Piante medicinali, una conoscenza a rischio estinzione insieme alle lingue indigene

Tempo di lettura: 1 minuto.

Molte conoscenze sulle proprietà medicinali delle piante sono legate a lingue indigene che potrebbero scomparire per sempre.

Le piante vengono utilizzate da migliaia di anni per le loro proprietà curative e doti medicinali, grazie alle conoscenze tramandate nei popoli e diffuse in tutto il mondo. La scomparsa delle lingue indigene però potrebbe significare anche la perdita di queste conoscenze nel tempo, fortemente legate all’uso di idiomi e termini specifici.

Oggi riconosciamo 12.495 proprietà medicinali nelle piante, associabili a 230 lingue indigene parlate nel mondo. Un nuovo studio ha preso in esame le regioni principali che ospitano popolazioni indigene e che godono di una ricca biodiversità culturale e naturale: il Nord America, l’Amazzonia nord-occidentale e la Nuova Guinea. Le proprietà medicinali delle piante sono note quasi esclusivamente in una sola lingua, soprattutto in Amazzonia (91%), poi in Nuova Guinea (84%) e infine nel Nord America (73%).

Soltanto in Amazzonia oggi si contano 330 idiomi, tra cui quelli dei Paritintin, Kanoe, Matipu e altri popoli formati da pochissime decine di persone. Oltre quelle lingue che accomunano centinaia di milioni di persone, come il cinese mandarino (921 milioni di madrelingua), lo spagnolo (471 milioni) o l’inglese (369,9 milioni), esistono molte altre lingue antichissime e che rischiano di scomparire, come quella degli Hmong nell’Himalaya o di un’altra settantina di popoli che comunicano attraverso fonemi unici.

In totale, l’Unesco conta circa 6.500 lingue nel mondo, ma ben 2.700 o più sono a rischio estinzione. E la scomparsa delle lingue indigene significherebbe anche la perdita di un prezioso patrimonio di conoscenze, che diventerebbe irrecuperabile.

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dedicato il decennio 2022-2032 alle lingue indigene, per cercare di preservarle dalla scomparsa permanente e restituire i diritti ai popoli indigeni, esprimendo “profonda preoccupazione” per l’enorme numero di lingue in pericolo. Salvare questo patrimonio è necessario ed urgente, come anche tutelare i diritti dei popoli indigeni e garantire loro “libertà di esprimersi” e la possibilità di “partecipare alla vita pubblica utilizzando il proprio idioma”.

Articolo di Erika del 09 Giugno 2021 alle ore 18:17

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Venerdi 18 Giugno
Le più Calde
Località T°C
Foggia 34°
Bologna 34°
Ferrara 34°
Mantova 33°
Modena 33°
Ravenna 32°
Cremona 32°
Parma 32°
Matera 32°
Oristano 32°
Le più Fredde
Località T°C
Savona 23°
Cagliari 23°
Vibo Valentia 24°
Crotone 24°
Genova 24°
Ancona 24°
Messina 25°
Livorno 25°
Imperia 25°
Catania 25°
Domani Sabato 19 Giugno
Le più Calde
Località T°C
Sassari 39°
Oristano 38°
Foggia 36°
Ferrara 36°
Bologna 36°
Modena 35°
Mantova 34°
Rovigo 34°
Macerata 34°
Ravenna 34°
Le più Fredde
Località T°C
Savona 23°
Genova 25°
Livorno 25°
Ancona 25°
Vibo Valentia 26°
Cagliari 26°
Messina 26°
Brindisi 26°
Imperia 27°
Trapani 27°