Tempeste di neve eccezionali in Canada: innumerevoli disagi e località letteralmente sommerse

Violentissime tempeste di neve si sono abbattute sul Canada nei giorni scorsi, tra il 16 e il 18 gennaio, segnatamente tra il Labrador e l’isola di Newfoundland (Terranova). L’evento ha caratteristiche di eccezionalità per intensità e durata, diverse comunità sono state letteralmente sepolte con innumerevoli danni e disagi e con le comunicazioni completamente bloccate. Dichiarato lo stato di emergenza e richiesta di soccorsi alla Guardia Nazionale.

Sono settimane di Vortice Polare molto forte e compatto, con velocità di rotazione molto elevate sia in Stratosfera e sia in Troposfera, a causa dell’ESE COLD (Forte Stratcooling) in atto in Stratosfera. Il Vortice Polare Troposferico risulta conseguenzialmente dislocato e ubicato, per una buona parte, tra Islanda, Groenlandia, Canada e Polo nord. Su tali aree ritroviamo valori di geopotenziale estremamente bassi, con profondissimi vortici depressionari accompagnati da isoterme estremamente gelide in quota. Basti pensare che a 850hpa (1400 mt) ritroviamo valori attualmente anche inferiori ai -30°C, come possiamo vedere da questa emisferica odierna:

Distribuzione termica attuale a 850hpa (1400 mt) su scala emisferica. GFS – Meteociel –

Nello specifico nei giorni scorsi, precisamente tra il 16 e 18 gennaio, violentissime tempeste di neve si sono abbattute tra il Labrador e l’Isola di Newfoundland (Terranova) in Canada, accompagnate da fortissimi venti, con raffiche localmente anche oltre i 150 km/h. Sebbene il Labrador e Terranova non siano estranei a fenomeni meteorologici intensi nel periodo invernale, questo evento per intensità e durata non trova riscontro nel passato da quando sono iniziate le rilevazioni nel 1942. La bufera ha imperversato senza sosta portando accumuli giornalieri record, come i 76 cm caduti sull’Aeroporto di Saint Jhon, battendo anche il precedente record di Aprile del 1999 con 68 cm. Gli accumuli di neve, in diverse zone, hanno raggiunto i 5 metri di altezza provocando danni e disagi innumerevoli, con intere comunità rimaste letteralmente sepolte con le comunicazioni completamente bloccate. E’ stato dichiarato lo stato di emergenza con richiesta di soccorsi alla Guardia Nazionale.

Le forze armate hanno aiutato la gente ad uscire dalle abitazioni, dove era rimasta bloccata, senza elettricità, a causa delle enormi quantità di neve. L’intervento dell’esercito, con circa 200 uomini, ha aiutato anche a rimuovere la neve dalle strade, a portare i residenti nei centri di emergenza e ad assicurarsi la salvezza di anziani e persone ammalate. Ma andiamo a visionare, a tal proposito, un video e alcune immagini, davvero impressionanti inerenti alla storica tempesta di neve dei giorni scorsi:

Articolo di Alberto Fucci del 21 Gennaio 2020 alle ore 20:41

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Domenica 27 Settembre
Le più Calde
Località T°C
Aosta
Catania 26°
Siracusa 26°
Bari 26°
Lecce 25°
Brindisi 25°
Palermo 25°
Taranto 24°
Trapani 24°
Foggia 24°
Le più Fredde
Località T°C
Belluno 12°
L'aquila 13°
Perugia 14°
Siena 14°
Viterbo 14°
Biella 14°
Sondrio 14°
Arezzo 15°
Varese 15°
Cuneo 15°
Domani Lunedi 28 Settembre
Le più Calde
Località T°C
Siracusa 27°
Catania 26°
Crotone 24°
Lecce 24°
Brindisi 24°
Palermo 24°
Bari 23°
Taranto 23°
Messina 23°
Foggia 23°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 14°
L'aquila 14°
Potenza 15°
Gorizia 16°
Rieti 16°
Udine 16°
Campobasso 16°
Isernia 16°
Belluno 16°
Nuoro 17°