Niente più microplastiche nei cosmetici, entra in vigore il divieto 2020

Da quest’anno non saranno più commerciabili i prodotti per la cura personale contenenti microplastiche.

Anche in Italia dal 1 gennaio 2020 è entrato in vigore il bando per le microplastiche nei prodotti destinati alla cura e all’igiene personale. Parliamo delle note “microsfere” presenti spesso in dentifrici, detergenti per il viso, o altri prodotti ad azione esfoliante, che sono essenzialmente piccoli frammenti di plastica, la cui grandezza non supera i 5 millimetri.  

Il divieto di commercializzare prodotti di questo tipo diventa ufficiale quest’anno, dopo che nel 2017, anche grazie alla campagna #Faidafiltro lanciata da Marevivo, Legambiente, Greenpeace, Lav, Lipu, MedSharks e WWF, il Parlamento italiano aveva acconsentito al rilascio dell’emendamento in favore della salvaguardia delle acque e del suolo, dove queste sostanze inquinanti sono state rilasciate finora, senza alcuna limitazione.

Le microplastiche in questione non hanno le dimensioni sufficienti per essere trattenute dai sistemi di depurazione, pertanto finiscono direttamente in mare attraverso gli scarichi domestici, diventando una minaccia per la fauna marina e contaminando i fanghi di depurazione destinati all’agricoltura. Soltanto nel 2016 era scattato l’allarme per questo tipo di inquinamento, che il Rapporto Frontiers dell’UNEP aveva collocato tra le minacce ambientali emergenti.

Va comunque precisato che l’inquinamento da microplastiche non deriva soltanto dalle particelle messe appositamente nei cosmetici, per cui si tratta soltanto di una piccola parte del totale, che va dallo 0,01% al 4,1%, secondo alcuni studi. Il rapporto “Plastic in Cosmetics” dell’UNEP del 2015 stimava che ogni giorno soltanto nei mari europei finivano circa 24 tonnellate di particelle di microplastiche derivanti dai prodotti cosmetici, per un totale di 8.600 tonnellate l’anno.

Vietare il commercio dei cosmetici contenenti microplastiche non risolverà del tutto il problema, ma ridurrà comunque l’impatto ambientale di questa materia. Laddove la presenza di plastica è del tutto superflua – sono già presenti in commercio numerose alternative come i micro granuli di pomice, semi di albicocca, micro frammenti di frutta secca – è doveroso adottare subito strategie più eco-sostenibili, nell’ottica di estendere certe modalità di commercio e consumo anche ad altre tipologie di prodotti.

Articolo di Erika del 18 Febbraio 2020 alle ore 19:32

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Mercoledi 01 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Vicenza 10°
Lecce 10°
Bari 10°
Salerno 10°
La Spezia 10°
Vibo Valentia 10°
Imperia 10°
Udine 10°
Verona 10°
Bologna 10°
Le più Fredde
Località T°C
L'aquila
Parma 10°
Modena 10°
Rovigo 10°
Lodi 10°
Firenze 10°
Gorizia 10°
Brindisi 10°
Prato 10°
Padova 10°
Domani Giovedi 02 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Teramo 10°
Pescara 10°
Macerata 10°
Fermo 10°
Isernia 10°
Sondrio
Chieti
Ancona
Belluno
Enna
Le più Fredde
Località T°C
Rimini 10°
Nuoro 10°
Genova 10°
Vibo Valentia 10°
Savona 10°
Perugia 11°
Ascoli Piceno 11°
Biella 11°
Rieti 11°
Livorno 11°