Giornata mondiale dell’acqua: in Italia cresce il consumo in bottiglia anche se costa 6mila volte di più

Tempo di lettura: 2 minuti.

La perdita di acqua nelle reti idriche continua ad essere altissima, con una percentuale del 37,3%, mentre il consumo medio resta piuttosto elevato. L’acquisto di acqua in bottiglia è aumentato del 4,5%.

Ogni anno il 22 marzo  si celebra la Giornata mondiale dell’acqua, una ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, per la quale l’Istat ha diffuso le nuove statistiche sul consumo in Italia di questa risorsa essenziale per la vita. L’utilizzo di questo bene sempre più soggetto a carenza è disseminato di fattori sfavorevoli, cui seguono dei dati piuttosto preoccupanti. In primo luogo, le falle nelle infrastrutture idriche italiane determinano una consistente e sistematica perdita di acqua, che nel 2018 è stata del 37,3%. Ogni anno una quantità simile va dispersa – nel 2016 il 39%, anziché giungere agli utenti finali, creando gravi ripercussioni finanziarie e ambientali, senza contare la scarsità idrica che già caratterizza, in modo sempre più rilevante, il nostro territorio.

A livello locale, esistono notevoli variazioni nella distribuzione e nella perdita di acqua. In media un comune su tre, ad esempio, riporta perdite superiori al 45%, ma alcune città hanno toccato valori molto più alti – ad esempio Chieti (74,7%), Frosinone (73,8%), Latina (69,7%). Secondo la Federazione delle imprese idriche, ambientali ed energetiche servirebbero 7,2 miliardi di euro per riparare al danno, oltre che una politica industriale adeguata. Resta piuttosto elevato invece il prelievo di acqua per uso potabile a livello complessivo, cioè destinato agli usi domestici, pubblici, commerciali e produttivi, con 9,2 miliardi di metri cubi utilizzati. Una quantità che potrebbe senz’altro essere ridotta e che conta comunque grandi sprechi.

Ma nonostante l’uso spesso inconsapevole nel nostro paese, della grande quantità di acqua potabile prelevata pochissima finisce nei bicchieri degli italiani. In ambito domestico, nel 2018 ogni famiglia italiana ha speso in media 14,65 euro al mese nel consumo di acqua, ovvero lo 0,6% della spesa complessiva per beni e servizi. Allo stesso tempo, sono stati spesi 12,48 euro in media per l’acquisto di acqua in bottiglia, ovvero il 4,5% in più rispetto all’anno precedente. L’acqua in bottiglia continua ad essere favorita rispetto a quella del rubinetto, nonostante questa sia perfettamente sicura. Ma in termini di costo unitario, evidenzia l’Istat, questa preferenza costa alle famiglie italiane circa 6.000 volte di più.

Articolo di Erika del 22 Marzo 2020 alle ore 14:01

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Mercoledi 01 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Vicenza 10°
Lecce 10°
Bari 10°
Salerno 10°
La Spezia 10°
Vibo Valentia 10°
Imperia 10°
Udine 10°
Verona 10°
Bologna 10°
Le più Fredde
Località T°C
L'aquila
Parma 10°
Modena 10°
Rovigo 10°
Lodi 10°
Firenze 10°
Gorizia 10°
Brindisi 10°
Prato 10°
Padova 10°
Domani Giovedi 02 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Teramo 10°
Pescara 10°
Macerata 10°
Fermo 10°
Isernia 10°
Sondrio
Chieti
Ancona
Belluno
Enna
Le più Fredde
Località T°C
Rimini 10°
Nuoro 10°
Genova 10°
Vibo Valentia 10°
Savona 10°
Perugia 11°
Ascoli Piceno 11°
Biella 11°
Rieti 11°
Livorno 11°