta di comprendere le caratteristiche di base dell’aurora”.

Articolo di Erika del 23 Maggio 2022 alle ore 18:15

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Domenica 26 Giugno
Le più Calde
Località T°C
Sassari 40°
Benevento 37°
Palermo 37°
Firenze 36°
Caserta 36°
Foggia 36°
Mantova 36°
Ragusa 36°
Bologna 36°
Terni 36°
Le più Fredde
Località T°C
Ancona 25°
Aosta 25°
Savona 26°
Belluno 27°
Crotone 27°
Biella 27°
Venezia 27°
Cagliari 27°
Genova 28°
Cuneo 28°
Domani Lunedi 27 Giugno
Le più Calde
Località T°C
Chieti 41°
Foggia 40°
Macerata 40°
Teramo 39°
Nuoro 39°
Rimini 39°
Bologna 39°
Palermo 39°
Matera 38°
Ascoli Piceno 38°
Le più Fredde
Località T°C
Savona 26°
Aosta 27°
Genova 27°
Cagliari 27°
Livorno 28°
Biella 28°
Ancona 29°
Belluno 29°
Imperia 29°
Crotone 29°